Riccio e tenrec: quali sono le differenze?

Ricci e tenrec sono mammiferi sempre più presenti nelle case in tutto il mondo. In questo articolo potrete scoprire le differenze tra questi lontani parenti.
Riccio e tenrec: quali sono le differenze?

Ultimo aggiornamento: 08 ottobre, 2021

Sta diventando sempre più comune vedere animali esotici nelle case di tutto il mondo. Questa pratica non è cattiva di per sé, ma è necessario garantire che l’essere vivente che si sta acquistando possa vivere una vita piena in un ambiente domestico. Comprendere le differenze tra riccio e tenrec è essenziale, poiché questi animali sono popolari nel mondo della terrariofilia, ma si sa poco di loro.

Se vi piacciono gli aculei e il muso allungato, questo è lo spazio adatto a voi. Vi raccontiamo quali sono le differenze fisiologiche e nella cura tra ricci domestici e tenrec, tenendo conto della loro filogenesi, della loro origine, della loro anatomia e molto altro. Potreste essere sorpresi di scoprire che un’opzione è leggermente migliore dell’altra.

Quali sono le differenze tra riccio e tenrec?

Se questi due mammiferi si somigliano è senza dubbio per via degli aculei nella zona dorsale. Questo tratto può essere considerato un esempio di convergenza evolutiva, poiché è sorto indipendentemente sia nei ricci che nei tenrec in risposta a una serie di imposizioni ambientali simili (o che richiedevano la stessa soluzione).

Oltre alla presenza di aculei, questi mammiferi sono piccoli, hanno arti corti e abitudini alimentari simili. Nel caso voleste adottare uno di questi esemplari, nelle righe seguenti vi racconteremo nel dettaglio tutte le differenze tra riccio e tenrec.

1. Una tassonomia molto diversa

Al di là dell’aspetto fisico, la distinzione di base tra questi mammiferi risiede nella loro genetica. I ricci si trovano nella famiglia Erinaceidae e nell’ordine Eulipotyphla, che comprende anche talpe, desmanini e altri mammiferi insettivori. Ci sono solo 17-18 specie viventi di ricci e sono divise in 5 generi.

I tenrec sono invece compresi nella famiglia Tenrecidae e nell’ordine Afrosoricida, condiviso anche con altri piccoli mammiferi insettivori poco conosciuti. Esistono circa 31 specie di tenrecidi divise in 8 generi, quindi si può presumere che siano leggermente più numerose dei ricci nella loro zona di diffusione.

In definitiva, va notato che le specie di questi gruppi che sono tenute in cattività non hanno una relazione diretta tra loro. Il riccio africano (Atelerix albiventris) e il tenrec (Echinops telfairi) non condividono né il genere, né la famiglia, né l’ordine. Hanno in comune solo il fatto di essere mammiferi, ma poco altro.

Le differenze tra riccio e istrice sono molteplici.
Un riccio africano.

3. Aspetto fisico simile, ma diverso

Al di là della presenza di aculei nella zona dorsale, il tenrec e il riccio presentano molte differenze fisiche. Ve le mostriamo nel seguente elenco:

  1. I ricci africani possono crescere fino a 20 centimetri di lunghezza nella loro fase adulta, mentre i tenrec si fermano a una lunghezza massima di 18 centimetri. Sebbene siano dimensioni simili, in generale si ritiene che i tenrec siano leggermente più piccoli.
  2. Un riccio adulto pesa in media tra 300 e 600 grammi. A sua volta, un tenrec raramente supera i 180 grammi. I ricci sono molto più grossi e paffuti dei tenrec.
  3. Il muso del tenrec è molto più allungato e pronunciato di quello del riccio.
  4. I ricci hanno 5 dita sulle zampe anteriori e 4 su quelle posteriori. I tenrec invece hanno 5 dita su tutti gli arti.

In generale, il tenrec è molto più sottile, leggero e “allungato” rispetto a un riccio africano. Questi ultimi mammiferi hanno arti e muso più corti e tendono anche ad accumulare più grasso.

4. Origini diverse

Tutti i tenrec (inclusa la specie “domestica” Echinops telfairi) sono endemici del Madagascar, un’isola dell’Oceano Indiano situata a circa 400 chilometri al largo delle coste dell’Africa orientale. A causa del loro isolamento geografico, si sono evoluti indipendentemente da molti altri mammiferi.

I ricci  invece si trovano sulle terre continentali e coprono una gamma di distribuzione molto più ampia. La specie domestica (Atelerix albiventris ) si trova allo stato selvatico nell’Africa meridionale, dal Senegal al Sudan allo Zambia. Il bioma in cui prolifera è prevalentemente desertico.

5. Cure differenti

Una delle differenze più importanti tra il riccio e il tenrec risiede nella loro cura. Entrambi sono animali esotici che non sono ancora stati addomesticati, e quindi è una vera sfida fornire loro ciò di cui hanno bisogno per stare bene (e persino riprodursi). Qui vi mostriamo i punti essenziali per quanto riguarda la loro cura:

  1. Sia i tenrec che i ricci richiedono un terrario molto grande. Il minimo è 70x50x50 centimetri di lunghezza, altezza e larghezza, ma i ricci hanno bisogno anche di un po’ più di spazio (1 metro di lunghezza è l’ideale).
  2. Le 2 specie devono lasciare la loro gabbia per un periodo considerevole ogni giorno, almeno 2 ore. Come mammiferi, questi animali richiedono un’attività fisica impegnativa per non morire di depressione o obesità. È meglio se escono di notte o al tramonto, poiché è il momento in cui sono più attivi.
  3. Entrambi gli animali sono insettivori, ma accettano anche frutta e verdura sporadicamente. Poiché in molte regioni non esistono mangimi specifici per loro, viene utilizzato cibo secco per gattini (con meno grassi), accompagnato da insetti vivi e frutta a pezzi. L’obesità è un problema molto importante, soprattutto nei ricci.
  4. I ricci africani provengono da un ambiente desertico, quindi possono resistere bene a temperature di 30 ° C. I tenrec, invece, richiedono un range termico più stabile e il valore ideale è di 25°C.
  5. I tenrec richiedono un po’ più di umidità (70%), poiché la loro pelle tende a seccarsi. L’umidità in casa è più che sufficiente per i ricci.

I tenrec possono essere un po’ più difficili da mantenere rispetto ai ricci a causa dei loro requisiti termici e di umidità. In ogni caso, va notato che i ricci domestici sono soggetti a molte più malattie (soprattutto a causa di cattive pratiche di allevamento), quindi bisogna farci particolarmente attenzione.

Un tenrec su sfondo bianco.

Pensieri finali

Se volete avere uno di questi animali, è necessario informarsi molto bene sulla legalità della sua acquisizione nel vostro paese. Ad esempio in Spagna il riccio africano è considerato una specie esotica invasiva, quindi non si può possedere direttamente un esemplare domestico. D’altra parte, il tenrec è illegale in molti altri posti a causa del suo status di animale esotico.

Quando si adotta un essere vivente come questo, il suo padrone deve avere chiaro il fatto che potrebbe non essere in grado di fornirgli le condizioni di cui ha bisogno a causa della mancanza di conoscenze generali. Se volete avere un riccio o un tenrec come animale domestico, studiate il più possibile e non lasciatevi trasportare dall’emozione.

Potrebbe interessarti ...
10 malattie comuni nei ricci domestici
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
10 malattie comuni nei ricci domestici

I ricci sono animali bellissimi, quanto accattivanti. Esistono 10 malattie comuni nei ricci che possono essere fatali, le conoscete?