Pinguino di Magellano: habitat e caratteristiche

Il pinguino di Magellano è un uccello marino dalla camminata curiosa e i colori particolari, che lo rendono divertente e amato da tutti. Inoltre ha un forte istinto parentale.
Pinguino di Magellano: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 24 luglio, 2021

Il Pinguino di Magellano è un uccello marino che si caratterizza per la sua tendenza a cercare climi caldi, potendo migrare per trovarli. Come altri pinguini, questo animale ha un corpo adattato per essere efficiente durante il nuoto. Pertanto, è in grado di immergersi per trovare cibo o cercare per chilometri un banco di pesci con cui banchettare.

Formalmente, il nome scientifico di questa specie è Spheniscus magellanicus. Questo uccello appartiene all’ordine degli Sfenisciformi, che raggruppa le specie incapaci di volare, ma che hanno una straordinaria forma idrodinamica per nuotare.

Habitat del Pinguino di Magellano

La specie che qui ci interessa è distribuita lungo le coste del Sud America, tra Cile, Argentina e Isole Falkland. Si ritiene che il luogo con la più alta popolazione di questo uccello sia nello Stretto di Magellano – da qui il suo nome – anche se mancano ancora informazioni per confermarlo.

Questi organismi preferiscono temperature calde, quindi alcune popolazioni possono migrare ai tropici durante l’inverno. Inoltre, tendono a trascorrere la maggior parte della loro vita in acque poco profonde, al largo della costa. Tuttavia, quando nidificano, questi uccelli si dirigono verso le rive, alla ricerca di cespugli e creando tane per poter depositare i loro piccoli.

Un gruppo di pinguini.

Caratteristiche del Pinguino di Magellano

Questo pinguino può raggiungere un’altezza di 70 centimetri e pesa in media 5 chili. Inoltre, il corpo di questo animale è adatto al nuoto, poiché ha una forma idrodinamica e impermeabile. Per questo motivo il suo aspetto è allungato e allargato al centro (fusiforme), con arti corti vicini al corpo.

Questo uccello ha una colorazione caratteristica, con il dorso nero, ma bianco sul petto e sull’addome. Anche la testa è nera, con una linea bianca che parte dalla parte superiore degli occhi e scende fino a chiudersi al collo. Inoltre, il suo ventre mostra un altro margine bianco, che delimita e divide la parte bianca da quella nera.

Comportamento

Come la maggior parte dei pinguini, questi sono animali specializzati nelle immersioni attraverso l’oceano per procurarsi il cibo. La loro vita è prevalentemente acquatica, ma abitano anche la terra per brevi periodi, quando sono nella stagione riproduttiva. Lo fanno per costruire un nido, che possa proteggere i piccoli nel corso dello sviluppo.

D’altra parte, va notato che questo uccello ha un forte istinto parentale, poiché i genitori sono piuttosto protettivi. In effetti, sono stati visti combattere per proteggere la covata o per ottenere loro il territorio migliore. Tutti gli esemplari di una popolazione sono concentrati sulla stessa costa, il che rende comune questo tipo di combattimenti. Per loro la scelta del luogo è essenziale, poiché da questo dipende la sopravvivenza dei loro piccoli.

Alimentazione

Questo animale è considerato un organismo piscivoro e il suo cibo preferito è costituito da una varietà di pesci pelagici. La maggior parte degli esemplari si nutre di acciughe, calamari, spratti o pesci stregone, sebbene abbiano una grande varietà di prede, poiché possono raggiungere i 76,2 metri di profondità durante la caccia.

Questo pinguino infatti è considerato un organismo non selettivo con il suo cibo, poiché tutto ciò che cerca è una zona dove c’è abbondanza di pesce. Questa situazione può rappresentare un pericolo per la specie, poiché provoca conflitti con le industrie ittiche locali, quando coincide con i luoghi di pesca.

Corteggiamento e riproduzione

Questa specie è ovipara e monogama, quindi seleziona un compagno per tutta la sua vita. Sebbene questa relazione possa essere mantenuta per lungo tempo, è possibile che gli esemplari adulti cambino partner, ma non si tratta di eventi comuni.

Conquista della femmina

Per riprodursi, il maschio deve prima attirare la femmina attraverso dei vocalizzi, che sono simili al raglio di un asino. Una volta ottenuta la sua attenzione, il corteggiatore gira in tondo attorno al partner, un atto che termina dandogli una “pacca” per formalizzare il legame.

Nonostante ciò, il pinguino di Magellano affronta combattimenti con i rivali in cui si contendono la femmina e il nido, e il perdente dovrà dimenticarsene. Anche così, la maggior parte delle volte la coppia originale vince contro i contendenti, quindi non è normale che esista questo cambio di coppia.

Selezione del nido

Quando la coppia si è stabilita, entrambi gli esemplari procedono alla ricerca di un luogo in cui costruire il loro nido. Per questo padre e madre scelgono zone vicino alla costa, dove ci sono cespugli, limo, argilla e un po’ di sabbia. Inoltre, se necessario, scavano una piccola buca nella sabbia, che serve a deporre le loro uova e ad incubarle.

Poiché un gran numero di pinguini raggiunge le rive, ogni nido è separato da un altro di 1 o 2 metri. Tuttavia, le coppie devono proteggere questi territori, poiché sono in competizione per il miglior sito di nidificazione. Per questo motivo i nidi migliori sono tenuti dalle coppie con gli individui più grandi.

Incubazione e schiusa delle uova del Pinguino di Magellano

Gli adulti raggiungono i lidi di nidificazione all’inizio di settembre, dove deporranno le uova a fine ottobre. A quel punto le femmine deporranno 2 uova – una più grande dell’altra – e impiegheranno circa 40 giorni ad incubarle.

Entrambi i genitori partecipano a questo processo, a turno nella cura e nella protezione del nido. In questo modo, mentre uno esce per cacciare e nutrirsi, l’altro resta a guardare tutto.

Indipendenza del pulcino

Una volta che il piccolo si sarà schiuso dall’uovo, verrà protetto dai genitori fino a quando non potrà diventare indipendente. Pertanto, per i prossimi 24-29 giorni, il pulcino sarà nutrito direttamente dalla bocca dei suoi genitori, poiché i piccoli hanno movimenti molto limitati.

Man mano che i piccoli crescono, i genitori diminuiscono le loro cure, trascorrendo più tempo fuori dal nido. Per questo motivo, quando raggiungono i 40-70 giorni di età, i piccoli si sviluppano abbastanza da lasciare il nido. Questa fase viene svolta formando dei gruppi di giovani pinguini, detti anche “vivai”.

Stato di conservazione

Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, questo uccello è classificato come una specie quasi minacciata. Questo perché la sua popolazione è fluttuante in varie aree, quindi non si sa con certezza se vi sia un rischio critico.

Tuttavia, alcuni governi locali, come il Cile, ritengono che la specie sia a basso rischio. Per questo motivo è stato disposto un divieto estrattivo e sono state create aree marine costiere protette, in cui è prioritaria la cura delle aree di nidificazione.

Principali minacce al Pinguino di Magellano

Il pericolo principale per la specie sono la pesca e le attività petrolifere. Ciò è dovuto al fatto che i primi diminuiscono la disponibilità di cibo per la specie, oltre a provocarne la morte catturando per errore esemplari. Il secondo si riferisce all’inquinamento del loro habitat, poiché le fuoriuscite di petrolio danneggiano la loro salute e quella dell’ecosistema.

Un pinguino nell'erba.

I pinguini sono una delle specie più carismatiche in circolazione: le loro caratteristiche fisiche li fanno camminare in modo divertente, caratteristica che li porta ad essere amati da tutti. Inoltre, di solito sono uno dei migliori genitori in natura, un ruolo che non si vede sempre negli altri animali. Sono paffuti, carini e carismatici, quindi non gli si può chiedere di più!

Potrebbe interessarti ...
Il cimitero di pinguini in Antartide
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il cimitero di pinguini in Antartide

Esiste un cimitero di pinguini nella regione antartica, scoperto nel 2016 da un gruppo di esploratori dell’Università della Scienza e Tecnologia ci...



  • Brandão, M. L., Braga, K. M., & Luque, J. L. (2011). Marine debris ingestion by Magellanic penguins, Spheniscus magellanicus (Aves: Sphenisciformes), from the Brazilian coastal zone. Marine pollution bulletin62(10), 2246-2249.
  • Frere, E., Gandini, P. A., & Boersma, D. P. (1996). Aspectos particulares de la biología de reproducción y tendencia poblacional del pingüino de Magallanes (Spheniscus magellanicus) en la colonia de Cabo Vírgenes, Santa Cruz, Argentina.
  • Gosztonyi, A. E. (1984). La alimentación del Pingüino magallánico (Spheniscus magellanicus) en las adyacencias de Punta Tombo, Chubut, Argentina. Centro Nacional Patagónico-CONICET.
  • Boersma, P. D., Stokes, D. L., Yorio, P. M., Davis, L., & Darby, J. (1990). Reproductive variability and historical change of Magellanic Penguins (Spheniscus magellanicus) at Punta Tombo, Argentina. Penguin biology7, 15-44.
  • Miranda, M., Gibbons, J., Cárcamo, J., & Vilina, Y. A. (2009). Hábitat reproductivo y estimación del tamano poblacional del pingüino de Magallanes (Spheniscus magellanicus) en isla Rupert, Parque Marino Francisco Coloane, Estrecho de Magallanes. In Anales del Instituto de la Patagonia (Vol. 37, No. 1, pp. 103-111). Universidad de Magallanes.
  • Boersma Dee, P., Garcia Borboroglu, J. P., Frere, E., Kane, O., Pozzi, L. M., Putz, K., … & Yorio, P. M. (2015). Pinguino de Magallanes (Spheniscus magellanicus).
  • Rozzi, R. I. C. A. R. D. O., Armesto, J. J., Correa, A. L. E. J. A. N. D. R. O., Torres-Mura, J. C., & Sallaberry, M. (1996). Avifauna de bosques primarios templados en islas deshabitadas del archipiélago de Chiloé, Chile. Revista Chilena de Historia Natural69, 125-139.