Scaphiopodidae: tipi, habitat e caratteristiche

Questa famiglia di anfibi, appartenente all'ordine degli Anuri, si caratterizza per essere formata da animali che sono principalmente degli scavatori, ma salgono in massa in superficie quando è il momento di riprodursi.
Scaphiopodidae: tipi, habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 23 marzo, 2021

Gli Scaphiopodidae sono una famiglia di anfibi appartenente all’ordine degli Anuri. In questi animali, le zampe posteriori sono generalmente più lunghe di quelle anteriori. Fanno parte di questa famiglia i rospi e le rane. Sono alcuni degli animali più antichi del pianeta e si dividono in numerose specie molto diverse l’una dall’altra. Oggi, vi parleremo dei tipi, dell’habitat e delle caratteristiche degli Scaphiopodidae.

Questi piccoli animali condividono le caratteristiche principali con tutti gli altri Anuri, ma presentano alcuni tratti distintivi che li differenziano dal resto dei loro parenti. Andiamo scoprire quali sono le caratteristiche e le abitudini di questi curiosi anfibi.

Gli Scaphiopodidae: un gruppo informale

Tradizionalmente, si raggruppano gli Scaphiopodidae all’interno di un unico gruppo a causa delle numerose somiglianze tra questi animali. Tuttavia, dopo degli studi molecolari, si è arrivati alla conclusione che ne esistono due diverse famiglie che non sono strettamente imparentate tra loro.

La famiglia dei Pelobatidae comprende gli Scaphiopodidae del Vecchio Mondo. Ne esistono solo sei specie, tutte appartenenti al genere Pelobates. Sono presenti in Europa, Nord Africa e Asia occidentale. In Spagna, ad esempio, il rappresentante di questo clade è il Pelobates cultripes.

Pelobate occidentale.
Esemplare di Pelobates cultripes.

La famiglia dei Scaphiopodidae comprende anche gli Anuri del Nuovo Mondo. Si divide in due generi: Scaphiopodidae occidentali (genere Spea) e Scaphiopodidae meridionali (genere Scaphiopus). Questi due generi sono rappresentati da sette specie che vivono in un territorio compreso tra Messico meridionale e il Canada meridionale.

Scaphiopus couchii.
Esemplare di Scaphiopus couchii.

Sebbene meno comuni, si dà questo nome anche ad alcune specie della famiglia dei Megophryidae. Questi anfibi vivono in Asia e sono molti diversi da quelli che abbiamo menzionato in precedenza. Alcuni di loro, come la Megophrys nasuta, hanno delle strutture simili a delle corna o a delle punte sopra i loro occhi.

Megophrys nasuta. Rana.
Esemplare di Megophrys nasuta.

A causa della diversità dei vari esemplari, si può affermare che la nomenclatura Scaphiopodidae non descrive un gruppo “naturale”, ma piuttosto è un termine informale usato per identificare delle specie che hanno delle caratteristiche estetiche simili.

Caratteristiche dei Scaphiopodidae

Come abbiamo detto in precedenza, la maggior parte di questi anfibi sono molto simili tra loro. Sono paffuti, di taglia media ed hanno delle zampe corte e robuste. La pelle può essere di colore ocra, oro, marrone o di tonalità scure. Inoltre, gli occhi sono grandi, sporgenti e hanno delle iridi dorate.

A differenza di altri rospi, la pelle è liscia e priva delle tipiche ghiandole dall’aspetto verrucoso. Questi animali sono dotati di ghiandole parotidi, che sono presenti dietro testa anche in altri tipi di rospi. Inoltre, non hanno le sacche vocali e i timpani sono poco visibili.

La loro caratteristica principale è che hanno degli ispessimenti cheratinizzati e duri sulle zampe posteriori simili a degli speroni. A seconda della specie, possono essere neri o bianchi e questi anfibi li utilizzano per scavare. Questa caratteristica ci dà degli indizi sul loro modo di vivere.

Grazie agli speroni, questi rospi sono in grado di scavare e di nascondersi sottoterra fino ad una profondità di sessanta centimetri. Questi animali trascorrono la maggior parte della loro vita sottoterra e risalgono in superficie solo di notte durante le giornate piovose per riprodursi velocemente nelle pozzanghere create dai temporali.

Durante il loro periodo di attività, questi piccoli Anuri si nutrono di un’ampia varietà di invertebrati: insetti, gasteropodi, anellidi, ecc. Non sono degli abili predatori, quindi, aspettano che la loro preda passi davanti a loro prima di catturarla.

Stadio larvale

Come la stragrande maggioranza degli Anuri, questi rospi hanno uno stadio larvale acquatico in cui sono chiamati girini. Per vari motivi, le loro larve hanno delle caratteristiche molto interessanti. Ciò vale sia per le specie del Vecchio Mondo che per quelle del Nuovo Mondo.

I girini del Nuovo Mondo hanno una delle metamorfosi più veloci tra tutti gli anfibi: si trasformano in meno di 14 giorni. Inoltre, presentano due diversi morfotipi.

In genere, i girini normali sono onnivori e vivono in gruppo. Tuttavia, alcuni di essi sviluppano una morfologia diversa: presentano delle mascelle allargate e dalle dimensioni più grandi.

Questi girini sono solitari ed esclusivamente carnivori. Si nutrono di crostacei e di altri girini. È interessante notare che, quando smettono di predare altri animali, i girini carnivori possono tornare al morfotipo onnivoro.

Nei girini del Vecchio Mondo, invece, il periodo della metamorfosi è molto più lungo e può durare diversi mesi. Pertanto, sono in grado di raggiungere dimensioni enormi (fino ai 15 centimetri).

Habitat e stato di conservazione degli Scaphiopodidae

Gli Scaphiopodidae preferiscono i terreni sabbiosi – che consentono loro di scavare più facilmente – e generalmente vivono in ecosistemi aridi o semi-aridi. Tra questi, le aree desertiche, i campi, le zone arbustive e le foreste.

La maggior parte delle specie di Scaphiopodidae americane non sono minacciate ed hanno un buono stato di conservazione. Purtroppo, non si può dire lo stesso degli esemplari europei. In Europa, le popolazioni di questi rospi stanno progressivamente diminuendo; a tal punto che alcune specie sono classificate come vulnerabili o a rischio di estinzione.

Rane sulla sabbia.

Le minacce principali sono rappresentate dall’uso di pesticidi, fertilizzanti chimici, cambiamenti dell’uso del suolo, la distruzione degli habitat naturali e l’introduzione di specie aliene invasive.

Sebbene poco appariscenti e quasi impercettibili all’uomo, questi anfibi costituiscono una parte importante degli ecosistemi. Pertanto, bisogna conoscerli, apprezzarli e preservarli.

Potrebbe interessarti ...
Le rane più belle ma letali
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Le rane più belle ma letali

Ci sono delle rane di piccole dimensioni, anche molto belle, capaci di rilasciare un veleno così letale da poter uccidere la vittima in pochi secon...