I cani acquistati in negozio sono problematici

18 Novembre 2015

La maggior parte della gente, quando decide di prendere un cane, pensa che sia meglio acquistarne uno in un negozio di animali, potendoselo permettere a livello economico, piuttosto che accontentarsi di un cane randagio, anche se regalato. L’idea, infatti, che un cane randagio sia più difficile da educare è un pregiudizio molto diffuso e purtroppo non l’unico. Se anche voi la pensate in questo modo, siamo spiacenti ma non è così.

I cani acquistati in negozio sono più problematici

Non è un’affermazione che va presa alla leggera: uno studio condotto da un gruppo di veterinari della Università della Pennsylvania proprio a questo riguardo avvalla questa tesi. Il gruppo di veterinari ha messo a confronto lo stato emotivo e di salute fisica di cani comprati in negozio con quello di animali allevati in un ambiente familiare e domestico ed è giunto alla conclusione che i cani acquistati in negozio davano più problemi. Vediamone le cause.

L’origine

cuccioli-che-mangiano

Purtroppo la maggior parte degli animali che possono essere acquistati nei negozi e che vengono messi in mostra come trofei nelle loro vetrine provengono dalle cosiddette “fabbriche di cuccioli”, nelle quali gli animali vengono usati solo a scopi economici, senza che vengano tenute in conto le loro necessità, né che gli vengano prestate le cure necessarie.

In queste “fabbriche” le cagnette vengono fatte accoppiare ogni volta che vanno in calore e, quando hanno partorito, vengono separate dai loro cuccioli prima delle otto o dieci settimane raccomandate: questi sono immediatamente portati, in condizioni piuttosto precarie, ai quattro angoli del paese per essere venduti ai negozi di animali. Le condizioni in cui viaggiano questi animali sono così pessime che più della metà di loro non riesce a sopravvivere.

Potete immaginare, allora, lo shock che questi poveri cuccioli hanno dovuto vivere, ancora in tenera età? Da una parte è triste venire a conoscenza di questa cruda realtà, ma dall’altra è invece motivo di allegria sapere che con il passare del tempo sempre più paesi si impegnano a proibire la vendita di “cani da vetrina”.

Come vengono trattati

In questi allevamenti intensivi i cani che in futuro verranno acquistati in negozio ricevono un trattamento ostile e sono costretti a vivere in condizioni insalubri: nessuno gioca con loro o gli parla, non possono correre in libertà né vengono premiati se si comportano bene. Vivono in spazi chiusi e estremamente piccoli.

Tutto ciò li rende incapaci di socializzare normalmente con gli altri animali o con le persone. È stato inoltre provato che gli animali che sono stati allevati in questo modo sono molto più propensi a contrarre in futuro malattie respiratorie, polmoniti e a presentare problemi di salute ereditari in generale.

Altri problemi

cuccioli-cane

Lo studio di cui abbiamo parlato prima è stato condotto su 417 cani acquistati in negozi di animali e 5657 adottati da allevatori privati. Questi sono i risultati:

  • I cani acquistati in negozi di animali dimostravano un tasso di aggressività molto più elevato dei cani allevati da privati. Questa aggressività si mostrava verso altri cani, verso estranei e addirittura verso i membri della propria famiglia.
  • I cani acquistati in negozi di animali si mostravano impauriti davanti a situazioni sconosciute, con persone estranee e conosciute e anche di fronte ad altri cani.
  • I cani acquistati in negozi di animali dimostravano un livello molto alto di ansia, dovuta alla precoce separazione dalla propria madre.
  • Essere stati allevati in spazi ridotti, in mezzo alla sporcizia, ha reso questi cani incapaci di mantenere un buon livello di igiene personale una volta arrivati nelle loro nuove case.
  • I cani acquistati in negozi di animali dimostravano inoltre certe condotte inadeguate, come ad esempio la tendenza a scappare di casa.

Per strano che possa sembrare, questo studio dimostra che il modo in cui viene allevato un cucciolo influisce sulla sua personalità e sul suo stato di salute, sia fisica che emozionale, proprio come succede alle persone. E pensare che comprare un cane in un negozio di animali sembrava una garanzia! Alla luce di tutto questo, sarà opportuno riflettere su come decidiamo di spendere i nostri soldi, dal momento che acquistando un cane in un negozio stiamo alimentando questo modo crudele e disumano di allevare animali.

Non siate complici di una cosa del genere! Se volete veramente bene ai cani, sarà molto meglio che ne adottiate uno che è stato allevato nel modo corretto, recandovi presso un allevamento professionale, un canile o semplicemente qualche privato: non solo darete una mano ad una buona causa, ma lo farete nel rispetto della legge e soprattutto vi porterete a casa un cane sano e felice che saprà darvi tanto affetto e allegria e non problemi, come invece accade per quei poveri animali da vetrina.