Chirurgia del glaucoma nei cani

Esistono diverse tecniche per eseguire la chirurgia del glaucoma nei cani, ma l'obiettivo è sempre lo stesso: rilasciare la pressione che colpisce il nervo ottico dell'animale.
Chirurgia del glaucoma nei cani

Ultimo aggiornamento: 30 agosto, 2021

Il glaucoma nei cani è una delle malattie oftalmologiche più gravi della specie, ma può essere trattata in modo tempestivo. Senza dubbio, la chirurgia è una delle migliori opzioni. Esistono diverse tecniche, ma sarà l’esperto di oftalmologia veterinaria a decidere quale sia la migliore tecnica di chirurgia del glaucoma in base alle condizioni, ai sintomi e alle cause della malattia nel paziente.

Continuate a leggere, perché in questo articolo vi raccontiamo cos’è il glaucoma nei cani, quali sono i tipi di intervento chirurgico che si possono eseguire e le possibili complicanze durante il periodo postoperatorio. Curare questa patologia è essenziale, poiché la perdita della vista che genera è irreversibile.

Cos’è il glaucoma nei cani?

Il glaucoma nel cane è definito dalle riviste scientifiche come una malattia che colpisce il nervo ottico, a causa di un aumento della pressione intraoculare (IOP) dell’animale dovuto allo scarso drenaggio dell’umor acqueo. Viene classificata come una patologia neurodegenerativa, le cui manifestazioni cliniche sono graduali e ad esordio lento ma inesorabile nella sua variante cronica.

Nel corso di questo quadro clinico, le cellule gangliari della retina sono significativamente colpite, così come gli assoni, un componente primario del nervo ottico. Questa malattia porta anche alla riduzione dello strato protettivo delle fibre nervose e può causare la perdita assoluta della vista.

Questa degenerazione del nervo ottico e delle sue strutture componenti avviene lentamente e progressivamente nella sua variante cronica, interessando i cani per lungo tempo. Per poter assistere il peloso in maniera tempestiva, è importante controllare lo stato della vista ad ogni visita dal veterinario e avviare la relativa gestione prima della comparsa dei primi sintomi.

Il glaucoma acuto, al contrario, si presenta con sintomi molto evidenti.

Un esempio di chirurgia del glaucoma per cani,

Cos’è la chirurgia del glaucoma?

Secondo un articolo scientifico, la chirurgia del glaucoma nei cani è una procedura che dovrebbe essere presa in considerazione una volta nota la diagnosi. Con questo intervento l’obiettivo è ottenere maggiori probabilità di successo e ridurre il gap rispetto alle complicanze.

Esistono diverse tecniche chirurgiche per trattare il glaucoma nei cani. Secondo l’articolo citato, l’approccio che il veterinario usa con il proprio cane dipende dalla causa della sua malattia e dalla capacità visiva riferita dal paziente al momento della procedura. Tra le opzioni di chirurgia del glaucoma nei cani, spiccano le seguenti:

  • Chirurgia filtrante: ha l’obiettivo di eliminare significativamente l’umor acqueo all’interno dell’occhio, causa dell’aumento della pressione intraoculare (IOP).
  • Chirurgia del ciclo distruttivo: sebbene abbia lo stesso obiettivo della chirurgia filtrante, richiede l’uso di un laser per eseguire la procedura.
  • Criochirurgia: parte del corpo ciliare viene congelata e distrutta, riducendo la produzione di umor acqueo e, quindi, la pressione.
  • Gonioimpianto: consiste nel posizionare impianti che aiutano a drenare il liquido in eccesso dall’occhio.

Quando la diagnosi del cane è tardiva e si ha cecità totale, l’intervento chirurgico non cerca più di curare il glaucoma, ma di asportare l’occhio per evitare dolori e lesioni più complesse. Sebbene per il tutore sia l’ultima opzione, va ricordato che la qualità della vita del cane non diminuisce. Esistono infatti delle protesi oculari se si tratta della parte estetica.

Il glaucoma può comparire nell’occhio sano. Pertanto, è importante effettuare controlli periodici per affrontare tempestivamente eventuali segni della malattia.

Come funziona il gonioimpianto?

Gli articoli che spiegano l’uso del gonioimpianto indicano che si tratta di un dispositivo che aiuta a drenare l’umor acqueo che causa l’aumento della pressione intraoculare (IOP) e, quindi, il glaucoma. Una volta installato questo impianto nell’occhio affetto, viene ripristinato l’equilibrio intraoculare necessario per migliorare la visione del paziente.

Questo dispositivo è composto da due parti essenziali. Il primo è un tubo che entra nella camera intraoculare e il secondo raccoglie l’umor acqueo. Questo impianto si caratterizza per fornire buoni risultati, purché intervenga in modo tempestivo.

Per il periodo postoperatorio, l’esperto curante può consigliare di eseguire massaggi oculari per migliorare il funzionamento del gonioimpianto, nonché un trattamento farmacologico simultaneo.

Complicanze postoperatorie

La chirurgia del glaucoma nei cani che include l’uso di un gonioimpianto, come qualsiasi altra procedura chirurgica, presenta complicazioni. In questo caso, gli eventi avversi che possono verificarsi sono i seguenti: diminuzione della pressione intraoculare nell’immediato postoperatorio, infiammazione, infezione e autotrauma.

Sebbene rare, possono verificarsi gravi complicazioni che portano alla perdita dell’occhio del cane. Durante il periodo postoperatorio, è importante che il tutore presti molta attenzione, perché l’autolesionismo può causare dolore o infezione.

Come identificare le complicazioni?

Una delle complicazioni più comuni è l’infezione. Per identificare questa o qualsiasi altra anomalia, è opportuno essere consapevoli della comparsa di dolore, cambiamenti nel colore degli occhi o dell’occhio interessato, disagio generale, sanguinamento o apertura della ferita.

Controllo delle complicanze della chirurgia del glaucoma

A causa della probabilità di complicazioni, è possibile che il veterinario abbia spiegato come gestirle a casa. Qui facciamo una raccolta del possibile approccio domiciliare, tuttavia, di fronte all’inesperienza o alla serietà, è meglio consultare l’esperto curante.

  • Infezioni: di solito sono controllate con profilassi antibiotica.
  • Otturazione del tubo: se ciò si verifica, è possibile iniettare TPA nella camera anteriore del dispositivo o eseguire un lavaggio retrogrado per consentire il flusso del fluido.
  • Autotrauma: è meglio usare un collare elisabettiano, per evitare che il cane acceda alla ferita con le zampe.
  • Riduzione della pressione: in questo caso, e dopo aver valutato l’evacuazione dell’umor acqueo e lo stato di guarigione, il veterinario può consigliare l’uso di impianti non valvolati.
  • Infiammazione intraoculare: essendo molto comune, è normale che il veterinario formuli degli antinfiammatori, che devono essere somministrati a lungo per evitare altre complicazioni.
Un veterinario che opera su un cane.

La chirurgia del glaucoma nei cani si propone di alleviare l’animale dal dolore e dal disagio che questa malattia genera e riduce le possibilità di perdere l’occhio e la vista. Poiché in alcuni casi si tratta di una patologia ereditaria, prestate particolare attenzione e monitorate il vostro cane se è di razze come il Beagle, il Cocker Spaniel, il Bulldog francese, il Samoiedo o il Bichon maltese, tra gli altri.

Potrebbe interessarti ...
Il glaucoma nei cani: sintomi e trattamento
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il glaucoma nei cani: sintomi e trattamento

Il glaucoma nei cani è una malattia che colpisce gli occhi e che può persino causare cecità. Ecco perché sono così importanti le visite di controll...



  • Molleda Carbonell, J. M., & Martín Suárez, E. M. (2009). Claves para el diagnóstico precoz del glaucoma.
  • Herrera, H. D. (1995). Cirugía de glaucoma en el canino con implante de silicón simplificado: resultados en cinco casos. Clínica veterinaria de pequeños animales, 15(2), 0097-108.
  • Esteban, J., Regueiro, M., Muñoz, B., & Fiol, V. Consideraciones sobre el glaucoma en la clínica de pequeños animales. Parte II.