Ragazzo aiuta una puzzola: non aveva paura di venire spruzzato

Questo ragazzo ha aiutato una puzzola che si è messa sulla sua strada, la quale aveva il muso incastrato in un bicchiere di plastica. Non aveva paura di venire spruzzato, la sua volontà di salvarla era più forte.
Ragazzo aiuta una puzzola: non aveva paura di venire spruzzato

Ultimo aggiornamento: 09 marzo, 2023

Oggi parleremo di un ragazzo che ha aiutato una puzzola in pericolo, senza avere paura che potesse spruzzarlo. Ricordiamo che le puzzole sono animali che quando si sentono minacciati spruzzano un liquido fetido, con il quale spaventano i loro predatori.

Questo odore si impregna e rimane addosso per lungo tempo, quindi è sorprendente che il ragazzo sia uscito per aiutarla senza pensare alle possibili conseguenze. Continuate a leggere perché vi daremo maggiori dettagli su questa impresa.

Ragazzo aiuta una puzzola che aveva il muso incastrato in un bicchiere di plastica

L’uso indiscriminato della plastica ha provocato gravi effetti sull’ambiente, comprese diverse specie di fauna. Questa volta, una puzzola è rimasta intrappolata in un oggetto di questo materiale, ma fortunatamente un ragazzo ha deciso di aiutarla a tutti i costi.

Tutto è iniziato quando Becky Ball e suo figlio di 16 anni, Carlton Dailey, stavano viaggiando nella sua macchina. Improvvisamente, si sono dovuti fermare perché in mezzo alla strada è apparsa una puzzola, che aveva un bicchiere di plastica incastrato sulla testa e non riusciva a toglierselo.

Senza pensarci due volte, Carlton ha chiesto a sua madre di fermare l’auto per aiutare l’animale. Sua madre pensava che fosse un’idea folle, ma lui insisteva. “Se ti spruzza, te ne torni a casa a piedi“, ha sentenziato. Tuttavia, il ragazzo è sceso lo stesso e ha aiutato la puzzola senza esitazione. Si è avvicinato lentamente per non spaventare l’animale e gli ha tolto il bicchiere dalla testa, ponendo fine alle sue sofferenze.

Il ragazzo aiuta la puzzola e la puzzola lo ringrazia non spruzzandolo.
Il ragazzo aiuta la puzzola e la puzzola lo ringrazia non spruzzandolo.

Con sua sorpresa, la puzzola non lo ha spruzzato, in segno di ringraziamento.

La cattiva reputazione delle puzzole deriva dalla loro capacità di difendersi spruzzando un liquido fetido che secernono le loro ghiandole anali, costituito da tioli solforici. Tuttavia, la protagonista di questa storia non si è comportata come previsto.

È come se la puzzola avesse capito che il ragazzo stava solo cercando di aiutarla, e ha deciso di non fargli del male. Dopo essere stata salvata, è corsa verso la foresta vicino alla strada. “Guarda, mamma, sapeva che la stavo aiutando. Non mi ha spruzzato“, ha detto il ragazzo a sua madre eccitato. “Sei stato fortunato”, ha risposto lei.

Nonostante fosse sconvolta, la donna ha registrato un video per mostrare lo stato in cui versava l’animale che suo figlio ha salvato. “Carlton è una persona molto disponibile. Si preoccupa che suoi compagni di classe stiano bene, quindi non sorprende che rivolga la sua natura premurosa anche agli animali“, ha commentato l’insegnante di Carlton.


Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.