Stitichezza nei criceti: cause, sintomi e trattamento

La stitichezza nei criceti è una condizione più diffusa di quanto sembri. Imparate con noi come risolvere ed evitare che accada di nuovo.
Stitichezza nei criceti: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 24 ottobre, 2021

Il criceto viene spesso preso in casa come primo animale domestico, poiché si ritiene semplice prendersi cura di questi gruppi di roditori e la loro aspettativa di vita non è molto alta. In ogni caso, la loro apparente robustezza è ben poco supportata dai fatti, dal momento che sono abbastanza inclini a malattie per tutta la loro breve esistenza. Sapevate che la stitichezza nei criceti è più comune di quanto sembri?

I criceti sono suscettibili a occlusioni, infezioni batteriche, infestazioni parassitarie, intussuscezioni intestinali e molte altre condizioni. Andate avanti con la lettura, perché in questo spazio vi spieghiamo come funziona la stitichezza in questi roditori e come prevenirne la comparsa.

Cos’è la stitichezza nei criceti?

La stipsi o stitichezza, indipendentemente dalla specie colpita, è definita come un’alterazione dell’intestino che consiste in un’eccessiva ritenzione idrica e il conseguente indurimento delle feci, che ne rende molto difficile l’espulsione. A seconda dell’animale e della sua età, la normale frequenza delle feci varierà.

I criceti hanno un metabolismo veloce e mangiano molto per le loro piccole dimensioni, quindi defecano più volte al giorno. Molti proprietari sostengono che i loro roditori defecano ogni ora, ma questa misurazione non è del tutto accurata. In ogni caso è normale vedere la gabbia piena di feci anche 24 ore dopo averla pulita in ogni sua parte.

Le feci di un criceto sano sono a forma di pellet, cioè sono ovoidali, piccole e brunastre. Dieta, età, quantità di stress e possibili condizioni patologiche possono alterare la consistenza e il numero di feci prodotte da ciascun esemplare.

Non esiste un numero specifico per diagnosticare la stitichezza nei criceti, ma il proprietario noterà se il suo animale ha meno movimenti intestinali del normale. Inoltre, compariranno una serie di sintomi accessori che vedremo nelle prossime righe.

A cosa è dovuta la stitichezza nei criceti?

Cause di stitichezza nei criceti

I criceti possono essere vittime di molte condizioni gastrointestinali, che di solito si manifestano sotto forma di stitichezza, diarrea o altri segni clinici. Ecco le cause più comuni di stitichezza in questi piccoli mammiferi.

Blocco intestinale dovuto all’ingestione di materiali

I denti incisivi dei roditori sono in costante crescita, come indicato da fonti professionali. Pertanto, tendono a mordere il più possibile per limare i denti e non subire danni alla bocca. A causa di questo comportamento, è più o meno comune che finiscano per ingerire materiali dalla gabbia e che questi gli blocchino l’intestino.

Per evitare ciò, è meglio utilizzare un tipo di substrato organico almeno parzialmente digeribile. Ad esempio, si consiglia di utilizzare fieno puro o pellet di mais (senza aromi). Sabbia e pietre sono sconsigliate in tutti i casi e assicurano prima o poi un blocco intestinale.

Infestazioni parassitarie

Un altro motivo per la stitichezza nei criceti è l’infestazione parassitaria, causata da vermi del genere Ascaris o della classe Cestoda. Se il carico parassitario è molto elevato, questi possono tappare fisicamente il lume intestinale, impedendo il passaggio delle feci verso l’ano e verso l’esterno. Questa condizione provoca sintomi abbastanza gravi.

Intussuscezione

L’intussuscezione è una condizione in cui parte dell’intestino del criceto si “piega” verso l’interno, causando stitichezza e dolore intenso nell’animale. A sua volta, questa malattia trova solitamente la sua causa in una cattiva alimentazione, infiammazione intestinale cronica, gravidanza o disidratazione. Sfortunatamente, l’eutanasia in questi casi è quasi sempre l’unica opzione.

Eseguire un intervento chirurgico d’urgenza su un animale così piccolo è quasi sempre impossibile.

Sintomi di costipazione nei criceti

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, rilevare un basso tasso di defecazione nel criceto è abbastanza difficile. Pertanto, il proprietario dovrebbe cercare i seguenti segni clinici in caso di sospetta stitichezza nel suo animale domestico:

  • Dolore addominale marcato. L’animale può adottare una postura curva per cercare di calmare il fastidio.
  • Sforzo eccessivo durante la defecazione. I criceti tendono ad avere un buon movimento intestinale mentre svolgono altre attività. Lo sforzo eccessivo e la mancanza di feci nell’ambiente sono segnali sufficienti per far scattare l’allarme.
  • Feci molto dure, secche e poco abbondanti.
  • Vermi visibili nelle feci. Questo indica un’infestazione intestinale che deve essere trattata immediatamente.
  • Presenza di una struttura tubolare che sporge attraverso l’ano (prolasso rettale). Questo è un sintomo di intussuscezione.

I sintomi della stitichezza nei criceti sono abbastanza diffusi. Pertanto, in caso di dubbio, l’opzione migliore sarà sempre quella di andare dal veterinario. Non perdete tempo, poiché questi animali sono fragili e possono morire in poco tempo se non trattati.

Diagnosi e trattamento

Se decidete di portare il vostro criceto dal veterinario, è meglio raccogliere anche alcuni campioni delle sue feci fresche in un vasetto. La consistenza e il colore delle feci sono criteri diagnostici essenziali. Tuttavia, possono essere necessari raggi X, colture delle feci ed esami del sangue per trovare la causa sottostante della stitichezza.

Il trattamento di questa condizione dipenderà dal quadro clinico causale. Ad esempio, l’intussuscezione può essere trattata solo con un intervento chirurgico o un bypass intestinale. Nessuno di questi approcci è raccomandato in genere, poiché l’animale ha un’alta probabilità di morire in sala operatoria. L’eutanasia è l’unica opzione nella maggior parte dei casi.

I pazienti con un’infestazione parassitaria devono essere trattati con antielmintici per un periodo di tempo variabile. D’altra parte, quelli che soffrono di stitichezza trarranno beneficio dall’assunzione controllata di lassativi. Grazie ad essi, le feci si ammorbidiranno e potranno essere espulse più facilmente.

Un criceto gira su una ruota.

La prognosi dopo il trattamento per la stitichezza nei criceti dipende interamente dalla causa sottostante. Una lieve occlusione intestinale può essere trattata senza problemi con i lassativi. D’altra parte, un’intussuscezione provoca la morte in quasi tutti i casi. Di fronte a qualsiasi sintomo osservato, non esitate ad andare con il vostro animale domestico dal veterinario.

Potrebbe interessarti ...
Malattie più comuni dei criceti domestici
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Malattie più comuni dei criceti domestici

Conoscete le malattie più comuni dei criceti? Affinché il vostro roditore domestico goda di buona salute, portatelo spesso dal veterinario.