Caratteristiche dello spitz giapponese

22 dicembre, 2020
Le origini dello spitz giapponese risalgono a un secolo fa; al giorno d'oggi, questo cane caratterizzato dal mantello bianco, le orecchie a punta e la coda arrotolata rappresenta una delle razze più popolari al mondo.

Noto per la sua pelliccia “spugnosa” di colore bianco, le orecchie a punta e la coda arrotolata, lo spitz giapponese rappresenta una delle razze più popolari degli ultimi tempi. Per sapere tutto su questo animale, leggete questo articolo.

Storia dello spitz giapponese

Si potrebbe dire che si tratta di una razza moderna, dal momento che le sue origini (per quanto non siano del tutto chiare) risalgono agli anni Venti del secolo scorso. Tuttavia, alcune teorie affermano che l’antico spitz giapponese abbia raggiunto il Paese del Sol Levante nel 400 a.C., grazie al commercio marittimo.

È probabile che sia un discendente del Samoyedo, una razza di origine russa, e che il suo antenato sia lo spitz tedesco gigante.

Si tratta di un cane che potremmo definire “locale”, dal momento che è trascorsa una certa quantità di tempo, prima che lasciasse il Giappone per raggiungere altre latitudini.

Al giorno d’oggi la sua purezza è dovuta, in parte, a questa ragione, cosa che gli ha consentito di venire accettato nella maggior parte delle associazioni cinofile. L’American Kennel Club rappresenta un’eccezione, dal momento che quest’ultimo lo ritiene una sottospecie del volpino di Pomerania.

Caratteristiche fisiche

Di taglia media, lo spitz giapponese misura circa 35 centimetri di altezza e pesa approssimativamente 10 chili. Possiede una testa larga e rotonda, un muso sottile la punta del naso nera, occhi scuri e orecchie piccole e molto appuntite. A richiamare l’attenzione è la sua coda, che cresce assumendo una forma arrotolata verso l’alto. In altre parole, si appoggia sul dorso ed è coperta di pelo.

Spitz giapponese in un prato.

La sua caratteristica principale è dovuta al colore del suo mantello, che è completamente bianco. Il pelo di questa razza è denso, liscio e spugnoso. Inoltre, è utile segnalare un’ulteriore particolarità: presenta un doppio strato. Quello interno è più corto e, insieme a quello esterno, è in grado di consentire all’animale di sopportare le basse temperature e la presenza di neve.

In base al luogo in cui vive, lo spitz giapponese può effettuare diverse mute stagionali di pelo, principalmente in autunno e primavera. Inoltre, presenta altre mute associate all’età: la prima si verifica a cinque mesi, mentre la seconda dopo un anno di vita.

Le femmine possono perdere quantità maggiori di pelo, a causa dei cambiamenti ormonali dovuti ai periodi del calore, alla gestazione o all’allattamento.

Temperamento dello spitz giapponese

Si tratta di un cane molto intelligente, attivo e leale… È sempre pronto a soddisfare le necessità del proprio padrone. A sua volta, si adatta a qualunque ambiente familiare e a qualsiasi spazio. Per questo motivo è considerato un perfetto animale domestico.

Come se tutto ciò non bastasse, si comporta molto bene con i bambini e con altri animali domestici, compresi quelli che appartengono ad altre specie. In alcune occasioni, però, può adottare atteggiamenti dominanti e generare conflitti con altri cani.

Spitz giapponese mentre corre.

Questo cane adora correre ed è un ottimo atleta; viene spesso scelto come razza per la pratica di sport come l’agility dog.

Cure dello spitz giapponese

Le cure principali richieste dallo spitz giapponese sono associate al suo pelo, che manifesta una propensione a sviluppare nodi che trattengono la sporcizia, soprattutto se passeggia abitualmente nei parchi. Se non viene spazzolato diverse volte alla settimana, il suo pelo si ingarbuglia e non presenta più quella sua caratteristica “spugnosa”.

Per quanto riguarda l’attività fisica, lo spitz giapponese non ha bisogno di molto esercizio, ma lo deve praticare con una certa intensità. Per esempio, uscire per correre alcuni minuti tutti i giorni.

Si tratta di un cane piuttosto sano, che, grazie alla sua purezza di razza, non presenta malattie ereditarie di rilievo. Bisogna però fare attenzione, perché manifesta una erta propensione alla lussazione della rotula, nel caso in cui ecceda con l’esercizio.

Se desiderate adottare un cane dal portamento regale, che richiami l’attenzione per la sua bellezza, a cui piaccia praticare esercizio e che adori accompagnarvi dovunque andiate, lo spitz giapponese è perfetto per voi. Dovete solo assicurarvi di mantenere costantemente il suo pelo in buone condizioni!

  • Atencia-Fernandez, S., Shiel, R. E., Mooney, C. T., & Nolan, C. M. (2015). Muscular dystrophy in the Japanese Spitz: An inversion disrupts the DMD and RPGR genes. Animal Genetics. https://doi.org/10.1111/age.12266