Riflesso verticale: ecco come i gatti sopravvivono alle cadute

· 26 febbraio 2018

Si dice che i gatti abbiano sette vite, sebbene ci siano molte incognite al riguardo. Da dove deriva questo mito? Questi straordinari felini domestici sono provvisti di un riflesso verticale che permette loro di sopravvivere alle cadute. A quanto pare, però, tale capacità non funziona con altezze intermedie. Vediamo di capire meglio di cosa si tratta.

Tutti conoscono la frase Curiosity killed the cat. Un aforisma che spesso si applica alle persone che, spinte da un’eccessiva curiosità, rischiano di mettersi nei pasticci. Se possedete un gatto sapete che questo concetto indica perfettamente il modo di agire del vostro amico a quattro zampe. Camminando su terrazzi e balconi, può succedere che il felino cada di sotto. Nel tentativo di afferrare una farfalla, un piccolo uccello, spinto dalla curiosità.

Questo fa sì che i proprietari dei gatti vivano nella paura di ciò che potrebbe accadere: una brutta caduta può causare danni gravi all’animale e persino la morte. Grazie al riflesso verticale, potete stare tranquilli: sempre e quando viviate ai piani alti di un palazzo.

Perché i gatti sopravvivono alle cadute da grandi altezze?

I biologi Wayne Whitney e Cheryl Mehlhaff assicurano che i gatti possiedono un fortissimo istinto di curiosità, che li porta a voler sempre guardare, annusare, scoprire… A ciò bisogna aggiungere la naturale tendenza a spostarsi in alto per poter dominare il territorio e prevenire eventuali attacchi e pericoli.

un gatto arrampicato su un ramo

Questo fa sì che si mettano in pericolo da soli, in modo ingenuo e senza motivo. Anche se la logica umana porta a pensare che maggiore è la caduta, peggiore sarà il danno, i gatti sopravvivono a cadute da grandi altezze, mentre possono finire molto male da terrazze e balconi intermedi.

Uno studio del 1987 condotto dall’American Veterinary Medicine Association dà la risposta a questa strana particolarità dei gatti. I ricercatori analizzarono la situazione medica di 132 gatti, portati al pronto soccorso di New York in seguito a cadute dall’alto. Si scoprì che quelli che erano caduti da un’altezza tra i 5 e i 9 metri avevano danni più gravi di quelli che erano caduti da più in alto.

A riprova di ciò, la BBC ha parlato di un gatto che nel 2012 è caduto da un’altezza di 19 piani e ha mostrato solo alcuni lividi sul torso.

Un superpotere che permette ai gatti di sopravvivere alle cadute

Tutto ciò sembra davvero incredibile, a tal punto da scambiare il riflesso verticale per un vero e proprio superpotere. Da qui alla leggenda delle sette vite, il passo è breve. Cerchiamo di dare una risposta concreta al dubbio iniziale: come mai un gatto si salva se cade da altezze maggiori?

Per poter funzionare, il riflesso verticale (che funziona come la capacità umana di tenersi in equilibrio) ha bisogno di un minimo di due metri e mezzo di altezza. Questo rappresenta lo spazio necessario al gatto per rigirarsi completamente e poter, così, atterrare senza particolari danni.

Le zampe e il corpo del vostro felino sono in grado di allungarsi, creando così un specie di effetto paracadute che gli consentono di raggiungere il suolo rallentando la caduta, in modo assai considerevole. Ma per questo hanno bisogno di tempo. Pertanto, più alta è la caduta, più tempo avranno per rigirarsi sfruttando il loro riflesso speciale.

Grazie a questo “effetto paracadute” la velocità di caduta scende, garantendo la sopravvivenza all’animale. Una persona cadrebbe a circa 197 km/h: un gatto è in grado di ridurre tale velocità fino ai 97 km/h.

gatto che cade osservato dal padrone

Il riflesso verticale non funziona ad altezze intermedie

Il fatto che i gatti rischino di più da altezze basse o intermedie sta proprio in questi due elementi. Da un lato, il tempo giusto per potersi rigirare. Dall’altro, lo spazio adeguato per prepararsi all’atterraggio riducendo la velocità. Più ampia sarà la caduta, più alta sarà la capacità di ‘frenata’ del vostro micetto.

Questa è indubbiamente una delle curiosità più interessanti che riguardano i gatti. Animali misteriosi, esoterici e magici. E pensare che si sa ancora molto poco circa determinati atteggiamenti.

Tuttavia, anche se i gatti sopravvivono alle alte cadute, non bisogna mai trascurare la sicurezza della vostra casa. Che il vostro animale domestico sia in grado di scampare a cadute da grandi altezze, non significa fargli rischiare la vita inutilmente. Basta un insetto, un qualcosa che attiri l’attenzione del piccolo felino e il danno potrebbe essere letale. Tenete chiuse le finestre di casa, costruite protezioni sul vostro balcone o terrazza per evitare che cada di sotto.

Cercate di prevedere le sue mosse. Inoltre, il riflesso verticale funziona perfettamente in gatti in piena salute. La caduta sofferta da un micio anziano o con problemi ad articolazioni e zampe avrebbe sicuramente un esito tragico.

Fonte dell’immagine principale: Fabian Canosa