Abitudini alimentari e habitat delle mandrie di cervi

25 Ottobre 2019
Le mandrie di cervi di diverse specie percorrono chilometri e chilometri alla ricerca di cibo. Ecco quali sono le loro abitudini.

Ci sono animali che sono abituati a vivere e cacciare da soli e si uniscono agli altri della loro specie solo durante l’accoppiamento, altri vivono in coppia mentre altri ancora vivono in grandi gruppi che migrano da un luogo all’altro. Le mandrie di cervi appartengono a quest’ultimo gruppo. In questo articolo, parleremo di abitudini alimentari e habitat delle mandrie di cervi.

I cervi appartengono alla famiglia dei Cervidae. All’interno di questa famiglia ci sono molte specie diverse: l’alce pesa 450 chilogrammi ed è la più grande di tutte, mentre il cervo nano raggiunge a malapena i 10 chili ed è il più piccolo. Scopriamo insieme abitudini alimentari e habitat delle mandrie di cervi.

Mandria di cervi in un bosco

In generale, i cervi sono grandi mammiferi ruminanti, con un corpo simile a quello dei cavalli, le zampe molto sottili, gli zoccoli forti, il collo lungo e le caratteristiche corna. Possiamo osservare diversi tipi di adattamenti, a seconda della specie e del clima in cui vivono.

Habitat delle grandi mandrie di cervi

I cervi vivono in diverse aree del mondo. Sono distribuiti da Europa, Asia, America, Nord Africa e alcune aree dell’Artico. Secoli fa, vennero introdotti dall’uomo in Nuova Zelanda e Australia, per cui oggi sono presenti anche in queste zone.

Grazie ad una distribuzione piuttosto ampia, possiamo trovare le mandrie di cervi in ​​ecosistemi molto diversi fra loro, quali le grandi pianure, le praterie, la tundra, le foreste pluviali e le foreste di montagna.

L’area in cui vivono le mandrie di cervi di solito è molto ampia: può raggiungere oltre i 40 chilometri. Gli esemplari vivono dispersi in gruppi o mandrie o da soli.

I cervi come il caribù effettuano grandi migrazioni in cerca di cibo durante tutto l’anno e percorrono migliaia di chilometri tra la tundra e le aree più calde.

Abitudini alimentari e habitat delle mandrie di cervi

È comune che i maschi solitari vivano separati gli uni dagli altri. Infatti, si tratta di animali territoriali e ogni individuo difende una parte del territorio. Invece, le femmine sono solite stare in gruppo o con i loro piccoli.

I maschi delimitano il territorio attraverso l’uso di feromoni, con forti passi o sfregando le corna sugli alberi per impregnarli di odore. Le ghiandole che rilasciano i feromoni si trovano nelle zampe e nella testa.

Durante la stagione riproduttiva, i maschi combattono per un gruppo di femmine, ma questo comportamento può cambiare a seconda della specie di cervo.

Lotta fra cervi

La lotta fra cervi è un rito che serve anche ad evitare i costi che una vera aggressione avrebbe a causa delle corna. I movimenti sono ritualizzati e si distinguono a seconda dell’esemplare: mirano a mostrare gli attributi dell’individuo per intimidire il suo avversario. Questi comportamenti sono noti come comportamenti agonistici.

Di cosa si nutrono i cervi?

I cervi sono animali erbivori: il loro cibo è sostanzialmente costituito da piante legnose ed erbacee. Le specie erbacee sono generalmente più abbondanti nella dieta primaverile, mentre l’importanza delle piante legnose aumenta man mano che avanzano l’autunno e l’inverno.

I cervi che vivono in Europa si nutrono soprattutto di pini, e in generale di tutte le conifere. Sono molto presenti nella loro dieta anche i germogli di arbusti e le erbe leguminose.

La percentuale di piante erbacee e legnose nella loro dieta può cambiare a seconda della regione, dalle più fredde a quelle più temperate. Le mandrie di cervi mangiano anche licheni, foglie e steli e scavano il terreno con gli zoccoli alla ricerca di radici e tuberi.

Abitudini alimentari delle mandrie di cervi

A seconda del tempo, i cervi si nutrono di frutti di bosco, ghiande e funghi. Talvolta, sono stati visti invadere i raccolti vicini. Tuttavia, questo accade perché l’agricoltura ha invaso il loro habitat naturale.

Come abbiamo detto all’inizio, i cervi sono animali ruminanti. Ciò significa che rigurgitano il cibo che mangiano per la prima volta e lo digeriscono di nuovo. Con la ruminazione riescono a digerire il cibo e ad assorbire tutti i nutrienti che, altrimenti, non potrebbero ottenere.

I cervi, come il resto dei ruminanti, hanno il sistema digestivo diviso in quattro parti (rumine, reticolo, libro e frutta). Nel rumino ci sono microrganismi in grado di digerire la cellulosa dalle piante e generare sostanze che il corpo può riutilizzare come fonte di energia.

  • Venadopedia
  • I. Garin, A. Aldezabal, R. García–González & J. R. Aihartza. Composición y calidad de la dieta
    del ciervo (Cervus elaphus L.) en el norte de la península ibérica. Animal Biodiversity and Conservation 24.1 (2001).