Perché alcuni animali non si prendono cura dei loro piccoli?

Abbandonare un figlio? Questa decisione, condannata dalla nostra specie, è necessaria quando le risorse sono limitate e l’ambiente è piuttosto pericoloso. Qui ti diciamo di più su questa strategia di sopravvivenza!
Perché alcuni animali non si prendono cura dei loro piccoli?
Georgelin Espinoza Medina

Revisionato e approvato da la biologa Georgelin Espinoza Medina.

Ultimo aggiornamento: 10 ottobre, 2023

Scoprire che alcune specie di animali rifiutano i propri piccoli è per noi scioccante, perché siamo mammiferi che forniscono cure parentali. Inoltre, non dobbiamo combattere la natura per sopravvivere.

Ma tutto ha una ragione, e non sempre la perennità della vita e della specie risiede nella protezione dei piccoli. In questo senso, alcune specie optano per la strategia riproduttiva “r”, che consiste nel concepimento di numerosi figli, senza un ampio investimento di tempo, fatica e risorse da parte dei genitori.

Sebbene questa pratica vada contro la nostra emotività, è importante esplorarla dal punto di vista dell’etologia per comprendere meglio il mondo. Descriviamo quindi diversi scenari in cui lottare per la sopravvivenza della prole è, di gran lunga, l’idea peggiore. Non perderti nulla!

Cure parentali: cos’è e a cosa servono?

Anche se, da un punto di vista antropocentrico, prendersi cura della prole sembra l’unica opzione per perpetuare la specie, la verità è che questa è solo una delle tante forme di genitorialità che esistono.

In questo senso entra in gioco il termine “cure parentali”, che indica una strategia comportamentale che consiste nel garantire l’efficacia biologica della prole, attraverso tutta una serie di investimenti:

  • Tempo
  • Sforzo
  • Risorse

Generalmente, le specie che si prendono cura dei loro piccoli lo fanno finché non riescono a prendersi cura di se stesse. Questi animali tendono ad utilizzare una strategia di riproduzione “K”, basata sull’avere un piccolo numero di figli e sull’investimento in essi di molte risorse. Numerosi sono i mammiferi che ne sono un esempio.

Queste specie sono spesso caratterizzate anche da un’infanzia lunga e da cicli di vita lunghi. Nel loro ambiente sono grandi concorrenti per le risorse e raramente costituiscono la base alimentare di un’altra specie.

Sebbene in molte specie partecipino alle cure anche i maschi, gli studi affermano che il loro contributo aumenta la produttività della femmina, ma non garantisce al 100% la sopravvivenza della prole.

Specie di animali senza cure per i più piccoli

All’estremo opposto abbiamo animali, come alcune specie di rettili e invertebrati, che non investono tempo o risorse per garantire la sopravvivenza della propria prole. Qui possiamo parlare della strategia riproduttiva “r” , che consiste nell’avere un gran numero di figli e nel non prendersi cura di loro. Generalmente le specie che attuano questa strategia sono di piccole dimensioni.

Pertanto, la perpetuità della specie si baserà sulle statistiche, poiché un gran numero di discendenti non raggiungerà l’età adulta. Un esempio ben noto è la tartaruga liuto (Dermochelys coriacea), che si reca alla spiaggia natale ogni 2-4 anni per deporre le uova.

Su quella costa seppellirà più di 100 uova per poi lasciarle al loro destino. Quando questi si schiudono, i piccoli intraprendono una pericolosa corsa verso l’acqua e solo alcuni di loro ce la fanno.

Le tartarughe liuto, come molti altri animali che non si prendono cura dei loro piccoli, vivono in ambienti instabili che non consentono loro di investire sforzi nell’allevamento della prole. Anche i discendenti sono indipendenti dal momento in cui nascono.

Perché alcune specie animali rifiutano i loro piccoli?

Come avrai sentito molte volte, in natura non tutto è bianco o nero. A volte l’ambiente diventa pericoloso e troppo impegnativo, tanto che prendersi cura della prole è sinonimo di morte per l’intero gruppo.

In generale, il criterio è solitamente la morte del genitore. Quando ciò accade, la tendenza è quella di abbandonare la prole per garantirsi una nuova cucciolata in futuro.

Un esempio di questo è il coniglio. La loro media riproduttiva è di circa 7 cucciolate all’anno, con circa 5-8 piccoli in ciascuna. Sebbene sia una specie che fornisce cure parentali, queste non durano a lungo. Inoltre, i conigli costituiscono la base della dieta di molti piccoli carnivori, quindi è molto probabile che non tutta la prole sopravviva fino all’età adulta.

In questo scenario, l’abbandono di una cucciolata verrà compensato. Quindi potrai averne un altro in breve tempo, se i genitori sopravvivono. Investire troppe risorse nell’allevamento di 8 conigli, che potrebbero finire negli artigli di una lince, significa come minimo mettere a rischio la popolazione locale.

Infanticidio nel regno animale

Quando un leone africano viene privato della leadership, il nuovo maschio alfa uccide i suoi cuccioli per accoppiarsi con le femmine. Credito: Pum_eva/iStockphoto.

Un’altra delle pratiche che più spesso inorridisce la nostra specie è l’infanticidio. In molte specie di non umani, infatti, ha anche un impatto emotivo molto elevato, soprattutto in quelle in cui si instaurano forti legami filiali. Quindi quale spiegazione viene data per questo?

Da un lato c’è la precisione data nelle righe precedenti: evitare di investire risorse in un allevamento quando l’ambiente è troppo impegnativo. Un esempio sono le madri che uccidono o abbandonano i propri figli quando nascono con deformità e altri difetti, che ne impediranno la sopravvivenza in futuro.

In questo modo si ottiene anche un maggiore accesso a risorse limitate.

Un’altra spiegazione ruota attorno al conflitto sessuale in alcune specie. Nei gruppi in cui un solo individuo esercita il dominio e cerca di trasmettere solo i suoi geni, distruggere la prole di altre coppie è una garanzia per la loro stessa perpetuità.

Un esempio di questo sono i leoni africani. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Behavioral Ecology, quando un nuovo maschio prende il controllo, uccide i cuccioli del precedente per accoppiarsi con le leonesse.

Sopravvivere in natura è complicato

Gli esseri umani, che occupano l’intero globo e lo hanno trasformato al punto che nessun’altra specie è in grado di includerci nella loro dieta, hanno goduto dei vantaggi di disporre di risorse “illimitate”. È da qui che nasce il profondo rifiuto che proviamo quando sappiamo che alcuni animali rifiutano i loro piccoli, ma è importante ampliare la nostra prospettiva.

Non tutti i bambini necessitano di cure. Non tutti i genitori hanno le risorse per andare avanti. Non sempre, infatti, una cucciolata è garanzia di sopravvivenza per la specie. Tuttavia, il nostro privilegio ci dà l’opportunità di adottare la posizione di osservatori neutrali, quindi approfittiamone per comprendere meglio il mondo in cui viviamo.

Potrebbe interessarti ...
L’incredibile istinto materno degli animali
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
L’incredibile istinto materno degli animali

L'istinto materno degli animali è tanto sviluppato quanto quello umano. Molti cuccioli orfani vengono adottati da madri di specie diverse.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.