Usignolo dal petto blu: ecco le sue caratteristiche

· 13 Febbraio 2019
Oltre ai colori sorprendenti del suo piumaggio, l'usignolo dal petto blu è in grado di imitare il canto delle altre specie.

Come indica il nome, l’usignolo dal petto blu presenta un piumaggio bluastro, tra gli altri colori, principalmente sul petto.

Ma questa non è l’unica meravigliosa caratteristica di questo bellissimo uccello. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sull’usignolo dal petto blu.

Informazioni sull’usignolo dal petto blu

Il suo nome scientifico è Luscinia svecica e appartiene al gruppo dei passeriformi e alla famiglia dei Muscicapidae.

Viene chiamato anche papoazul (in Galizia), cotxa blava (in Catalogna) e paparrurdina (nei Paesi Baschi). In inglese, è il bluethroat (gola blu).

Con i suoi 14 cm circa di grandezza e un peso di 20 grammi, l’usignolo dal petto blu ha la forma un po’ slanciata, con le zampe e il becco sottili, entrambi di colore grigiastro e gli occhi neri.

Per quanto riguarda il piumaggio, quello che risalta è il suo petto blu – da cui il nome – e che può anche essere accompagnato da altri colori, come il bianco o l’arancione.

I maschi sono molto più sgargianti e appariscenti delle femmine, in un chiaro dimorfismo sessuale, come accade nella maggior parte degli uccelli.

Il resto delle piume è grigio, arancione, biancastro o giallastro. La testa è più scura della faccia, come nel caso della schiena e delle ali.

Anche il piumaggio della coda è caratteristico: ha le punte nere e il resto rosso o arancione.

Canto dell'usignolo

Comportamento e habitat dell’usignolo dal petto blu

Si potrebbe dire che questo uccello è un po ‘”timido” e abbastanza sfuggente.

Le femmine di solito camminano per terra e, non appena percepiscono che c’è qualche pericolo o suono strano, si nascondono.

Il verso dell’usignolo dal petto blu è acuto, ampio e melodioso, e a volte può imitare il verso di altri uccelli, specialmente quello delle allodole.

Di solito canta al mattino e quando fa buio; i maschi cantano appollaiati tra i cespugli.

Finora sono note 11 sottospecie dell’usignolo dal petto blu, che vivono alle latitudini comprese tra l’Artico e il Paleartico settentrionale.

Ciò significa che possono essere visti in Scandinavia, Alaska, Asia e Europa centrale e occidentale. Alcuni esemplari sono stati avvistati anche in India e in Nord Africa durante il periodo delle migrazioni o del letargo.

L’usignolo dal petto blu preferisce le zone di alta montagna, tra 1000 a 2000 metri sul livello del mare, durante la stagione riproduttiva e il resto dell’anno le paludi, le zone umide, i boschi di betulle o salici, i cespugli di erica.

Vive vicino ai terreni di pascoli aperti, vicino ai fiumi, alle lagune o ai corsi d’acqua e in aree con molte erbacce.

Habitat dell'usignolo

Per costruire il nido scegli le pendici di montagna, preferibilmente vicino a uno specchio d’acqua dolce.

Cova da cinque a sette uova di colore verde o bluastro con macchie rossastre, per lo più verso metà maggio.

Dopo due settimane di incubazione – condivisa tra la madre e il padre – nascono i pulcini, che possono già volare durante il primo mese di vita.

Di cosa si nutre l’usignolo dal petto blu? È un uccello insettivoro che basa la sua dieta su coleotteri, ditteri, lepidotteri, insetti acquatici e persino larve.

A volte può mangiare i frutti degli arbusti selvatici e alcuni semi in autunno.

Le principali minacce per l’usignolo del petto blu sono l’alterazione del paesaggio dovuta al pascolo, l’abbattimento della foresta nativa e la prosciugazione di fiumi e torrenti.

Tuttavia, per fortuna non è considerato in pericolo di estinzione, minacciato o vulnerabile, ma piuttosto come una “preoccupazione minore” grazie al grande numero di esemplari presenti in tutto il mondo.

L’usignolo dal petto blu è un uccello migratore parziale o totale che si distingue per le sue impressionanti piume blu sulla gola e sul petto.

Nonostante le sue piccole dimensioni, è una specie colorata tipica delle praterie con abitudini molto affascinanti.

Zink, R. M., Drovetski, S. V., Questiau, S., Fadeev, I. V., Nesterov, E. V., Westberg, M. C., & Rohwer, S. (2003). Recent evolutionary history of the bluethroat (Luscinia svecica) across Eurasia. Molecular Ecology. https://doi.org/10.1046/j.1365-294X.2003.01981.x