Petauro dello zucchero: guida per il mantenimento in cattività

I petauri dello zucchero sono in grado di sopravvivere a temperature relativamente fredde, ma la temperatura ideale del loro habitat è tra i 20 e i 30°C. Non è necessario aggiungere un riscaldatore all'interno dell'habitat, ma è bene coprire le prese d'aria e tenerli in una stanza calda. Ricordate che è da evitare la luce diretta del sole.
Petauro dello zucchero: guida per il mantenimento in cattività
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato da il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre, 2022

Il petauro dello zucchero è un piccolo marsupiale che di solito non supera i 18 centimetri di lunghezza. Si caratterizza per il suo aspetto tenero e la curiosa capacità di pianificazione. Grazie a ciò, viene spesso paragonato agli scoiattoli volanti, motivo per cui è diventato popolare ed è considerato da alcuni un buon animale domestico.

Il nome scientifico di questa specie è Petaurus breviceps e appartiene alla famiglia Petauridae. Questi animali sono endemici dell’Australia, dell’Indonesia e della Nuova Guinea, ma per le loro caratteristiche si sono distribuiti in altri Paesi come animali da compagnia. Continuate a leggere e scoprite le linee guida per il mantenimento del petauro dello zucchero in cattività.

È possibile avere un petauro dello zucchero come animale domestico?

Prima di acquistare un petauro dello zucchero, è necessario informarsi sulle leggi vigenti nel vostro Paese. Solitamente è consentito acquisire solo esemplari provenienti da allevamenti consolidati, poiché ciò garantisce che non siano vittime di traffici illeciti. È possibile verificarlo grazie ai permessi e alla documentazione fornita dal luogo in cui l’animale viene venduto.

La maggior parte dei Paesi vi permetterà di avere questo bellissimo animale domestico con i permessi necessari. Tuttavia, le spese iniziali sono generalmente elevate rispetto a qualsiasi altro animale da compagnia. Ricordate che prendersi cura di un essere vivente è una grande responsabilità, quindi dovreste riflettere attentamente se avete il tempo, il denaro e lo spazio necessari per farlo.

Un petauro dello zucchero su un ramo.

Queste restrizioni hanno lo scopo di garantire che il petauro dello zucchero riceva le cure necessarie, ma cercano anche di prevenire l’eventualità che il padrone lo rilasci in altri ecosistemi. In alcuni luoghi, infatti, è vietato tenerlo come animale domestico per il pericolo che rappresenta come specie invasiva. Queste sono le zone in cui è illegale tenerne uno:

  • California.
  • Alaska.
  • Hawaii.
  • Massachusetts.
  • Varie province del Canada.

Il petauro dello zucchero come animale domestico

In generale, il petauro dello zucchero è un animale notturno che ama curiosare ed esplorare ogni angolo della casa. Ciò significa che dovrà avere un ampio spazio affinché si senta a suo agio, altrimenti inizierà a sviluppare comportamenti aggressivi e conflittuali.

I petauri dello zucchero si caratterizzano per essere molto affettuosi con i loro proprietari una volta che instaurano con loro un forte legame. In effetti, amano vivere in gruppo ed essere assistiti, motivo per cui spesso vengono tenuti insieme 2 o più individui nella stessa struttura. Ciò consente loro di rilasciare lo stress e mantenere una buona salute mentale, oltre che fisica.

I proprietari devono essere coscienti del fatto che un petauro dello zucchero ha bisogno di molte cure specifiche, poiché odia la solitudine e non sopporta di vivere in piccoli spazi. Inoltre, la sua attività notturna per molti può risultare problematica. Tutti questi aspetti rendono il possesso di questo animale esotico un po’ più difficile di quanto si possa pensare.

Qual è l’habitat adatto per il petauro dello zucchero?

Questi animali trascorrono la maggior parte della loro vita tra gli alberi, quindi il loro ambiente dovrà essere ampio in altezza e larghezza per cercare di simulare il loro habitat naturale. Per fare ciò, le gabbie devono avere una base minima di 2 metri quadrati e un’altezza di 1,5 metri, anche se è sempre meglio optare per qualcosa di più grande. Queste sono le dimensioni sufficienti per poter mantenere 2 esemplari senza complicazioni.

La gabbia dovrà contenere un piccolo nido (simile a quello degli uccelli) che funge da riparo per gli animali domestici. Questo dovrebbe essere posizionato in alto nell’habitat per farli sentire al sicuro. Allo stesso modo, i contenitori per cibo e acqua dovranno essere posizionati vicino a quest’area, poiché in questo modo non avranno bisogno di scendere ed esporsi per nutrirsi.

Oltre a questo, è necessario che l’habitat abbia rami e lacci che attraversino la gabbia e permettano ai petauri di muoversi. Ricordate che sono ottimi arrampicatori, quindi questo servirà da parco giochi per mantenersi attivi. È possibile anche aggiungere delle ruote per roditori per consentire loro di esercitarsi e tenersi occupati.

Infine, avranno bisogno di un substrato che possano trasportare facilmente, poiché adattano i loro rifugi in modo simile a quello degli uccelli. In genere si usa la carta, ma qualsiasi materiale adatto a roditori come i criceti va bene anche per il petauro. Evitate a tutti i costi di usare segatura o trucioli di legno perché emettono tossine pericolose per questi animali domestici.

Cosa mangia il petauro dello zucchero in cattività?

I petauri sono animali onnivori con una dieta ampia che include frutta, verdura, insetti, nettari e polline. Infatti, sono conosciuti come petauri dello zucchero perché adorano le cose dolci. Bisogna fare attenzione a questo aspetto, perché se la loro dieta non è equilibrata possono presentare seri problemi nutrizionali.

Secondo un articolo della rivista Veterinary Clinics of North America: Exotic Animal Practice, i petauri devono consumare il 30-40% del loro peso corporeo in cibo ogni giorno. Di questi, un terzo deve contenere cibo commerciale (come quello per il gatto o il cane), mentre i restanti 2/3 saranno un misto di frutta e verdura.

La dieta giornaliera per un esemplare del peso di 100 grammi potrebbe essere la seguente:

  • 10 grammi di cibo per gatti.
  • 5 grammi di bacche.
  • 5 grammi di agrumi.
  • 5 grammi di altra frutta.
  • 5 grammi di patata dolce.
  • 1 grammo di insetti vivi (camole della farina, grilli, tenebrioni, larve di mosca, cavallette o altri invertebrati).

Gli insetti sono ottimi integratori per la dieta del petauro, anche se non sono essenziali. Ricordatevi di aggiungere un integratore di calcio in polvere prima di farglieli mangiare, in quanto ciò riequilibrerà meglio la sua dieta. Tenete presente che, nonostante seguano questa dieta, i vostri animali domestici possono essere inclini all’obesità. Pertanto, fateli visitare regolarmente dal veterinario.

È facile legare con un petauro?

Il processo per instaurare un legame con il petauro è semplice, poiché sarà sufficiente stargli vicino senza cercare di maneggiarlo e smetterà di avere paura. In questo modo comincerà ad abituarsi all’odore del suo proprietario e presto si lascerà maneggiare senza problemi. È importante sottolineare che all’inizio può essere molto timido e potrebbe spaventarsi facilmente a causa dei rumori.

La cosa essenziale quando si cerca di legare con un petauro in cattività è la pazienza. Qualsiasi tentativo di forzare il contatto potrebbe portare a stress e rifiuto, ritardando di molto il processo. È meglio se l’animale inizia ad avvicinarsi a voi con i suoi tempi. Un buon modo per farlo è dargli degli snack sotto forma di insetti vivi dalla vostra mano.

Quali sono le malattie più comuni dei petauri?

Nonostante le condizioni favorevoli al loro benessere, esistono alcune malattie che possono colpire il petauro dello zucchero in cattività. Alcune di queste sono elencate di seguito:

  • Malattia ossea metabolica: è provocata da una carenza di vitamina D e calcio. Questa carenza è molto comune a causa della mancanza di informazioni sulla dieta ottimale dei petauri.
  • Parassiti intestinali: la maggior parte sono protozoi che infettano l’apparato digerente di questo animale domestico. Sono provocati dalla scarsa igiene dell’habitat o dalla mancata disinfezione degli alimenti (frutta e verdura).
  • Enterite batterica: in genere è causata da infezioni opportunistiche che sfruttano la depressione del sistema immunitario dell’animale. Questa è una conseguenza dello stress provocato dalla scarsa cura o dalla scarsa igiene della casa.
  • Cirrosi epatica: l’origine di questo problema è sconosciuta, ma rappresenta il 5% dei casi di petauri che vengono portati dal veterinario per problemi medici.
  • Neoplasie: sembrano essere frequenti in questi esemplari, poiché in questa specie sono stati segnalati almeno 14 diversi tipi di tumori. I casi più documentati provengono dagli zoo, anche se le neoplasie possono colpire ugualmente qualsiasi petauro in cattività.
Uno degli animali domestici più rari al mondo.

Come potete vedere, il petauro dello zucchero non richiede cure troppo complesse in cattività. Tuttavia, ha bisogno di molta attenzione e un ampio spazio per sentirsi a proprio agio. Se pensate di non poter garantire tutto ciò che comporta essere il proprietario di questo curioso animale, ricordate che esistono altri animali che sono sicuramente più adatti alle vostre possibilità.



  • Dierenfeld, E. S. (2009). Feeding behavior and nutrition of the sugar glider (Petaurus breviceps). Veterinary Clinics of North America: Exotic Animal Practice, 12(2), 209-215.
  • Campbell, C. D., Pecon-Slattery, J., Pollak, R., Joseph, L., & Holleley, C. E. (2019). The origin of exotic pet sugar gliders (Petaurus breviceps) kept in the United States of America. PeerJ, 7, e6180.
  • Garner, M. M. (2011). Diseases of pet hedgehogs, chinchillas, and sugar gliders. Proceedings of the Association of Avian Veterinarians, Seattle, WA, 351-359.
  • Booth, R. (2003, October). Sugar gliders. In Seminars in Avian and Exotic Pet Medicine (Vol. 12, No. 4, pp. 228-231). WB Saunders.
  • Brewer, P. (2007). Sugar Gliders: Living with and Caring For Sugar Gliders Is this the Right Pet for You?. Author House.

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.