5 razze di segugi da conoscere

· 13 agosto 2018

All’interno della categoria dei cani da caccia possiamo trovare le razze di segugi, il cui olfatto è più sviluppato di quello degli altri. Chiamati anche “cani da seguita”, questi straordinari animali possono essere di diverse dimensioni e oggi sono spesso usati come cani da soccorso.

Se avete voglia di conoscere tutto ciò che c’è da sapere sulle principali razze di segugi, non perdetevi questo articolo.

Razze di segugi dall’olfatto infallibile

Come suggerisce il nome, i segugi o cani da seguita hanno come ‘attività’ principale, quella di annusare. Anche se questo accade con ogni razza, dal momento che i cani usano il naso per trovare il cibo, identificare persone e altri animali o scovare eventuali pericoli, gli esemplari appartenenti a queste razze hanno caratteristiche proprie davvero uniche. Per esempio, addirittura un muso molto allungato:

1. Beagle

Quando pensiamo a un segugio, è normale immaginare un Beagle. Questa razza medio-piccola viene utilizzata per cacciare lepri e conigli grazie alla sua grande capacità olfattiva e di inseguire le prede con un’efficacia straordinaria.

Anche se il Beagle – visibile nella foto che apre questo articolo – esiste da migliaia di anni, è stato allevato e sviluppato in Inghilterra come cane da compagnia nei campi sin dal XVI secolo. È legato all’epoca elisabettiana, dal momento che la famosa regina era una vera fan della razza.

2. Basset hound

È un’altra delle razze canine più famose. Noto anche con il nome di bassotto gigante, possiede zampe corte, orecchie lunghe, corpo allungato e un olfatto altamente sviluppato. Fu creato in Francia alla fine del XIX secolo dall’incrocio tra un Cane di sant’Uberto (di cui vi parleremo dopo) e un cane inglese. Rapidamente divenne una delle razze favorite tra i nobili europei.

Basset hound seduto a cuccia

Il basset hound è molto calmo e amichevole, ma anche un po’ testardo. È una razza leale, affettuosa e giocosa, soprattutto quando ci sono bambini. Ama passare ore a dormire e mangiare e può essere un po’ pigro quando si tratta di fare esercizio. Di solito, tende al sovrappeso se non viene fatto camminare abbastanza.

3. Cane di sant’Uberto

Il suo nome in inglese è bloodhound ed è uno dei più grandi cani da seguita e con l’olfatto più sviluppato. Ci sono casi noti in cui è stato in grado di seguire tracce per addirittura 15 giorni. È uno di quelli scelti per ritrovare le persone da diverse forze di polizia a livello internazionale.

Cane di sant'uberto odora il suolo innevato

Il Cane di sant’Uberto – chiamato così per essere stato creato in un monastero belga – è il risultato dell’incrocio di diverse razze da caccia e divenne popolare quando fu portato in Inghilterra dal re Guglielmo. Tra le principali caratteristiche dell’animale possiamo evidenziare la sua testa larga e piena di rughe, orecchie allungate, pelo corto (castano o nero), con corpo e zampe robuste.

4. English Foxhound

Molto simile al beagle, è un po’ più alto. Il foxhound inglese discende dal Cane di sant’Uberto appena descritto e la sua funzione principale è quella di accompagnare i cacciatori montati a cavallo. È caratterizzato dalla sua resistenza: può percorrere chilometri e chilometri senza mai stancarsi.

English Foxhound nel prato

Non è usuale per un cane di questa razza essere adottato come animale domestico. L’English Foxhound preferisce vivere in compagnia con molti simili e ama la vita all’aria aperta. Tra le sue caratteristiche fisiche possiamo evidenziare il suo manto corto e in tre colori (bianco, nero e marrone). Possiede orecchie cadenti come tutti i segugi e può arrivare a pesare, al massimo, circa 40 chili.

5. Basset Blu di Guascogna

L’ultimo degli esemplari delle razze di segugi che vi presentiamo in questo articolo è di origine francese e si vede molto raramente al di fuori di questo paese. È uno dei sei tipi di basset hound riconosciuto a livello internazionale.

Basset bleu de Gascogne di profilo sull'erba

Il Basset Blu di Guascogna ha zampe corte, un corpo allungato, coda lunga e orecchie di grandezza media che cadono ad entrambi i lati. È stato chiamato ‘blu’ perché il suo mantello ha un aspetto molto marcato. Una razza molto simile è il Petit Bleu de Gascogne, che è più alto del basset e le sue zampe sono più allungate.