Usi della camomilla per il cane: quando e come prepararla

17 giugno, 2020
La camomilla è una pianta medicinale che possiamo dare saltuariamente agli animali per calmare alcuni disturbi, previo consulto veterinario.
 

Negli ultimi tempi sembra che tutti desiderino una vita più sana, rifiutino i prodotti processati e ricorrano ai rimedi naturali quando possibile. Ma quali sono le alternative naturali più adatte per gli animali domestici? Gli usi della camomilla per il cane sono diversi. Questa erba comunissima può essere molto utile e a seguire vediamo perché.

Non tutte le piante dagli effetti positivi sugli esseri umani possono essere impiegate per proteggere la salute degli animali. Per esempio, il tè provoca un aumento del ritmo cardiaco negli animali, scatenando in alcuni casi serie complicazioni. La camomilla, viceversa, fa bene sia agli esseri umani sia agli animali.

La camomilla (Matricaria recutita Matricaria chamomilla) è una delle piante medicinali più antiche di cui siamo a conoscenza. Si pensa che questa pianta attirò l’attenzione dell’uomo per via del suo intenso aroma e che una volta che iniziò a usarla ne scoprì poco per volta le proprietà che ancora oggi la rendono popolare.

Gatto che dorme

Quali sono gli usi della camomilla per il cane

La camomilla è una pianta medicinale dai vari usi sia negli esseri umani sia negli animali. Vediamoli qui di seguito.

 

Apparato digerente

L’uso della camomilla per via orale è particolarmente indicato in caso di cattiva digestione, stomaco infiammato, flatulenza o diarrea. I veterinari affermano che l’impiego di questa pianta aiuta a calmare l’infiammazione e, di conseguenza, il mal di stomaco. 

Questa capacità della camomilla si deve alla apigenina, molecola sempre più studiata per via della sua presenza in un’ampia varietà di piante medicinali e dell’ampio spettro di benefici per la salute.

Usi della camomilla per il cane: nervi e ansia

Se i nostri amici a quattro zampe si innervosiscono o si spaventano con facilità in presenza di stimoli esterni, come fuochi d’artificio, automobili o altri suoni o situazioni, la camomilla può rappresentare una valida opzione. Questo effetto si deve all’apigenina, che possiede un’azione rilassante.

Pelle irritata

Quando il cane ha la pelle irritata a causa della puntura di un insetto, di un’allergia o persino come effetto indesiderato del sapone con cui l’abbiamo lavato e che non era adatto, possiamo usare la camomilla.

A tale scopo, dobbiamo preparare un infuso e applicarlo tramite impacchi, con cui l’animale troverà sollievo da infiammazione, dolore e prurito.

Usi della camomilla per il cane: gli occhi

La camomilla è efficace anche in caso di congiuntivite o irritazioni agli occhi, poiché calma il dolore e aiuta a eliminare la fonte del fastidio. Basterà immergere un dischetto di cotone nell’infuso di camomilla e applicarlo con delicatezza sugli occhi.

 

Vermi

L’infuso di camomilla sarà d’aiuto anche quando l’animale ha i vermi, in quanto ne favorisce l’espulsione. Bisognerà usarlo sempre e solo come trattamento complementare, in quanto si richiede necessaria attenzione veterinaria e una cura esatta.

Zecche

L’aroma della camomilla allontana le zecche, motivo per cui possiamo sfregare un po’ di infuso di camomilla tiepido sul pelo dell’animale (durante il bagno per esempio). Potremo così dire addio a questi indesiderati parassiti.

Dolori muscolari

Dopo aver parlato dei numerosi usi della camomilla per il cane e del suo composto, l’apigenina, non c’è da stupirsi che doni sollievo anche in caso di dolori muscolari. In questi casi è possibile somministrarla sia in forma orale sia topica:

  • Per la somministrazione per via orale, prepareremo una tazza di infuso (100-125 ml) e la daremo all’animale.
  • Per la somministrazione topica useremo del cotone o una garza imbevuti nell’infuso di camomilla.
Infuso di camomilla

Come preparare la camomilla per gli animali?

La camomilla è reperibile in bustine in qualsiasi supermercato. È possibile acquistarla anche in erboristeria in bustine o sfusa. Ma attenzione, se la compriamo sfusa, l’ideale è che i fiori siano interi e secchi. In questo modo potremo godere delle sue proprietà.

 

Per donare sollievo al cane in qualsiasi situazione anteriormente descritta, dovremo preparare un infuso a base di camomilla. Per fare ciò, si consiglia di realizzare i seguenti passaggi:

  • Mettiamo l’acqua a bollire.
  • Quando raggiunge il punto di ebollizione, aggiungiamo i fiori di camomilla e copriamo con un coperchio; spegniamo subito il fuoco per non bruciare i fiori e con essi le loro proprietà medicinali.
  • Lasciamo riposare il liquido per qualche minuto.

Sebbene noi esseri umani siamo soliti bere la camomilla calda, agli animali dovremo darla fredda o al massimo leggermente tiepida.

Quando la somministrazione avviene per via orale, possiamo aggiungere un po’ di miele all’infuso, sempre in piccole dosi. Prima di aggiungere altro, è meglio consultare il veterinario. 

Quando l’applicazione dell’infuso è topica, imbeveremo delle compresse o dei dischetti di cotone nell’infuso. Dopodiché li applicheremo sulla zona del corpo interessata.

Piante medicinali e usi della camomilla per il cane

Considerazioni importanti sugli usi della camomilla per il cane

Bisogna sempre consultare il veterinario riguardo alla possibilità di usare le piante medicinali per gli animali domestici. Sebbene la camomilla sia una buona alternativa, è bene chiedere al professionista per essere certi di impiegarla nel giusto modo.

 

Alcuni animali, inoltre, possono essere allergici, motivo per cui si consiglia di fare una prova:

  • Via topica. Dovremo applicare una piccola quantità di infuso su un’area circoscritta del corpo (mai aree estese, sempre in una zona limitata) e osservare la reazione.
  • Via orale. Daremo un piccolo sorso di infuso all’animale e osserveremo se causa vomito o qualche altra reazione.

D’altro canto, è importante ricordare che bisogna ridurre la quantità di camomilla somministrata per via orale alle femmine incinte, dato che potrebbe essere pericolosa.

La camomilla può essere tossica se somministrata in eccesso, motivo per cui bisogna prestare molta attenzione. Nel caso in cui il cane la mangi in eccesso in campagna, potrebbe accusare vomito o diarrea.

Nonostante ciò, quando ricorriamo all’infuso di camomilla come rimedio in dosi controllate, in casi isolati e secondo le indicazioni del veterinario migliorerà le condizioni di salute dell’animale.

 

Manzanilla, Wikipedia. Recogido a 23 de abril en https://es.wikipedia.org/wiki/Matricaria_recutita

Apigenina, The American Journal of Pathology. Recogido a 23 de abril en https://ajp.amjpathol.org/article/S0002-9440(10)62196-7/fulltext

Tóxica, Dialnet. Recogido a 23 de abril en https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=3177054