Cani e televisione: cos’è che vedono davvero?

4 giugno 2017

Vi siete mai chiesti cos’è che vede il vostro cane quando sta seduto davanti alla TV? Chi convive con un amico a quattro zampe sa bene di cosa stiamo parlando. Spesso il cane si siede dinanzi allo schermo, quasi come un umano, come se stesse seguendo attivamente personaggi e trama. Ma davvero esiste una vera interazione consapevole tra cani e televisione?

In effetti, sembra che ai cani la TV piaccia e anche parecchio. Non a caso, negli ultimi anni, sono nati veri e propri programmi dedicati a loro. Le emissioni variano da telefilm con animali a cartoni animati creati appositamente, con colori e suoni rilassanti per il vostro animale domestico.

I cani sono capaci di guardare la TV?

Cani e televisione: cos'è che vedono?

La risposta corretta è: sì! I cani, infatti, sono in grado di processare e comprendere le immagini trasmesse dalla televisione. Nonostante sia diffusa l’idea che vedano in bianco e nero, anche loro osservano il mondo a colori, anche se in modo diverso rispetto alla percezione che abbiamo noi umani.

La gamma dei colori percettibili è più ridotta nei cani. Mentre noi abbiamo tre colori primari (rosso, verde e blu), i cani ne posseggono solo due: il blu e il giallo.

Sono però in grado di riconoscere le immagini sullo schermo, così come quelle della normale realtà. Possono persino distinguere altri animali, persino quelli che non hanno mai visto nella vita reale. Riconoscono inoltre suoni, come l’abbaiare, a cui spesso rispondono.

Diversi studi hanno dimostrato che i cani riescono ad identificare visivamente altri cani, tra differenti immagini in cui compaiono sia esseri umani che animali.

Cani e televisione, una questione di razza

Gli occhi dei cani catturano le immagini con maggiore rapidità rispetto a quelli umani. Per questo motivo, rispetto ai moderni televisori, quelli vecchi che trasmettevano un numero più basso di fotogrammi, risultavano essere meno interessanti.

Le immagini dei vecchi televisori venivano recepite dai cani come una lenta sequenza di foto.

Bisogna anche tener conto della razza e della particolare personalità del vostro cane. Per fare un esempio, i cani del tipo Terrier mostrano una capacità di reazione assai superiore, dinanzi alla TV, rispetto ai colleghi Bloodhound. La curiosità di questi ultimi, infatti, viene più motivata dall’olfatto che dalla vista.

La maggior parte dei programmi realizzati per le persone non appaiono mai troppo interessanti agli occhi del vostro amico a quattro zampe. Non è un problema di qualità di contenuti. Semplicemente, non sono pensati per attirare l’attenzione di un cane.

Oltre al fatto, già citato, di una maggiore velocità visiva, occorre considerare che ritmi, suoni e tematiche dei programmi spesso non vengono considerati importanti dall’animale.

La TV per i cani

Esiste una canale digitale pensato appositamente per cani. Si chiama DogTV e trasmette 24 ore al giorno contenuti creati appositamente per i cani, senza pubblicità. In effetti, non ha molto senso inserire annunci per un animale senza portafogli…

Si tratta di un sistema pensato per tenere compagnia ai cani di chi, per lavoro o altri motivi, passa molto tempo fuori casa.

Ci sono molti studi che dimostrano non solo che i cani possono interagire con la televisione, ma che hanno persino preferenze in fatto di programmi. Ciò che non si sa ancora è se si divertano o meno, osservando lo schermo.

L’interazione dei cani con la tecnologia è molto diverso da quella degli esseri umani. Mentre le persone possono trascorrere ore davanti alla TV, il miglior amico dell’uomo mantiene l’attenzione solo per pochi minuti. Anzi, la sua totale concentrazione sullo schermo non supera i tre secondi.

Un altro fattore che influenza i cani, nel guardare la TV, è l’altezza a cui si trova. I normali televisori sono sempre posizionati in modo che siano all’altezza dei nostri occhi, com’è ovvio. Immaginate che scomodo, per un cane di piccola taglia, dover tenere la testa dritta per seguire le avventure di Rex.

La TV ideale

Cani e televisione: cos'è che vedono?

Esistono comunque dei requisiti indispensabili per garantire una corretta fruizione della TV da parte dei cani. In particolare, conviene usare apparecchi con 75Hz o oltre, collocati all’altezza degli occhi dell’animale e sintonizzati su programmi che mostrano altri animali. Gatti, uccelli, pecore…

Come vede il vostro cane

Rispetto agli esseri umani, i cani vedono molto meglio nell’oscurità. La pupilla canina si può dilatare molto di più, e permette di assorbire una maggior quantità di luce. Fisicamente, è anche presente una patina di cellule supplementari che amplifica la visione notturna. Questo strato è situato nella parte posteriore della retina, che provoca quel tipico scintillio se illuminate gli occhi del vostro animale.

Anche il campo visivo dei cani è diverso. Oggetti di dimensioni inferiori ai 30 centimetri vengono percepiti in modo confuso, sfocato. Da qui la necessità di dover sempre annusare tutto.

Guarda anche