Ajax, il cane che salva gli uccelli in via di estinzione

· 17 giugno 2018

In un mondo sempre più computerizzato e globale, le abilità dei cani non smettono di stupire. E ogni notizia relativa a questi fantastici animali, diventa virale. Oggi vi parliamo di Ajax, il cane che è diventato famoso per dedicarsi alla salvaguardia del pappagallo Chea, in via d’estinzione.

Si tratta di uno splendido border collie, ancora oggi usato in molti paesi come cane da pastore e razza intelligentissima, impiegata in attività come l’agility dog. Ma, in questo caso, Ajax ha un’altra capacità, che è quella di scovare i nidi degli uccelli Chea.

Il salvataggio dei pappagalli Chea

I pappagalli sono animali appariscenti e dotati di un alto quoziente intellettivo. Ma tra loro pochi sono speciali come il chea (Nestor notabilis). Questo volatile non possiede colori sorprendenti, è verde e marrone. Inoltre, vive nelle zone alpine della Nuova Zelanda, lontano dagli ambienti tropicali in cui vivono gli altri psittacidi.

Purtroppo, stiamo parlando di un animale in pericolo di estinzione, principalmente a causa della predazione da parte di opossum e altri marsupiali onnivori, che si cibano con le sue uova. Ma la peggior minaccia per Il pappagallo chea arriva, nemmeno a dirlo, proprio dal suo conflitto con l’uomo.

Chea, un uccello in via d’estinzione

Si è scoperto, infatti, che questo volatile è in grado di attaccare il bestiame. In particolare, spaventa l’abitudine “vampiresca” del chea di succhiare il sangue delle sue prede. Nel caso dei greggi, questo comportamento reiterato può indebolire moltissimo le pecore, causando seri problemi agli allevatori.

Pappagallo chea su una roccia

Per questo motivo la loro caccia è stata legalizzata ma, oltre alle normali attività venatorie, si è fatto un uso massiccio di veleni e trappole. Come altri uccelli, il piombo è un elemento estremamente tossico molto pericoloso per questi pappagalli.

Numeri alla mano, gli incidenti che interessano il bestiame sono davvero pochi. La maggior parte degli animali che vengono trovati morti negli allevamenti hanno poco a che fare con l’azione del chea. Questo pappagallo, infatti, è prevalentemente erbivoro.

Il lavoro di Ajax, il cane che salva animali come il chea

Per fortuna, però, la battaglia non è ancora persa. L’ONG Kea Conservation Trust sta lavorando per aiutare la specie e Ajax svolge un ruolo vitale in questo piano di salvataggio. Ogni giorno, grazie alla sua attività incessante, è in grado di dare un contributo fondamentale alla causa dei pappagalli chea.

Sotto la guida del suo conduttore, Ajax trova i nidi dei chea, un’attività per cui è stato addestrato appositamente. In questo modo, ricercatori e volontari possono monitorare la popolazione di questo volatile e controllare all’istante eventuali variazioni sulla sua densità.

Un cane contro l’estinzione

E’ molto importante il lavoro di Ajax. Una volta trovato un nido di chea, i volontari possono ispezionare i paesaggi naturali limitrofi alla ricerca di altri uccelli, pianificando e sviluppando programmi di censimento e di conservazione, in linea con la salvaguardia di questo uccello in pericolo di estinzione.

Ajax cane che salva uccelli seduto sul prato

Ma non è l’unica delle molte virtù di Ajax, il cane che salva gli animali dall’estinzione, come il chea. Per portare a termine questo compito, questo border collie deve raggiungere alcuni dei luoghi più remoti della Nuova Zelanda.

Alcune di queste aree sono raggiungibili solo in elicottero o in barca. Quindi, Ajax non solo deve essere bravo a scovare i nidi del pappagallo in pericolo di estinzione. Deve anche sopportare lunghi spostamenti, spesso a bordo di strani veicoli che spaventerebbero molti altri cani.

Anche se il border collie è un cane particolarmente intelligente, prezioso per il bestiame, mai prima era stato usato per questo tipo di lavoro. Furono impiegate altre razze per provare a realizzare lo stesso lavoro, ma solamente Ajax si è dimostrato all’altezza.

Storie come quella di Ajax dimostrano che ci sono molte persone che lavorano e si sacrificano per cercare di proteggere la natura. Un esempio di come bisognerebbe reagire dinanzi al baratro dell’estinzione animale.