Aquila nera: habitat e caratteristiche

Sapevate che l'aquila nera manifesta un cainismo in cui il fratello maggiore uccide il minore per garantire la sopravvivenza di almeno uno dei due? Questo e molto altro in questo articolo.
Aquila nera: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 27 luglio, 2021

L’aquila nera è una specie nota per il suo piumaggio nero a macchie bianche, che ha un bell’aspetto quando vola. Fa parte del gruppo dei falconiformi, quindi non solo spicca per il suo volo, ma è anche un ottimo cacciatore. Inoltre, è un uccello esperto, perché di solito si nutre di un solo tipo di animale.

In questo articolo parleremo dell’Aquila verreauxii, un maestoso rapace che a sua volta fa parte delle aquile vere e proprie. Continuate a leggere l’articolo per scoprire tutto ciò che questo esemplare ha da raccontare.

Aquila nera: habitat

Questo rapace è un animale diurno che abita in zone rocciose, come scogliere e montagne. Per questo motivo vive in luoghi con precipitazioni inferiori a 750 millimetri l’anno, dove la poca vegetazione gli permette di cacciare facilmente le sue prede.

La distribuzione di questa specie è piuttosto ampia, dalla penisola arabica all’Africa sud-orientale. La maggior parte della sua popolazione è concentrata nelle montagne dell’Etiopia, negli altopiani del Ciad, dello Zimbabwe e del Sudafrica.

Caratteristiche fisiche

L’aquila nera per la sua forma è stata soprannominata la più bella del genere Aquila, con lunghezze fino a 96 centimetri. Il suo peso, invece, può superare i 4 chili e misurare 2,8 metri da un’ala all’altra.

Questi uccelli sono considerati parte del gruppo delle vere aquile, insieme a specie come l’aquila reale, per via dei suoi tarsi piumati. Inoltre, presentano dei caratteristici becchi e artigli, che sono piuttosto affilati e servono a strappare il cibo. Entrambe le strutture seguono lo stesso schema di colori, con toni gialli nella maggior parte delle zone e neri alle estremità.

Negli adulti, i colori del piumaggio sono interamente neri, ad eccezione di alcune aree bianche sulla coda e sul dorso. Da parte loro, i giovani presentano una miscela di piume marroni e bianche in diversi gradi e modelli, che consente loro di differenziarsi. Infatti, grazie a questo, è noto che il colore nero dell’adulto è in realtà una miscela di toni marroni molto scuri.

Un'aquila nera a caccia.

Alimentazione

Questa specie può essere molto selettiva nella sua dieta, poiché si nutre di mammiferi iracoidi, ma principalmente di procavie delle rocce (Procavia capensis). Probabilmente perché è la preda più abbondante della zona, dal momento che una ricerca condotta dall’Università di Cape Town ha scoperto che l’aquila nera può cambiare la sua dieta senza ripercussioni.

In fin dei conti, questo rapace è un cacciatore opportunista, quindi selezionerà la preda che è disponibile e gli darà più energia. Sebbene il suo cibo preferito sia composto da procavie delle rocce, può anche cacciare alcuni dei seguenti esseri viventi:

  • Piccoli mammiferi come lepri, primati o genette.
  • Uccelli: la gallina faraona, i piccioni o i grifoni del Capo.
  • Rettili (in alcuni casi): lucertole varanidae, vipere soffianti o cobra del Sudafrica.

Metodi di caccia

Il modo in cui agisce un animale opportunista è quello di essere sempre vigile, in modo che possa attaccare quando e se necessario. Per fare ciò, le aquile nere compiono improvvise discese verticali, con le quali tendono un’imboscata alle loro vittime, uccidendole sul posto. Sebbene la maggior parte di queste prede siano abbastanza piccole da poter essere trasportate, a volte iniziano a scomporle per portare pezzi ai loro nidi.

Riproduzione dell’aquila nera

Questa è una specie monogama e sedentaria, quindi trascorre la maggior parte della sua vita in un unico luogo, a meno che non ci siano le circostanze necessarie per lasciare il nido. Inoltre, i suoi territori sono un po’ piccoli, quindi possono essere avvistate diverse coppie nelle vicinanze.

Corteggiamento

Per ottenere un compagno, questi uccelli eseguono un rituale di corteggiamento, in cui eseguono schemi di volo complessi. Per questo sono i maschi che cercano di attirare l’attenzione della femmina, usando dei vocalizzi e sfoggiando il piumaggio.

Una volta che la coppia si è stabilita, i due selezionano il territorio e iniziano a costruire il nido, utilizzando le aree più alte che riescono a trovare. Per questo motivo il nido si trova solitamente vicino a falesie o scogliere, poiché sono luoghi inaccessibili ai predatori. Inoltre, non esiste una stagione specifica per la deposizione delle uova da parte della madre, poiché cambia a seconda dell’area in cui vive questo rapace.

Deposizione e incubazione

In l’aquila nera depone da una a due uova, che si schiudono circa 45 giorni dopo. Per questo motivo entrambi i genitori prendono parte all’incubazione, essendo la femmina quella che trascorre più tempo con loro. A questo punto il maschio provvede anche al cibo per la femmina, fino al momento della schiusa.

Questa specie assume un comportamento cainistico, in cui il fratello maggiore uccide il minore, beccandolo più e più volte. Anche se sembra drammatico, questo accade a causa della mancanza di cibo: uccidendo, si assicura la sopravvivenza di almeno uno di loro. Infatti, proprio per questo, raramente si ha più di un uovo nel nido.

Cure parentali

I genitori daranno da mangiare al pulcino finché non sarà in grado di cavarsela da solo, riducendo la quantità di cibo che gli danno in ogni fase. Tra 90 e 99 giorni dopo la nascita, i piccoli ottengono tutto il loro piumaggio e iniziano a lasciare il nido. Da questo momento impareranno tutte le tecniche di volo e di caccia in modo che in 6 mesi possano prendersi cura di se stessi.

Stato di conservazione

Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, questa aquila è classificata come una specie di minore preoccupazione. Tuttavia, i governi locali come l’Africa la considerano una specie vulnerabile, perché la sua popolazione è stata ridotta in alcune aree di distribuzione.

Minacce dell’aquila nera

L’aquila nera è considerata una specie resistente, perché le sue aree di nidificazione non sono molto influenzate dall’uomo. Questo perché sono zone di difficile accesso, quindi non sono state “toccate” fino ad ora. D’altra parte, ciò può influenzare le loro prede, costringendole a trasferirsi in altri luoghi, causando conflitti per la loro popolazione.

Come di consueto quando si parla di conservazione, la principale minaccia sono i cambiamenti causati dall’uomo, che possono debellare la sua preda, e di conseguenza l’intera specie. Sebbene questo sia già stato preso in considerazione in diverse indagini, è difficile prevedere il futuro di questo uccello.

È difficile credere che un uccello maestoso sia a rischio nonostante sia così resistente. Tuttavia, questa è la capacità dell’uomo: distruggere e sradicare gli animali, a prescindere dalla resistenza che essi offrano. Può sembrare fatale, ma è la realtà. Anche se sembra comune, la distruzione degli habitat è un evento catastrofico per la natura. Purtroppo questo è qualcosa che non si può percepire.

È vero che gli esseri umani hanno bisogno di risorse per sopravvivere, ma ciò a cui dobbiamo aspirare è un equilibrio che permetta la convivenza. In questo modo sarà protetto il futuro di questa aquila e di tutte le specie, umana inclusa.

Potrebbe interessarti ...
L’aquila arpia: un vero colosso tra i rapaci
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
L’aquila arpia: un vero colosso tra i rapaci

L'aquila arpia è il più grande e forte rapace esistente. Leggete questo articolo per scoprire tutto su questo uccello straordinario.



  • BirdLife International. 2016. Aquila verreauxiiThe IUCN Red List of Threatened Species 2016: e.T22696067A95221980. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.20163.RLTS.T22696067A95221980.en
  • Padayachee, K., Malan, G., LÜBCKER, N., Woodborne, S., & Hall, G. (2021). Differences in the dietary habits of Verreaux’s Eagles Aquila verreauxii between peri-urban and rural populations. Bird Conservation International31(1), 96-110.
  • SIMMONS, R. (1988). Offspring quality and the evolution of cainism. Ibis130(3), 339-357.
  • Armstrong, A., & Avery, G. (2014). Taphonomy of Verreaux’s Eagle (Aquila verreauxii) prey accumulations from the Cape Floral Region, South Africa: implications for archaeological interpretations. Journal of archaeological science52, 163-183.
  • Ralston-Paton, S. (2017). Verreauxs’ Eagle and Wind Farms: Guidelines for impact assessment, monitoring, and mitigation. BirdLife South Africa occasional report series, BirdLife South Africa, Hoboken, NJ, USA.
  • Thompson, L. J., Clemence, L., Clemence, B., & Goosen, D. (2018). Nestling White-backed Vulture (Gyps africanus) eaten by a Verreaux’s Eagle (Aquila verreauxii) at a nest occupied for a record 21 years. Vulture News74, 24-30.
  • Murgatroyd, S. M. (2016). Ecology of the Verreaux’s eagle Aquila verreauxii in natural and agriculturally transformed habitats in South Africa.
  • Padayachee, K., Malan, G., LÜBCKER, N., Woodborne, S., & Hall, G. (2021). Differences in the dietary habits of Verreaux’s Eagles Aquila verreauxii between peri-urban and rural populations. Bird Conservation International31(1), 96-110.
  • Davies, R. A. (2007). Black eagle Aquila verreauxii predation on rock hyrax Procavia capensis and other prey in the Karoo (Doctoral dissertation, University of Pretoria).
  • Murgatroyd, M., Avery, G., Underhill, L. G., & Amar, A. (2016). Adaptability of a specialist predator: the effects of land use on diet diversification and breeding performance of Verreaux’s eagles. Journal of Avian Biology47(6), 834-845.
  • Baker, S. E. (2013). Accumulation behaviours and taphonomic signatures for extant Verreaux’s Eagle nests, Aquila verreauxii, in southern Africa (Doctoral dissertation).