Narcolessia canina: cos'è e cosa fare?

07 novembre, 2020
Vi è capitato che il vostro cane si sia addormentato mentre correvate o facevate attività? Anche se non sembra, è possibile che soffra di narcolessia, un disturbo del sonno che non si limita agli esseri umani.

Immaginate un pomeriggio con il vostro animale domestico mentre passeggiate nel parco. Il vostro cane corre felice mentre gioca con altri cani, quando all’improvviso cade a terra in un sonno profondo, come se fosse nel suo letto. Cosa può essergli successo? Un infarto? Forse il vostro cane sta soffrendo di un episodio di narcolessia canina.

Prima di tutto, niente panico. La narcolessia non è una malattia letale, ma è qualcosa a cui bisogna prestare attenzione. Questo disturbo del sistema nervoso si verifica soprattutto nei cani o gatti giovani, proprio come negli esseri umani. Continuate a leggere per saperne di più sulla narcolessia canina!

Come si sviluppa un episodio di narcolessia canina?

Durante un episodio di narcolessia, si verifica il collasso totale dell’animale e la perdita di movimento. Letteralmente, l’animale cade in un torpore profondo come se fosse in un sonno REM, quella fase in cui gli occhi si muovono velocemente e manca il tono muscolare.

Molte volte, l’attacco narcolettico si verifica quando il cane è in un momento molto attivo fisicamente, cioè quando gioca o corre. Ciononostante, dopo pochi secondi o minuti che il cane è caduto a terra, si sveglia bruscamente come se non fosse successo nulla.

A volte la narcolessia è legata ad un altro disturbo neurologico chiamato cataplessia, che causa la paralisi temporanea dei muscoli e la perdita dei riflessi. Normalmente, un cane mantiene la consapevolezza di coloro che lo circondano e può essere risvegliato da una stimolazione fisica o sonora.

Cause narcolessia canina. Cane che dorme sul pavimento.

Quali sono le cause della narcolessia canina?

La narcolessia canina è associata a fattori genetici o ereditari. Tuttavia, può anche derivare da altre patologie come l’obesità e i disturbi del sistema immunitario. La ricerca relativa a questo disturbo neurologico ha determinato che la causa è un neurotrasmettitore chiamato oressina o ipocretina.

Secondo questi studi, quando si verificano anomalie nei recettori di questo neurotrasmettitore, la normale regolazione dei cicli sonno-veglia viene interrotta.

Inoltre, hanno identificato le razze che più probabilmente subiranno una mutazione nel gene che dà origine a questi recettori. Alcune di queste sono: labrador retriever, barboncino, pinscher e il bassotto tedesco.

Come diagnosticare la narcolessia canina?

Il fatto che un cane cada improvvisamente in un sonno profondo non è un fattore determinante nella diagnosi della narcolessia canina. Dovrebbero essere esaminati e monitorati a lungo altri fattori.

Sarebbe consigliabile l’esecuzione di una PCR per rilevare il gene mutato all’interno del genoma del cane. In questo modo il veterinario eliminerebbe rapidamente qualsiasi dubbio. Tuttavia, questo test non viene eseguito in tutti i laboratori del mondo e potrebbe costare molto.

Pertanto, il veterinario molto probabilmente chiederà un monitoraggio continuo dei presunti episodi narcolettici subiti dall’animale:

  • Cosa stava facendo il cane poco prima?
  • Quanto dura il presunto episodio?
  • Descrizione dettagliata dell’attacco.
  • Determinare se c’è stato uno stimolo precedente, per cercare di provocare un episodio nella clinica stessa.

I sintomi della narcolessia canina possono essere assimilati o manifestarsi contemporaneamente ad altri tipi di condizioni, come le malattie cardiache, il diabete o l’epilessia canina. Pertanto, il vostro veterinario vorrà probabilmente eseguire altri tipi di esami del sangue, delle urine e biochimici per escludere altre malattie.

Un cane può essere curato dalla narcolessia?

Purtroppo oggi non esiste una cura specifica e definitiva per la narcolessia canina, così come non esiste una cura per la narcolessia nell’uomo. Tuttavia, determinare i fattori che possono portare un cane a subire un episodio può aiutare a prevenire attacchi futuri.

Se il cane, ad esempio, ha spesso un episodio dopo aver giocato con una palla o aver passato troppo tempo al parco, cercate di ridurre o evitare il più possibile queste azioni.

Come abbiamo detto, la narcolessia canina non è un disturbo grave, ma se il vostro cane si addormenta e cadendo si colpisce la testa, potreste trovarvi di fronte ad un’emergenza veterinaria.

Cane che dorme su una coperta.

La vita di un cane con la narcolessia

La cosa più importante da sapere è che quando il vostro cane ha un episodio di narcolessia, non soffre di alcun dolore o disagio. Se si parte da questo punto, il fatto che un cane conviva con questo disturbo neurologico non rappresenta una riduzione del suo benessere.

Se siete dei tutor con un cane in questa condizione, dovreste semplicemente essere molto consapevoli degli stimoli che causano l’addormentamento improvviso del cane.

Ricordate di evitare certe situazioni e di mantenere una comunicazione regolare con il veterinario, poiché alcuni studi hanno dimostrato una certa degenerazione neurale nel cervello dei cani che soffrono di narcolessia.

  • Deborah Eileen Menezes Baliellas, Carolina Vieira Cardoso, Josy Carolina Covan Pontes y Eduardo Fernandes Bondan. (2020). Narcolepsia canina. Revista Clínica Veterinaria. Disponible en: https://www.revistaclinicaveterinaria.com/science/edicion-123/narcolepsia-canina/
  • Foutz, A. S., Mitler, M. M., Cavalli-Sforza, L. L., & Dement, W. C. (1978). Genetic factors in canine narcolepsy. Sleep, 1(4), 413-421.
  • Lin, L., Faraco, J., Li, R., Kadotani, H., Rogers, W., Lin, X., … & Mignot, E. (1999). The sleep disorder canine narcolepsy is caused by a mutation in the hypocretin (orexin) receptor 2 gene. Cell, 98(3), 365-376.
  • Siegel, J. M., Nienhuis, R., Gulyani, S., Ouyang, S., Wu, M. F., Mignot, E., … & Cornford, M. (1999). Neuronal degeneration in canine narcolepsy. Journal of Neuroscience, 19(1), 248-257.