12 curiosità sulle formiche

Le formiche sono tanto affascinanti quanto numerose negli ecosistemi. Sapevate che rappresentano il 25% della biomassa animale terrestre?
12 curiosità sulle formiche

Ultimo aggiornamento: 21 agosto, 2021

Le formiche sono insetti invertebrati che, insieme ad api e vespe, rappresentano l’ordine degli Imenotteri. Sono famose per la loro capacità di generare colonie e la loro “mente comune”, ma in questo articolo vi sveleremo 12 curiosità sulle formiche che non conoscete.

I fatti interessanti su questi insetti vanno ben oltre il formicaio. Grazie al loro successo come gruppo, hanno abitato quasi tutti gli ecosistemi del mondo nel corso della storia, il che ha permesso un’eccitante radiazione evolutiva. Se volete saperne di più, continuate a leggere.

12 curiosità sulle formiche che non conoscevate

1. Ci sono più di 10.000 specie di formiche nel mondo

Tutte le formiche sono comprese nella famiglia Formicidae, a sua volta appartenente all’ordine degli Imenotteri e alla classe degli Insecta. Circa 13.800 specie di formiche sono state classificate in tutto il mondo, anche se si stima che ce ne siano più di 22.000. Si distinguono dagli altri insetti per le loro antenne genicolate, le piccole dimensioni e l’addome cospicuo.

2. Hanno colonizzato quasi tutto il mondo

Le formiche si trovano in tutti i continenti del mondo, tranne l’Antartico. Sono cosmopoliti e si adattano praticamente a qualsiasi ambiente, ma hanno un limite: la temperatura. Poiché sono animali ectotermici che dipendono dal clima per modulare la loro temperatura corporea, semplicemente non possono colonizzare i luoghi ghiacciati.

Gli animali ectotermici presentano una relazione diretta tra la temperatura ambientale e il loro metabolismo.

3. Le formiche hanno un piano corporeo comune

Nonostante facciano parte della propria famiglia, non bisogna dimenticare che in fondo si tratta di un gruppo di insetti. Tutte le formiche sono invertebrati esapodi (hanno 6 zampe) e il loro corpo è diviso in 3 tagmi o segmenti: testa, mesosoma e metasoma. Hanno antenne cefaliche segmentate e il loro addome è chiamato gaster.

Come altri insetti, questi animali hanno un esoscheletro, un rivestimento indurito che li protegge dall’ambiente e fornisce un punto di ancoraggio per i loro muscoli. Non hanno polmoni o altri elementi di un sistema respiratorio complesso, quindi ottengono ossigeno dall’ambiente attraverso strutture distribuite in tutto il loro corpo, chiamate spiracoli.

Una formica pazza su un muschio.

4. L’eusocialità tra le 12 curiosità sulle formiche

Il termine eusocialità viene applicato per definire il massimo grado di interazione nel regno animale. Formiche e api sono l’esempio più lampante dell’interazione a livelli insospettati, dal momento che l’alveare e il formicaio lavorano come un tutt’uno, nonostante siano composti da centinaia o migliaia di esemplari. Una colonia eusociale si distingue per i seguenti punti:

  1. C’è una chiara sovrapposizione tra le generazioni nella struttura sociale.
  2. C’è una divisione riproduttiva. Non tutti gli esemplari della colonia possono lasciare la prole, e quindi sono in una certa misura “obbligati” ad aiutare la regina fertile.
  3. C’è cura dei genitori condivisa. Le operaie della colonia non lasciano figli, ma si prendono cura delle sorelle come se fossero le proprie figlie.

5. Il formicaio è diviso in caste

Il formicaio è il sistema unitario di questi imenotteri, ma è da notare che, al suo interno, gli esemplari differiscono per casta. La regina è il “cervello” e il “cuore” del nucleo eusociale: è la capostipite della colonia e l’unica capace di deporre le uova. Se muore la regina, crolla l’intero formicaio e muoiono anche gli operai.

Le operaie, invece, sono le “mani” dell’organismo unitario, poiché si occupano della ricerca del cibo (foraggiamento), della cura dei piccoli, dell’alimentazione della regina e dell’ampliamento delle camere del formicaio. Il numero medio di lavoratori all’interno di una colonia va da 100.000 a 500.000, sebbene vi siano differenze tra le specie.

6. Ci sono differenze genetiche tra le razze

La regina è un organismo diploide (2n) o, in altre parole, ha un set completo di cromosomi nelle sue cellule. È stata il risultato della fecondazione, quindi, sostanzialmente, metà delle sue informazioni genetiche provengono da sua madre e l’altra da suo padre. Anche le operaie sono diploidi, poiché provengono da uova fecondate prodotte da una regina stanziale.

Una delle curiosità più sorprendenti sulle formiche è che i maschi hanno la metà delle informazioni genetiche rispetto alla regina e alle operaie. Sono organismi aploidi (n) e hanno un solo set cromosomico, quindi la loro sopravvivenza oltre pochi giorni è impossibile. I maschi sono concepiti solo come sacchi di sperma volanti.

I maschi si schiudono da uova sterili. Hanno la metà delle informazioni genetiche del resto dei membri del formicaio.

7. Il legame tra aspettativa di vita e razze tra le 12 curiosità sulle formiche

L’aspettativa di vita media di una formica regina è di 7 anni. In ogni caso esistono specie (come Lasius niger) in cui può prolungare la sua vita fino a 30 anni. In confronto, le operaie vivono solo da pochi mesi a un anno, e i maschi raramente superano i 7 giorni.

8. Non tutte le formiche hanno una regina

Può suonare strano, ma una delle curiosità delle formiche è che non tutte hanno una regina in quanto tale. La specie Diacamma rugosum è l’esempio più chiaro di questo adattamento, in quanto tutte le operaie sono fertili alla nascita e possono potenzialmente riprodursi con un maschio.

Nelle colonie di Diacamma, un’operaia stabilisce il suo dominio e diventa l’unico riproduttore. Per fare ciò, deve mutilare alcune “papille” presenti nel resto delle lavoratrici alla nascita, rendendole così sterili. L’operaia dominante o il gamergate assume il ruolo di regina in questi formicai.

Una diacamma su un foglio.

9. Alcune formiche hanno più di una regina

D’altra parte, può anche succedere che una colonia di formiche abbia più di una regina per formicaio. Questo fenomeno è noto come poliginia. Alcune specie sono poligami facoltative (a volte hanno più di una regina e altre no), mentre in altri casi questo adattamento è obbligatorio per il mantenimento della colonia a lungo termine.

10. Ci sono formiche cacciatrici

Un’altra delle curiosità sulle formiche che sicuramente non conoscevate è che alcune sono ottimi cacciatori e sopravvivono solo grazie alla predazione degli insetti. L’esempio perfetto di ciò sono le specie del genere Odontomachus, conosciute come formiche trap-jaw in inglese. Questi invertebrati hanno mascelle molto forti e un pungiglione ricco di tossine.

11. La puntura di alcune formiche può essere fatale

Anche se potrebbe non sembrare, alcune formiche hanno pungiglioni con tossine molto pericolose, a volte letali per l’uomo. Il genere Myrmecia, endemico dell’Australia, ha causato almeno 6 morti per morsi negli ultimi 30 anni, indicano gli studi. Questo gruppo di invertebrati è uno dei più aggressivi, poiché la sopravvivenza delle larve dipende dalla caccia e dall’assunzione di proteine.

12. Un’ottima fonte di biomassa, ultima delle 12 curiosità sulle formiche

Le formiche prosperano nella maggior parte degli ecosistemi e le colonie hanno un numero astronomico di operaie. Pertanto, non sorprende apprendere che rappresentano fino al 25% della biomassa animale presente in tutta la Terra. Se tutte le specie della famiglia Formicidae dovessero estinguersi, si verificherebbe un collasso dell’ecosistema globale.

Conoscete le curiosità delle formiche?
Le formiche del genere Myrmecia hanno una puntura che può essere molto pericolosa.

Come avrete visto, questi invertebrati sono essenziali in tutti gli ecosistemi in cui proliferano. Le curiosità delle formiche sono praticamente infinite, poiché la loro radiazione evolutiva ha dato origine ad alcuni degli adattamenti più incredibili nel mondo degli insetti.

Potrebbe interessarti ...
Formiche: come comunicano tra loro?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Formiche: come comunicano tra loro?

Le formiche, in quanto specie eusociale, hanno una complessa rete di comunicazione in cui intervengono diversi fattori concomitanti.



  • Robinson, S. D., Mueller, A., Clayton, D., Starobova, H., Hamilton, B. R., Payne, R. J., … & Undheim, E. A. (2018). A comprehensive portrait of the venom of the giant red bull ant, Myrmecia gulosa, reveals a hyperdiverse hymenopteran toxin gene family. Science advances, 4(9), eaau4640.
  • Win, A. T., Machida, Y., Miyamoto, Y., Dobata, S., & Tsuji, K. (2018). Seasonal and temporal variations in colony-level foraging activity of a queenless ant, Diacamma sp., in Japan. Journal of ethology, 36(3), 277-282.
  • Uematsu, J., Hayashi, M., Shimoji, H., Salazar, M. O. L., & Tsuji, K. (2019). Context-dependent aggression toward non-nestmates in the ant Diacamma sp. from Japan. Journal of Ethology, 37(3), 259-264.
  • Andersen, A. N. (2019). Responses of ant communities to disturbance: Five principles for understanding the disturbance dynamics of a globally dominant faunal group. Journal of Animal Ecology, 88(3), 350-362.
  • Ohyama, L., King, J. R., & Jenkins, D. G. (2020). Are tiny subterranean ants top predators affecting aboveground ant communities?. Ecology, 101(8), e03084.