Scopriamo quanti passeri esistono

Ci sono così tanti passeri come si pensa? La realtà è molto più complessa di ciò che crediamo.
Scopriamo quanti passeri esistono

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio, 2019

Esistono molti passeri? Può sembrare una domanda piuttosto strana, anche se in molti luoghi il passero comune viene considerato una piaga, e in altri sta scomparendo.

Una cosa certa è che i passeri hanno conquistato il mondo.

Si tratta di un uccello che si vede spesso. Curiosamente, circa 2000 anni fa viveva solo in Eurasia e in Nord Africa.

Tuttavia, ha approfittato dell’essere umano per estendersi nel resto dei continenti meno che in Antartide.

La sua storia ricorda quella dell’airone guardabuoi, l’uccello che ha conquistato il mondo.

Perché sembra che ci siano molti passeri?

Come altre specie animali, il passero è stato in grado di svilupparsi in tutto il pianeta grazie alle tecnologie.

Questo uccello è nato a metà del XIX secolo negli Stati Uniti, e all’inizio del XX secolo aveva già raggiunto il Messico e il Canada.

Passero appoggiato su ramo

Nel frattempo, i passeri sono arrivati in parti dove non si erano mai visti, come in Sud America e in Kenya.

Tuttavia, questi avvistamenti potrebbero essere ancora più antichi: uno studio rivela che fino a 11.000 anni fa, questi uccelli si stavano già adattando all’agricoltura.

Sembra che i passeri si preparassero da secoli a raggiungere altri continenti, e questo si deve principalmente alle differenze tra i geni dei passeri urbani e quelli dei passeri selvatici, dall’alimentazione silvestre e senza comportamenti migratori.

Uno dei geni sarebbe relazionato al becco e al cranio, più adatti a consumare varietà di grano più duro legato all’agricoltura, e un altro gene permetterebbe a questi uccelli di digerire l’amido attraverso l’amilasi, rendendo più semplice alimentarsi di patate, di grano o di mais.

Osservando l’espansione dei passeri, in Eurasia era molto legata allo sviluppo dell’agricoltura. Questi animali hanno cominciato a vivere vicino alle zone popolate e a seguire le persone. 

La risposta al perché ci sono molti passeri è relazionata a questo fatto: sono riusciti a sopravvivere a decine di ambienti perché in ognuno ci sono delle persone che gli danno da mangiare.

La storia dei passeri in Cina

Una delle storie che hanno come protagonisti i passeri è quella dello sterminio in Cina: Mao Zedong promuovette una campagna per sterminare vari animali considerati una piaga. 

In questo paese non ci sono molti passeri perché sono stati uccisi; di conseguenza, sono apparsi molti nuovi insetti.

Coppia di passeri comuni

Ciò è stata una delle cause scatenanti della grande carestia cinese di cui ha sofferto questo paese alla fine degli anni ’50.

Di fatto, si è arrivati a portare degli animali dalla Russia, anche se questa misura non è stata sufficiente a ripopolare la Cina di questo animale.

Anche se sembra incredibile, molte persone insistono sul fatto che i passeri stanno scomparendo dalle principali città europee.

Il fatto preoccupa soprattutto nelle grandi città come Londra.

Apparentemente, non si sa con certezza perché questi volatili stiano diminuendo, anche se sembra per un insieme di fattori: l’aumento dell’inquinamento, la sparizione delle zone verdi, l’introduzione di specie esotiche invasive o le colonie feline non controllate.

Anche i nuovi piani dell’urbanesimo, ogni volta meno amichevoli con le nidificazioni degli uccelli che vivono nelle città, ne favoriscono la scomparsa.

Al contrario, in città come Istanbul vengono eretti dei veri e propri palazzi per uccelli.

Il passero è a rischio d’estinzione? No, certo che no.

Tuttavia, la prossima volta che qualcuno vi dice che ci sono molto passeri, rispondetegli che la questione è più complicata di quello che sembra. 

Potrebbe interessarti ...
Scoprite come attirare gli uccelli in giardino
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Scoprite come attirare gli uccelli in giardino

La presenza degli uccelli in giardino permette che questo spazio sia bello e fiorito, grazie al ruolo che questi volatili svolgono nell'ecosistema....



  • Summers-Smith, J. D. (1963). The house sparrow(pp. 149-159). London: Collins.