Sindrome di Horner nei cani: sintomi, diagnosi e prevenzione

La sindrome di Horner di solito non ha cause note e per la sua corretta diagnosi e trattamento è necessario l'intervento di un neurologo.
Sindrome di Horner nei cani: sintomi, diagnosi e prevenzione

Ultimo aggiornamento: 12 settembre, 2021

La sindrome di Horner è una patologia che colpisce i nervi che collegano l’occhio al cervello, così come i muscoli facciali. In genere si manifesta solo su un lato del viso, ma in rari casi può essere bilaterale.

Sebbene sia una malattia che si verifica in qualsiasi razza di cane, il golden retriever e il cocker spaniel hanno una maggiore incidenza di comparsa. Nelle righe seguenti vi diremo cosa causa questo disturbo, quali sono i suoi segni clinici più comuni e quali possibilità di prevenzione esistono.

Cause della sindrome di Horner

La sindrome di Horner compare quando alcuni dei nervi che vanno dall’occhio al cervello sono danneggiati. Sebbene i fattori siano molteplici, ci sono 3 lesioni più comuni che possono causare la sindrome. Le indichiamo di seguito.

Lesione centrale

In una lesione centrale, il nervo appare danneggiato da qualche parte prima che esca dal midollo spinale. Le cause più comuni di questo sono tumori del midollo spinale, tumori cerebrali o traumi in questa regione. Oltre alla sindrome di Horner, possono svilupparsi altri segni neurologici, come l’incoordinazione motoria o l’inclinazione della testa.

Il cervello disegnato di un gatto e un cane.

Lesione pre-gangliare

Il danno è stato causato nei nervi che vanno dal midollo spinale alla sinapsi, la giunzione tra un neurone e l’altro. Questa lesione deriva da traumi al collo o tumori in questa regione.

Lesione post-gangliare

La lesione si verifica tra la sinapsi e l’occhio. Le cause più comuni di questo tipo di lesione sono la pulizia dell’orecchio del cane con troppa forza o lesioni all’orecchio medio dell’animale. Tuttavia, la maggior parte delle lesioni post-gangliari ha una causa sconosciuta.

Segni clinici della sindrome di Horner

I segni clinici di questa sindrome sono molto simili ad altre patologie oculari. Per fare una buona diagnosi è assolutamente necessario l’intervento di un veterinario specializzato in neurologia.

I segni apprezzabili nei cani affetti dalla patologia sono concentrati nell’occhio affetto e in alcuni casi anche nella regione adiacente. Alcuni dei più comuni sono i seguenti:

  • Palpebra caduta.
  • Pupilla ristretta o miosi.
  • Affondamento dell’occhio o enoftalmo.
  • Terza palpebra esposta o prolassata, nota anche come iperemia congiuntivale.

Molte lesioni neurologiche o l’effetto di alcuni farmaci possono dare origine a questi stessi segni clinici. Per questo motivo è fondamentale che un neurologo, oltre al solito veterinario, esamini l’animale.

Diagnosi specialistica

Qualsiasi veterinario può diagnosticare la sindrome in base ai segni clinici. Tuttavia, poiché questi possono comparire in più patologie, è fondamentale scoprire cosa sta succedendo a livello neurologico e dove si è verificata la lesione.

Il farmaco utilizzato per fare la diagnosi è la fenilefrina. Si somministrano poche gocce nell’occhio e, se tutti i segni scompaiono, il danno si è verificato a livello post-gangliare. Se l’occhio non risponde, sono necessari altri test diagnostici.

Possono essere necessarie radiografie del torace, esami del sangue, altri test antidroga e persino una risonanza magnetica per trovare la lesione che causa la sindrome. Una volta individuata la discrepanza, è il momento di definire quale sarà la forma di azione e le possibili cure.

Trattamento e prevenzione della sindrome di Horner

Il trattamento per la sindrome dipenderà da dove si è verificata la lesione a livello neurologico. Il più comune è che il trattamento non è di vitale importanza, poiché il corpo ha la capacità di risolvere da solo questo danno. Tuttavia, in caso di tumori, può essere necessario un intervento chirurgico o la somministrazione di chemioterapici.

La maggior parte dei casi di cani affetti da sindrome di Horner ha cause idiopatiche. Ciò significa che non si sa cosa abbia causato la sindrome e semplicemente appare da un giorno all’altro. Come potete immaginare, questo complica molto il trattamento.

Sindrome di Horner nei cani.

Occasionalmente, il cane è stato morso nella regione del collo o ha subito una forte trazione dell’orecchio durante la rissa. Questo può causare la sindrome. Nel tempo, e una volta che la lesione è guarita, la sindrome scomparirà. In ogni caso, le visite veterinarie regolari e la buona salute degli occhi e dell’udito sono la migliore prevenzione.

Potrebbe interessarti ...
Tumore nei cani: differenza tra chemioterapia e radioterapia
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Tumore nei cani: differenza tra chemioterapia e radioterapia

Ultimamente gli animali domestici raggiungono età sempre più avanzate e perciò, sono abbastanza comuni i casi di tumore nei cani.



  • Boydell, P. (2000). Idiopathic horner syndrome in the golden retriever. Journal of neuro-ophthalmology: the official journal of the North American Neuro-Ophthalmology Society, 20(4), 288-290.
  • Herrera, H. D., Suranit, A. P., & Kojusner, N. F. (1998). Idiopathic Horner’s syndrome in collie dogs. Vet Ophthalmol, 1(1), 17-20.
  • Morgan, R. V., & Zanotti, S. W. (1989). Horner’s syndrome in dogs and cats: 49 cases (1980-1986). Journal of the American Veterinary Medical Association, 194(8), 1096-1099.
  • Simpson, K. M., Williams, D. L., & Cherubini, G. B. (2015). Neuropharmacological lesion localization in idiopathic H orner’s syndrome in Golden Retrievers and dogs of other breeds. Veterinary ophthalmology, 18(1), 1-5.