Sostenere qualcuno per la perdita di un animale domestico

Per dare supporto per la perdita di un animale domestico è più importante sapere come gestire la propria empatia che avere un repertorio di frasi per l'occasione. Ecco alcuni suggerimenti per farlo.
Sostenere qualcuno per la perdita di un animale domestico

Ultimo aggiornamento: 20 novembre, 2021

Ogni giorno sempre più persone sentono che gli animali con cui vivono insieme sono parte integrante della famiglia. Per questo motivo l’atteggiamento di fornire supporto quando qualcuno subisce la perdita di un animale domestico è sempre più simile a quello dei familiari della nostra stessa specie.

Tuttavia, riconoscere come valido il dolore di un animale domestico non significa che sia sempre corretto quando si tratta di fornire conforto alla persona amata. In effetti, essere un buon compagno in questi tempi difficili è un compito che richiede determinate abilità. In questo articolo parliamo di alcuni consigli che possono aiutarci a raggiungere l’obiettivo.

Accompagnare nel dolore per la perdita di un animale domestico

Il dolore è una risposta naturale alla perdita di una persona cara. È un’esperienza unica per ogni individuo, quindi non ci sono messaggi di sostegno universali ed efficaci per ogni occasione. Molti fattori influenzano il dolore emotivo: la morte improvvisa dell’animale, la sensibilità del tutor, le sue capacità di reagire e altro ancora.

Quindi cosa fare per aiutare una persona a superare la morte del proprio amico a quattro zampe? È possibile alleviare il suo dolore? Nelle sezioni seguenti troverete alcuni suggerimenti che aiutano ad essere una buona compagnia durante questo periodo delicato.

Come dire a tuo figlio che il suo animale domestico è morto?

Il processo di lutto non deve essere evitato

Non possiamo eliminare il dolore della perdita di una persona cara. Il dolore è un processo naturale: la persona ha bisogno di attraversarlo ed è normale che il tempo stesso lo guarisca. Il nostro desiderio di alleviare la sofferenza di qualcuno è sicuramente sincero, ma dobbiamo rispettare i suoi tempi e le sue esigenze.

Il dolore di quella persona è valido

Dare supporto a una persona che sta attraversando la perdita di un animale domestico non dovrebbe annullare i suoi sentimenti. Messaggi come “era solo un cane” o “la morte di un canarino non è come la morte di un gatto” fanno solo capire a chi è in lutto che non stiamo rispettando le sue emozioni.

Ridurre il carico emotivo del dolore di qualcun altro mostra una chiara mancanza di empatia.

Mettere al primo posto i bisogni di chi affronta la perdita di un animale domestico

È comune trovare testimonianze di persone che hanno ricevuto scarso sostegno emotivo durante i loro processi di lutto, soprattutto quando si tratta della morte di un parente non umano. Si afferma spesso che i compagni hanno come priorità ridurre il proprio disagio cercando di alleviare il dolore del lutto o minimizzarlo.

Se vogliamo davvero aiutare qualcuno che ha perso il suo animale domestico, non dovremmo mai invalidare il suo dolore. È probabile che attraverso l’empatia soffriremo anche noi, ma dobbiamo sempre ricordare che chi ha bisogno di aiuto è l’altro.

Come aiutare la persona in lutto

Leggendo i consigli, probabilmente avrete trovato dei difetti in tutti. Questo è normale, poiché ogni persona, come si è espresso finora, vive l’esperienza della morte a modo suo. Pertanto, ecco delle raccomandazioni più specifiche per aiutare un amico che soffre per la perdita del proprio animale domestico.

Di che cosa ha bisogno?

Se la persona in lutto è una persona a noi vicina, sapremo di cosa ha bisogno nei momenti di difficoltà. Può essere parlarne, essere distratta da qualcos’altro, un abbraccio o persino restare sola. Chiedere dei bisogni in quel momento è anche un buon modo per accompagnare, perché quella persona avrà una prova tangibile della nostra preoccupazione, anche se sappiamo già come aiutare.

Dare consigli solo quando richiesto da chi affronta la perdita

È naturale voler dare un consiglio come supporto a qualcuno vicino per superare la perdita di un animale domestico, ma in momenti di tristezza molto intensa potrebbero non essere ben accolti (ancor di più se si tratta di consigli semplicistici, come “non devi far altro che uscire e distrarti”). È la persona stessa che deve gestire il dolore e mettere in atto misure per alleviare la propria sofferenza.

Praticare l’ascolto attivo

Una persona che esprime il suo dolore agli altri di solito invia un messaggio più diretto a se stesso che ai presenti. Esprimere i propri sentimenti ad alta voce fa parte del processo per venire a patti con la morte dell’animale e muoversi verso il recupero.

Prestiamo attenzione a ciò che dice la persona amata, ma non cerchiamo di correggerla o “aggiustarla“. Chiediamo, segniamo i silenzi per continuare a parlare o semplicemente restiamo al suo fianco mentre si sfoga.

Evitare le condoglianze semplicistiche

È naturale voler trovare un messaggio che allevi il dolore che una persona prova quando muore il proprio animale domestico. Spesso le parole sono un po’ come una medicina, tuttavia ci dispiace annunciarvi che questo non sempre è vero nel caso della morta. Alcune frasi da evitare sono le seguenti:

  1. “So come ti senti”a meno che non siamo soliti reagire allo stesso modo quando si tratta di elaborare una perdita e l’abbiamo vissuta con la stessa vicinanza della persona colpita, non possiamo dire di sapere come si sente. È una frase innocente e piena di buone intenzioni, ma in alcune persone risveglia risposte di rifiuto.
  2. “Non soffre più”, “sta già riposando”: questa frase può essere di aiuto se pronunciata da chi soffre verso se stesso, anche se si riferisce all’animale che non c’è più. La persona che bisogna consolare, invece, è proprio quella che rimane in questo mondo.
  3. “Il mio cane è morto di…”: condividere la propria esperienza con il dolore può essere utile nelle fasi successive, sebbene non contribuisca a nulla quando l’animale è appena morto.
  4. “Almeno non è morto per…”: non è affatto confortante pensare che l’animale abbia potuto soffrire più di quanto avrebbe potuto in altre circostanze.
  5. “Ora bisogna essere forti”: un’altra frase detta con buone intenzioni che, però, dal punto di vista del lutto trasmette soltanto pressione per riprendersi. Chi ha appena subito una perdita ha il diritto di essere vulnerabile.
Essere il migliore amico del tuo cane non è difficile se lo tratti bene.

Un ultimo consiglio per sostenere chi affronta la perdita di un animale domestico

È naturale sentirsi tristi quando muore un animale di famiglia, ma è anche normale riprendersi. Se notate che qualcuno a voi vicino prolunga il suo dolore nel tempo e non dà segni di miglioramento, potrebbe essere una buona idea consultare uno psicologo. Riconoscere un lutto patologico è compito di un professionista, ma fornire supporto durante la perdita di un animale domestico non finisce dopo il rituale di addio.

Potrebbe interessarti ...
Perché la morte di un animale ci addolora come quella di un familiare?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Perché la morte di un animale ci addolora come quella di un familiare?

La morte di un animale ci provoca un immenso dolore, che spesso non viene compreso da chi non ne possiede uno. Prendetevi del tempo per guarire.