Tardigradi, gli animali più indistruttibili al mondo

Questi piccoli animali sono in grado di sopravvivere nello spazio e a temperature così estreme che distruggerebbe praticamente qualunque altro essere vivente.
Tardigradi, gli animali più indistruttibili al mondo

Ultimo aggiornamento: 17 maggio, 2021

I tardigradi sono animali sorprendenti da ogni punto di vista. Per prima cosa, sono estremamente abbondanti e onnipresenti, essendo stati trovati dall’Artico alle profondità degli oceani e alle foreste pluviali.

Inoltre questi invertebrati sono minuscoli, nonostante la complessità strutturale che li caratterizza. Gli adulti sono lunghi appena mezzo millimetro, ma hanno diverse paia di zampe, che usano per camminare nel loro mondo microscopico. Ciò significa che, nonostante siano così comuni, passano inosservati.

Infine, questi sono animali così resistenti che è difficile da credere. Queste minuscole creature non sono turbate da condizioni che ucciderebbero la stragrande maggioranza della vita sul pianeta, poiché possono persino sopravvivere al vuoto dello spazio esterno. Se vuoi saperne di più su questi invertebrati quasi indistruttibili, continua a leggere.

Caratteristiche dei tardigradi

I tardigradi costituiscono uno specifico phylum di animali, una delle classificazioni più ampie all’interno di questo regno. In generale, ciò significa che sono un gruppo molto vario, che si è evolutivamente separato dal resto molto tempo fa e, quindi, ha caratteristiche uniche. Sono tuttavia imparentati con gli artropodi, quindi li ricordano alla lontana.

Il corpo paffuto di questi invertebrati è diviso in 5 segmenti visibili. Il primo contiene la testa. Gli altri 4 hanno un paio di zampe per segmento: sono corte, spesse e rifinite da artigli, che variano a seconda della specie.

L’ultimo paio di zampe emerge dall’estremità dell’animale, dietro la cloaca, in un modo peculiare che non esiste in nessun altro essere vivente.

La testa può contenere un paio di occhi, oltre alla struttura della bocca simile a un tubo, che questi invertebrati usano per il cibo. All’interno, il corpo dei tardigradi è molto simile a quello di altri animali: contiene un sistema digestivo con esofago, stomaco e altre parti comuni, nonché un sistema nervoso con un cervello.

D’altra parte, l’esterno è ricoperto da una cuticola dura e flessibile, che protegge questi animali dagli elementi nocivi. Questo guscio deve essere abbandonato man mano che il tardigrado cresce.

Inoltre, la cuticola serve a distinguere tra i 2 grandi gruppi di tardigradi. Gli eutardigradi hanno una cuticola liscia, che conferisce loro un aspetto arrotondato, mentre gli eterotardigradi hanno placche sulla cuticola che ricordano un’armatura.

Alla nascita, questi animali possono misurare appena 0,05 millimetri. Gli adulti della maggior parte delle specie tendono a crescere fino a 0,5 millimetri, sebbene alcune specie raggiungano fino a 1,5 millimetri. Facendo attenzione, alcuni possono essere osservati senza microscopi.

Un tardigrado in tre dimensioni.

Dove vivono gli orsi acquatici?

I tardigradi sono ovunque. Sono stati trovati in profondità negli oceani, nell’Artico e sulle cime degli alberi delle aree boschive.

Le oltre 1000 specie di tardigradi finora descritte possono essere suddivise in 3 gruppi, a seconda della loro ecologia. Alcuni sono marini, altri sono d’acqua dolce e la stragrande maggioranza di quelli conosciuti sono “terrestri”.

In realtà, questi ultimi tardigradi vivono in piccoli accumuli d’acqua che vengono immagazzinati in ambienti terrestri, soprattutto in licheni, muschi o vegetazione simile.

Questi habitat sono sorprendentemente estremi, poiché forniscono a questi animali pochissima protezione. Inoltre, per complicare ulteriormente le cose, i tardigradi sono esposti a periodi prolungati di radiazione solare diretta. Ciò può causare l’asciugatura del bacino idrico in cui vivono in un tempo molto breve.

Gli adattamenti che consentono a questi animali di sopravvivere alle condizioni più dure immaginabili sono emersi proprio come una risposta evolutiva alla vita in questi ecosistemi aspri e mutevoli. I tardigradi marini e d’acqua dolce vivono in ambienti molto più stabili, quindi non mostrano le incredibili capacità di quelli terrestri.

Gli animali più resistenti del pianeta

I tardigradi sono in grado di passare attraverso un processo chiamato criptobiosi, attraverso il quale si trasformano in una struttura chiamata “tun”. Per fare questo, perdono più del 90% dell’acqua presente nel loro corpo, riducono le loro dimensioni a un terzo della taglia originale e arrestano il metabolismo.

Sebbene questa forma di resistenza sia nata per sopravvivere alla siccità temporanea, è efficace contro quasi tutte le circostanze sfavorevoli che si possano immaginare.

Sotto forma di “tun”, i tardigradi hanno dimostrato di essere in grado di sopravvivere a moltissimi fattori di stress esogeni. Tra questi, evidenziamo quanto segue:

  • 20 ore a -272,95 gradi Celsius: vale a dire vicino allo zero assoluto, la temperatura più bassa che può essere raggiunta.
  • 20 mesi a -200 gradi Celsius.
  • Temperature elevate, fino a 150 gradi Celsius.
  • 6000 atmosfere di pressione.
  • Alte concentrazioni di gas tossici, come monossido di carbonio, anidride carbonica, anidride solforosa e azoto.
  • 30 anni senza cibo né acqua.
  • Il vuoto dello spazio e le radiazioni ionizzanti dirette.

Dopo essere stati esposti a queste condizioni estreme e aver ripristinato le condizioni ottimali, i tardigradi tornano al loro stato attivo nel giro di poche ore o minuti. Non appena l’ambiente lo consente, vanno avanti con le loro vite come se nulla fosse accaduto.

Un tardigrado su uno sfondo bianco.

In definitiva, questi piccoli invertebrati sono i sopravvissuti supremi. Le loro incredibili capacità stanno permettendo ai ricercatori di scoprire di più sui limiti della vita, così come alcuni dei segreti della biologia, della fisica e della chimica che li determinano.