Viaggiare con il proprio cane: sì o no?

16 ottobre 2017

Se possedete uno o più animali da compagnia, prima o poi, dovrete affrontare la questione se viaggiare assieme a loro o meno.

E’ possibile andare in vacanza con il vostro cane? O è troppo problematico? Cercheremo di rispondere a queste ed altre domande nel seguente articolo. Vediamo assieme consigli e punti di vista su questo interessante dibattito che interessa tutti noi.

Un mondo sempre più pet friendly

Viaggiare con il proprio cane si o no
Fonte: www.vivelohoy.com

Rispetto al passato, oggi la realtà delle cose è cambiata parecchio. Sia in Italia che in molti altri paesi, infatti, sono sempre più numerosi i centri ricettivi che permettono di accogliere cani e gatti. Il mercato si è adeguato ad un’esigenza che molti padroni richiedevano. Se si possiede un animale domestico, è normale voler passare del tempo assieme anche in vacanza.

Questo nuovo e più moderno mondo pet friendly oggi offre tante alternative, nei vari settori dei viaggi e del turismo. Per esempio a livello di:

  • Mezzi di trasporti
  • Hotel, agriturismi e B&B
  • Ristoranti, bar e caffè
  • Spazi pubblici come musei, uffici, cinema…

Domandarsi se viaggiare o no con il proprio cane può diventare un dubbio amletico. Eppure basta informarsi per scoprire che esistono tante soluzioni, comode e pratiche, per andare in vacanza con il proprio amico a quattro zampe, senza eccessivi problemi.

E’ bello viaggiare con un animale, sempre che non si stressi

Possiamo sicuramente affermare che, una volta verificata l’accessibilità e i servizi dei centri ricettivi per animali, viaggiare con il vostro cane è sicuramente possibile. E non solo, è anche una bella esperienza, se si visitano località immerse nella natura.

Ovviamente però, come sempre, i padroni devono anzitutto preoccuparsi di aspetti come la salute e il benessere del proprio animale. Viaggiare è stressante per gli esseri umani e può esserlo anche per cani e gatti. Parliamo soprattutto degli spostamenti, in auto, treno o magari in aereo.

Non bisogna sottovalutare le problematiche relative a viaggi di media e lunga distanza. Non è mai piacevole essere messi in un trasportino o in una gabbia, finendo per passare diverso tempo in solitudine, mentre tutto si muove all’improvviso, senza che si possa capirci qualcosa.

Il miglior consiglio che possiamo darvi, come prima cosa, è ovviamente abituare poco a poco il vostro cane a piccoli spostamenti, in modo che viaggiare risulti il meno traumatico possibile.

Prima di viaggiare, recatevi dal veterinario

Aldilà delle situazioni di ansia, smarrimento o stress di cui può soffrire il vostro animale domestico, è sempre conveniente visitare il medico prima di viaggiare. Specie se sappiamo che starete via durante un periodo abbastanza lungo, come una o due settimane.

Il veterinario dovrà occuparsi di verificare la salute generale dell’animale e stabilire o verificare se esistono impedimenti o controindicazioni rispetto al viaggio a cui il cane sta per essere sottoposto. Esistono alcuni elementi che possono pregiudicare la possibile vacanza, come per esempio:

  • L’età. Cuccioli ed esemplari anziani sono molto sensibili agli spostamenti.
  • Eventuali malattie.
  • Convalescenza da piccoli interventi o terapie.

Se il medico vi darà l’ok per viaggiare con il vostro animale, ricordate di portare con voi tutta la documentazione necessaria (vaccini, libretto sanitario…). Inoltre è vostro dovere informarvi circa le migliori modalità per il trasporto dell’animale, in modo da garantirgli sempre massima sicurezza.

Cosa fare se non potete viaggiare con il vostro cane?

Viaggiare con il proprio cane si o no

Alla fine, per ragioni di salute o altro, nel caso in cui non possiate portare con voi il vostro animale, occorre escogitare un piano di riserva. Se non avete nessun amico o familiare a cui affidare il cane, potrete lasciarlo presso una struttura specializzata. Un hotel o residenza canina, dove però esiste il rischio che l’animale possa stressarsi o star male.

Comunque, nessuna paura, per fortuna esistono altre alternative. Grazie ad Internet, negli anni si sono andati creando dei nuovi profili professionali. Parliamo per esempio di dog sitter capaci e preparati che saranno lieti di prendersi cura del vostro amico a quattro zampe. Sicuramente ne troverete anche qualcuno vicino a casa vostra.

Per poter scegliere il miglior o la migliore dog sitter, semplicemente basterà verificare feedback e commenti di altri utenti. In molti casi, questo servizio è sponsorizzato da aziende che hanno anche stipulato un’assicurazione. Inoltre, per evitare possibili equivoci, vale sempre la pena conoscere di persona questi professionisti.

Evitando di fare tutto all’ultimo momento, visitate il dog sitter accompagnati dal vostro cane e osservate i dettagli principali. Come tratta l’animale, i suoi modi, visitate la casa e le zone in cui verrà ospitato, fate domande precise e ricordate sempre di trovare un accordo circa il cibo e i giocattoli. Una buona idea è lasciare al dog sitter pappe, giochi e anche la ciotola di casa. Durante la vostra assenza, il cane si sentirà più sicuro se circondato da oggetti ed odori familiari.

Davvero un buon sistema per andare in vacanza senza particolari preoccupazioni.

Guarda anche