Refugiadogs, un portale delle associazioni di protezione animali

15 ottobre, 2017

Senza dubbio internet è diventato uno strumento fondamentale per comunicare. Le diverse organizzazioni che lavorano con gli animali domestici in situazioni di abbandono hanno saputo avvalersi di questa possibilità per far conoscere il loro lavoro, sensibilizzare e cercare una nuova casa per i pelosi che salvano. Ma ora esiste un portale della protezione animali molto particolare. Si tratta di Refugiadogs, un’iniziativa pensata per unire gli sforzi al momento di trovare persone che adottino gli amici a quattro zampe.

Scoprite Refugiadogs, il portale della protezione animali di Saragozza

L’obiettivo di Refugiadogs è quello di dare visibilità ai cani. Mentre aspettano in un rifugio, cercheranno di avere una seconda opportunità con una famiglia umana che li curi e li ami.

In quale modo si cerca di farlo? Beh, con belle fotografie in bianco e nero dei vari esemplari da adottare. Finora ci sono già tre associazioni di Saragozza.

Le foto sono vere e proprie opere d’arte che cercano di far immedesimare nell’anima degli animali. Per questo motivo si concentrano sul loro sguardo. Così riescono a mostrare quanto di buono hanno da offrire questi esseri.

Per promuovere l’adozione dei cani abbandonati, è stato creato Refugiadogs, un portale della protezione animali di Saragozza che riunisce belle foto in bianco e nero degli animali che cercano una nuova casa.

Un bel catalogo canino che invita ad adottare

Questo vero e proprio “catalogo canino” è costituito, finora, dai cani disponibili per l’adozione nelle seguenti associazioni di Saragozza:

  • Zarpa
  • Adala (Amore e difesa degli animali)
  • Espolones

L’idea è quella di non fare distinzione tra le associazioni e concentrarsi sugli animali. Se la foto che trovate in Refugiadogs riesce a toccarvi l’anima, potrete accedere a tutti i dati di contatto e alle informazioni per poter adottare il cane in questione.

Il lavoro delle brave persone dietro a Refugiadogs

Questo portale che riunisce le associazioni per la protezione animali di Saragozza si basa sull’idea che tutti i cani sono uguali. Per questo motivo, le foto che vengono pubblicate hanno tutte la stessa inquadratura ed estetica. E, come abbiamo detto, si concentrano sullo sguardo dell’animale.

Poco importano, allora, dettagli come la razza, le dimensioni, l’età o la provenienza dei pelosi.

L’essenza di questi bellissimi esseri che attendono con ansia una nuova casa è stata colta con maestria dal fotografo Pedro Etura. Da parte sua, l’attento progetto è stato realizzato da Isabel Tris e Luis García. Tutto ciò è stato possibile, inoltre, grazie a Marta Esteban, promotrice di questa iniziativa solidale.

Se volete vedere questo ottimo lavoro e, perché no, entusiasmarvi all’idea di adottare un cane, qui vi lasciamo il link. E, se lo desiderate, raccomandate Refugiadogs a familiari e amici.

Un mezzo artistico per facilitare l’adozione dei pelosi che sono stati abbandonati

Fonte: www.heraldo.es

Refugiadogs cerca di essere un ponte tra la voglia di adottare un cane e le varie associazioni che possono favorirlo.

Con un solo click sulle belle foto dei cani, si accede ad una scheda con tutti i dati  del cane e al contatto con l’associazione che si sta facendo carico delle sue cure.

Così, ad esempio, potete scoprire che:

  • Bastian, un meticcio di tre anni, è stato lasciato dal suo proprietario ad Adala, violando la sua promessa di pagare per le spese perché doveva recarsi all’estero.
  • Arya, una cucciola molto giocherellona, è stata trovata abbandonata e raccolta sulla strada e portata fino al rifugio Espolones da un bambino commosso per la sua situazione.
  • Dharma, un pastore tedesco di poco meno di un anno, sta facendo riabilitazione per un problema alle zampe posteriori grazie al bel lavoro dell’associazione Zarpa.

Quindi, sorridete e continuate a scoprire le storie di questi bellissimi animali su questo portale delle associazioni di Saragozza. Di certo non ve ne pentirete. E forse comincerete a considerare seriamente la possibilità di adottare un cane.

Fonte delle immagini: www.heraldo.es