Scopriamo la fauna del Sud-est asiatico

· 20 ottobre 2018
Il cosiddetto "Sud-est asiatico" è un'area comprendente diversi paesi e isole tra l'India orientale, la Cina meridionale e l'Australia settentrionale.

La fauna del Sud-est asiatico è piuttosto varia. Questa regione del pianeta, sempre più popolare tra i turisti che cercano avventure low cost e in totale contatto con la natura, è l’habitat di migliaia di animali e piante davvero incredibili. Se volete conoscere la fauna del Sud-est asiaticoe le sue specie più caratteristiche, non perdetevi questo interessante articolo.

Com’è la fauna del Sud-est asiatico?

Il cosiddetto “Sud-est asiatico” è un’area comprendente diversi paesi e isole tra l’India orientale, la Cina meridionale e l’Australia settentrionale. Tra cui Thailandia, Filippine, Vietnam, Bali, Giava, Borneo, Singapore e Indocina.

È uno dei luoghi con la maggior biodiversità del mondo, dal momento che qui è possibile trovare mammiferi, uccelli, crostacei, insetti, rettili, anfibi e aracnidi.

All’interno della fauna del Sud-est asiatico, esistono 5 animali che non potete perdervi assolutamente:

1. Tigre di Sumatra

È un felino endemico in quest’isola dell’Indonesia e la sua popolazione non supera i 500 esemplari, che vivono distribuiti tra cinque parchi nazionali. È la più piccola delle tigri dopo la scomparsa di quelli di Giava e Bali. Misura circa 230 centimetri e pesa circa 100 chili.

Le strisce della tigre di Sumatra – nella foto che apre questo articolo – sono più sottili rispetto ai suoi “parenti”. Questo predatore è anche un ottimo nuotatore, per via di speciali membrane presenti tra le dita delle zampe.

Vive sia nella foresta che in montagna, si nutre di cinghiali, cervi, pesci, uccelli e persino coccodrilli. Generalmente, va a caccia di notte.

Sono animali con abitudini solitarie e creano delle coppie o gruppi solo durante la stagione degli amori.

Le femmine possono partorire da due a tre cuccioli e la gravidanza dura circa 100 giorni. I cuccioli sono indipendenti e si allontanano dopi 24 mesi. La loro aspettativa di vita è di circa 15 anni.

2. Fagiano crestato del Borneo

Vive nelle foreste pluviali a bassa quota nell’isola del Borneo ed è uno dei tanti uccelli che compongono la fauna selvatica nel sud-est asiatico. Le femmine hanno piume ramate e testa bluastra, mentre i maschi hanno un piumaggio blu scuro, con coda e petto arancione e testa azzurra.

Fagiano crestato del Borneo

Per corteggiare la femmina, il maschio agita le ali e salta mentre emette forti grida e gonfia il suo viso per sembrare più grande. Durante la stagione degli amori, la coppia cova da quattro a otto uova per 25 giorni. Alla nascita i pulcini non hanno piume.

3. Tomistoma

Chiamato anche falso gaviale è un coccodrillo di fiume, tipico di Indonesia e Malesia. Con un corpo verde, macchie nere e una lunghezza fino a quattro metri, questo rettile ha una coda lunga e robusta.

Tomistoma

Si nutre di piccoli vertebrati, pipistrelli e animali come cervi e roditori. Il tomistona è una specie minacciata a causa del drenaggio di fiumi e paludi, così come per il bracconaggio a causa della sua pelle e carne, considerata una prelibatezza in questa parte del mondo.

4. Tartaruga gigante malese

Vive in grandi paludi, laghi e fiumi di acqua calma e dolce È la più grande di tutto il Sud-est asiatico e ha una testa grigia, con mascelle forti e un lungo muso. Il suo carapace è ovale e liscio, sia di colore nero che marrone e si espande per consentire la respirazione mentre la testuggine si immerge nell’acqua.

Tartaruga gigante malese mentre nuota

Le femmine di questa tartaruga depongono uova ovali e grandi sulle rive dei fiumi, una volta che hanno scavato il nido con le zampe posteriori.

L’incubazione dura da 120 a 130 giorni. Possono vivere tra i 25 e i 30 anni e si nutrono di piante acquatiche, insetti e frutti.

5. Orango del Borneo

Questa specie è endemica nell’isola del Borneo in Indonesia e attualmente ci sono circa 45.000 esemplari in natura. Tuttavia, la sua popolazione è stata ridotta dalla caccia, dal traffico illegale di cuccioli, dalle distruzione di foreste e incendi.

Orango del Borneo seduto nella foresta

È un grande mammifero arboricolo, dotato di un corpo robusto, braccia lunghe e gambe corte, con dita prensili che permettono loro di muoversi tra i rami con straordinaria agilità. Di solito non scende a terra e quando lo fa, cammina solo sulle zampe posteriori.

L’orango del Borneo è un animale solitario dopo lo svezzamento – che ha luogo dopo gli otto anni – e può avere un massimo di cinque figli in tutta la sua vita. I maschi dominanti presentano una “maschera” più ampia ai lati del viso, che inizia a crescere verso i 12 anni di età.

Vi è piaciuta la fauna del Sud-est asiatico?