10 tipi di marsupiali

Anche se il canguro è quello più conosciuto nell'immaginario collettivo, esistono ben 10 tipi di marsupiali divisi tra America e Australia.

Ultimo aggiornamento: 09 luglio, 2021

A tutti, almeno una volta nella vita, è capitato di guardare un documentario sui canguri. Quindi la testa di un cucciolo di canguro che spunta dal marsupio della mamma è un’immagine piuttosto comune nel nostro immaginario. Anche un po’ curiosa ed affascinante. In questo articolo, approfondiremo proprio questo aspetto, ma andando oltre il canguro e presentandovi ben 10 tipi di animali marsupiali.

Potrete scoprire come funziona questo sistema e quali sono i vantaggi per le mamme di portare il proprio cucciolo in una “tasca”. Pur essendo filogeneticamente più antica, infatti, questa forma di riproduzione ha dei punti a suo favore che hanno permesso a molte specie di sopravvivere nel corso dei secoli.

Caratteristiche dei marsupiali

I marsupiali sono mammiferi vivipari non placentari. Ciò significa che la placenta, quel sacco che protegge il feto nel corso della gravidanza, e che lo nutre e lo protegge dal sistema immunitario della madre, in questi animali non esiste. Al suo posto, è presente una sorta di marsupio, che consiste in un sacco di pelle situato nel grembo materno.

I marsupiali femmine sono dotate di 3 vagine. Le 2 laterali sono destinate alla fecondazione, mentre quella centrale è dedicata alla nascita dei piccoli.

Ciò significa che i cuccioli nascono molto prematuri e salgono al seno attraverso un percorso di saliva che la madre crea prima della nascita. Poiché si trovano ancora in uno stato fetale, trascorrono gran parte del loro sviluppo agganciati ai capezzoli della madre.

La vita della prole subisce una situazione di rischio fin dalla nascita a causa di questo parto prematuro, ma in questo modo la madre evita di dover sopravvivere con una gravidanza avanzata e affrontare un parto problematico. Di fatto, le gravidanze raramente superano un mese.

Tassonomia marsupiale

Ci sono circa 270 specie di marsupiali, 70 in America e circa 200 in Australia. Studi filogenetici suggeriscono che i marsupiali riuscirono ad arrivare dal Sud America all’Australia attraverso l’Antartide quando ancora esisteva la Pangea. Questa infraclasse di mammiferi, nota scientificamente come marsupialia, si suddivide nei seguenti ordini:

  • Didelphimorphia: questo ordine raggruppa la maggior parte dei marsupiali americani, come l’opossum, molti dei quali vengono considerati dei fossili viventi.
  • Paucituberculata: anch’esso americano, comprende soltanto membri viventi della famiglia Caenolestidae, poiché il resto della specie si è estinto da tempo.
  • Microbiotheria: l’unico membro di questo ordine è la scimmia di montagna (Dromiciops gliroides), che vive nei Neotropici americani nonostante sia più imparentata con i marsupiali australiani.
  • Dasyuromorphia: questo ordine è endemico del continente australiano. La maggior parte dei suoi membri sono terrestri e carnivori, come il diavolo della Tasmania (Sarcophilus harrisii). 
  • Peramelemorphia: distinto da caratteristiche fisiche come zampe sottili e muso allungato, quest’ordine è formato dai bandicoot (Peramelidae) e dai bilbies (Macrotis).
  • Notoryctemorphia: i membri di questo ordine mostrano un’incredibile somiglianza con le talpe placentari, anche se sono specie filogeneticamente distanti.
  • Diprotodontia: appartengono a questo gruppo i marsupiali caratterizzati dalla presenza di due incisivi nella mascella. Tra questi, si possono trovare il canguro, il koala o l’aliante, piuttosto noti nella cultura generale.

10 tipi di marsupiali: gli americani

I marsupiali americani filogeneticamente più antichi sono meno conosciuti a livello informativo, anche se non per questo meno interessanti. Vediamo alcuni esempi qui di seguito.

Opossum acquatico (Chironectes minimus)

È l’unico marsupiale acquatico conosciuto. Il suo habitat si trova nei laghi e nei torrenti del Messico, e le sue popolazioni sono distribuite nel nord-est dell’Argentina. Si nutre di crostacei di fiume, anfibi e pesci. Dal punto di vista fisico, può crescere fino a circa 75 centimetri dalla testa alla coda.

Opossum a quattro occhi (Philander opossum)

Vive nel sud del Messico, ma è possibile trovarlo anche in Sud America. Di alimentazione onnivora, è una specie arborea e terrestre di abitudini notturne. La famiglia di questi esemplari è anche conosciuta come opossum nel suo senso più ampio.

Uno dei tipi di marsupiali.

Opossum del topo gracile colombiano (Gracilinanus perijae)

Tradotto dall’inglese, l’opossum del topo della Colombia è una specie endemica del paese da cui prende il nome. È un animale minuscolo che vive nelle foreste di pianura tropicali e subtropicali.

Opossum nordamericano (Didelphis virginiana)

È forse il rappresentante più noto nei media, poiché le sue abitudini alimentari opportunistiche gli hanno permesso di diffondersi in Nord America. È piuttosto comune vedere esemplari entrare nelle città e nei cortili delle case.

Un opossum su un albero.

Opossum toporagno oscuro (Caenolestes fuliginosus)

Endemico a sud della Valdivia (Antioquia), questo piccolo marsupiale è un animale notturno e onnivoro. Attualmente è gravemente minacciato dall’agricoltura che distrugge il suo habitat.

Donnola di pecora o mora nera (Didelphis albiventris)

La donnola di pecora, detta anche mora nera, è tipica di Argentina, Bolivia, Brasile, Uruguay e Paraguay. Nonostante il soprannome di donnola, non è un mustelide, ma appunto un marsupiale. Il suo ciclo di vita è molto breve, poiché raggiunge appena i 4 anni di età. È una specie onnivora che si nutre di insetti, roditori, anfibi, rettili e frutti.

Una donnola di pecora, dei tipi marsupiali.

10 tipi di marsupiali: gli australiani

L’Australia è il continente dove si trova il maggior numero di questi animali: dei 378 mammiferi terrestri ivi registrati, 200 sono marsupiali. I marsupiali australiani sono caratterizzati dalla grande variabilità adattativa della loro specie, come si può notare dai seguenti esempi.

Canguro gigante (Macropus giganteus)

Il canguro gigante, o canguro grigio orientale, può pesare più di 60 chili e raggiungere i 2 metri di altezza. Le sue potenti zampe posteriori gli permettono di raggiungere i 55 chilometri orari in marce molto veloci. Il suo habitat si trova nel sud e nell’est dell’Australia e della Tasmania.

Uno dei tipi di marsupiali.

Vombato comune (Vombatus ursinus)

È l’unica specie del suo genere ed è caratterizzata da una dieta erbivora e da un comportamento opportunistico. Sebbene oggi sia ormai una pratica proibita, in passato il suo aspetto adorabile ha fatto sì che questo marsupiale venisse sfruttato come animale domestico. Il suo metabolismo è straordinariamente lento, ed anche i suoi movimenti in genere sono piuttosto calmi, anche se possiede comunque la capacità di spostarsi velocemente nel caso in cui si trovi in pericolo.

Uno dei tipi di marsupiali.

Wallabia delle paludi (Wallabia bicolor)

Questo genere differisce da quello dei canguri, sebbene il loro aspetto sia molto simile. La femmina di questa specie possiede una particolarità: presenta 2 uteri, che le permettono di iniziare un nuovo periodo di gestazione mentre porta ancora un bambino in grembo; ha cioè la possibilità di concatenare due gravidanze.

Uno dei tipi di marsupiali.

Canguro rosso (Macropus rufus)

Considerato il più grande dei marsupiali odierni, il suo peso raggiunge i 90 chilogrammi e la sua altezza 1,50 metri. La sua dieta consiste in erba e foglie di alberi e arbusti. È una specie gregaria, che si organizza in gruppi da 2 a 10 esemplari nella stagione delle piogge, ma nella siccità può raggiungere i 1.500 individui.

Questi marsupiali possono saltare fino a 10 metri.

Un canguro rosso in esecuzione.

Abbiamo elencato ben 10 tipi di marsupiali, dimostrando che il canguro non è l’unico esemplare al mondo dotato di questa caratteristica.  Soprattutto in Australia, dove sono presenti tante specie endemiche, e la loro conservazione diventa essenziale per la biodiversità dei loro habitat. Come sempre, il primo passo per proteggerli è conoscerli un po’ meglio. 

Potrebbe interessarti ...
Il koala, un marsupiale che si adatta all’ambiente
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il koala, un marsupiale che si adatta all’ambiente

Il koala si nutre solo di foglie di eucalipto, un adattamento all'ambiente che l'ha reso però anche particolarmente fragile.