Tartaruga di Horsfield, la testuggine dalla vista eccellente

· 18 giugno 2018

È la più famosa dell’ordine delle testuggini e, sebbene il suo habitat naturale sia l’Eurasia, attualmente abita in tutte le parti del mondo. In questo articolo vi sveleremo tutto ciò che c’è da sapere sulla Tartaruga di Horsfield, scelta come animale domestico in migliaia di case.

Caratteristiche e habitat della Tartaruga di Horsfield

Conosciuta anche come Tartaruga russa o Tartaruga delle steppe, è ampiamente distribuita in Asia. Può essere vista in Russia, Cina, Pakistan e Afghanistan, e ultimamente anche in altri paesi vicini, come Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan.

Preferisce l’ambiente delle steppe secche, vicino a corsi d’acqua, climi estremi con inverni freddi ed estati calde. Abita anche ai margini di praterie e deserti.

Per quanto riguarda le sue caratteristiche, possiamo evidenziare che le femmine sono più grandi dei maschi (22 centimetri e 19 centimetri di lunghezza, rispettivamente) e che il carapace di entrambi i sessi è leggermente appiattito, di color marrone scuro o chiaro, come anche le quattro zampe.

Gli arti anteriori sono robusti e presentano quattro spine. Questa caratteristica li differenzia da altre testuggini che, al contrario, hanno cinque protuberanze, nello stesso punto.

Comportamento e alimentazione della Tartaruga di Horsfield

È un animale che è attivo solo per qualche mese all’anno, poiché in inverno va in letargo in tane alte fino a tre metri, che scava da sola. Quando inizia la primavera, coglie l’opportunità per riprodursi e immagazzinare più cibo possibile. Durante il giorno riscaldano il corpo e accelerano le loro funzioni metaboliche grazie alla continua esposizione ai raggi solari.

Tartaruga di Horsfield mangia dell'insalata

Questa tartaruga è erbivora e si nutre di erba secca, fiori, erbe, verdure e ortaggi. In periodi di siccità integra la sua dieta ingerendo escrementi e insetti.

Riproduzione e longevità della Tartaruga di Horsfield

Una volta che si risveglia dal letargo, nei primi giorni di primavera, il maschio inizia il suo corteggiamento sessuale. Prima insegue la femmina, poi la colpisce e, infine, la morde. Durante la copulazione, che dura tra le 10 e le 12 ore, gli esemplari maschi emettono suoni, ma negli altri momenti della loro vita sono assolutamente muti.

Le femmine hanno la capacità di conservare lo sperma per diverse settimane, mesi o anni. Sessanta giorni dopo la copulazione, scavano buche nel terreno con le zampe posteriori e depositano le uova, tra maggio e giugno.

Il periodo di incubazione e il sesso della prole dipenderanno dalla temperatura dell’ambiente. Quando è inferiore a 31 gradi, nasceranno i maschi. Altrimenti, saranno femmine. È curioso sapere che la Tartaruga di Horsfield raggiunge la maturità sessuale a 10 anni di età, abbastanza tardi rispetto ad altri animali. Ma ciò si deve al fatto che sono longeve e, in media, la loro aspettativa di vita non è mai inferiore ai 40 anni.

Tartaruga di Horsfield come animale domestico

È molto comune per la Tartaruga di Horsfield diventare un animale domestico, perché è molto facile da mantenere e curare. Certo, è necessario che si abbia lo spazio necessario per permetterle di muoversi. Soprattutto, ha bisogno di vivere all’aria aperta. È un animale molto curioso e dinamico. Possiede un ritmo lento ma determinato, esplorerà tutto il terreno che gli metterete a disposizione.

Zampe e carapace della Tartaruga di Horsfield

Alcuni proprietari acquistano terrari che includono speciali luci a raggi UVA e UVB per riscaldare questi rettili. Ciò permette di ricreare il loro habitat naturale. In nessun caso la temperatura della sua “casa” dovrà superare i 35 gradi.

Per nutrire una Tartaruga di Horsfield basterà offrirgli vari tipi di verdure: erba, carote, bietole, broccoli, spinaci e tarassaco. Così come alcuni frutti come fragole, mele o pere. La fornitura giornaliera di acqua fresca e pulita, è essenziale.

È molto importante che l’animale possa andare in letargo una volta all’anno. Per fare questo, se posta in un terrario speciale, occorrerà configurare una bassa temperatura (tra 4 e 8 gradi) e con un substrato adeguato per essere usato come letto.

Infine, non bisogna dimenticare che la Tartaruga di Horsfield è un animale che, pur essendo stato addomesticato, conserva ancora molte abitudini selvagge. Pertanto, non è consigliabile tenerla o sollevarla da terra per “giocare”, poiché potrebbe stressarsi notevolmente, portando a un deterioramento della sua salute generale. Meglio lasciarla camminare liberamente, come se si trovasse nel suo habitat naturale.