Come conoscere l'età di un cane senza conoscere il giorno di nascita?

Come fanno i veterinari a conoscere l'età di un cane? E i denti possono aiutarmi a stimarlo? Scopri qui le risposte a queste preoccupazioni!
Come conoscere l'età di un cane senza conoscere il giorno di nascita?
Georgelin Espinoza Medina

Scritto e verificato la biologa Georgelin Espinoza Medina.

Ultimo aggiornamento: 16 maggio, 2024

Quando adottiamo un cane, potremmo non sapere nulla della sua storia e della sua data di nascita. Anche se non abbiamo idea di quanto vivranno, ci sono alcuni metodi che gli esperti usano per fare una stima abbastanza approssimativa dell’età dei cani. Vuoi scoprire come conoscere l’età di un cane?

I cani non invecchiano alla nostra stessa velocità, anzi, invecchiano molto più velocemente e la loro longevità è inferiore. Inoltre, questo aspetto è variabile a seconda della razza e della taglia. In questo articolo ti diciamo come stimare l’età del tuo cane, quindi non perderlo.

Come conoscere l’età di un cane?

Esistono diversi modi per determinare l’età di un cane. Sebbene non siano così precisi come conoscere il giorno esatto del tuo compleanno, possono offrirci un’idea approssimativa di quanto tempo vivrai.

Conoscere questa figura ci aiuta a migliorare la loro qualità di vita; ad esempio, con una dieta adeguata o una routine di esercizio in base al tempo dell’animale.

Il veterinario può determinare l’età di un cane attraverso un esame fisico e alcuni test. Uno dei metodi più utilizzati è la revisione della protesi.

Tuttavia, non è l’unico che esiste. Allo stesso modo, è possibile effettuare la diagnosi radiografica dei tendini e rivedere la progressione dell’ossificazione ossea. Si effettuano anche esami degli organi interni o valutazioni oftalmologiche, utili per i cani adulti.

Uno studio pubblicato sulla rivista Tierarztliche Praxis suggerisce che vari parametri come i seguenti possono essere utilizzati per determinare l’età di un cane:

  • dimensione della riflessione della luce nel cristallino dell’occhio,
  • abrasione dei denti,
  • tartaro.

Sebbene la ricerca abbia esaminato 295 cani, i risultati sono stati frammentari, mostrando le difficoltà che possono sorgere quando si individua la durata della vita dei cani.

Attualmente viene utilizzato anche un test genetico con lo studio del DNA dei cani, che consiste in un’analisi della lunghezza dei telomeri dei cromosomi. Questa è una valutazione importante per stimare la vita utile dei cani.

Puoi dire l’età di un cane dai suoi denti?

Un cane sorride e mostra i suoi denti.
L’osservazione dei denti dei cani permette di individuare lo stadio vitale in cui si trova, per determinare le cure di cui ha bisogno. Attestazione: Freepik.

Come abbiamo detto, l’età di un cane può essere stimata in base all’osservazione dei suoi denti: i pezzi che ha, l’usura dei denti o addirittura il tartaro. I denti del cane cambiano man mano che cresce. Sebbene ci siano variazioni in alcune razze in cui i pezzi escono un po’ più ritardati.

All’inizio la dentiera è formata da 28 denti decidui (o da latte) e successivamente, questi cadono per far posto a quelli permanenti, per un totale di 42 pezzi dentali, tra i quali si distinguono:

  • 12 incisivi,
  • 4 canini,
  • 16 premolari,
  • 10 molari.

Come capire l’età di un cucciolo di cane dai suoi denti?

Nel caso di cani allo stadio di cuccioli, l’età viene determinata in base ai denti che hanno in bocca. Gli incisivi sono caratterizzati dalla presenza di un’estremità con 3 lobi, nota come giglio.

Un’usura in questa regione del fleur de lis fornisce anche informazioni sulla durata della vita dell’animale. Di seguito descriviamo in dettaglio il modo in cui compaiono i denti, secondo i dati presentati dall’Associazione dei veterinari spagnoli specializzati in piccoli animali (AVEPA):

  • Da 0 a 14 giorni: i cani non hanno denti. Inoltre, i loro occhi e le orecchie sono chiusi e mostrano risposte riflesse, come il riflesso di suzione.
  • Da 15 a 20 giorni: compaiono le zanne e gli incisivi superiori. Le zanne eruttano il giorno 15. Gli incisivi nei giorni successivi, prima gli estremi, poi i medi e infine i centrali.
  • 20 giorni: compaiono le zanne inferiori.
  • Da 21 a 30 giorni: spuntano gli incisivi inferiori, prima gli estremi, poi i medi e poi i centrali.
  • Da 1 a 3 mesi: gli incisivi si consumano, quindi perdono il loro giglio e si verifica un livellamento o levigatura, sia in quelli superiori che in quelli inferiori.
  • 3 mesi e mezzo: iniziano a comparire i pezzi definitivi, in questo caso gli incisivi centrali inferiori.
  • 4 mesi: emergono gli incisivi centrali mascellari permanenti.
  • 4 mesi e mezzo: compaiono gli incisivi mediani definitivi, sia superiori che inferiori.
  • 5 mesi: in questo momento emergono le ultime zanne superiori.
  • 1 anno: quando il cane raggiunge questa età, presenta il suo arco incisivo definitivo completo, con il suo evidente giglio. Inoltre, i pezzi sono bianchi e puliti.

Come conoscere l’età di un cane adulto dai suoi denti?

Così come l’usura degli incisivi serve a determinare alcuni stadi del cane quando è cucciolo, nel caso dell’adulto la situazione è simile. Nel seguente elenco vi proponiamo le modifiche in base all’età, vediamo:

  • Da 1 a 2 anni: a poco a poco i denti cambiano il loro tono bianco, diventano più opachi e anche un po’ giallastri.
  • 2 anni e mezzo: inizia a comparire un po’ di usura sui denti, il giglio scompare dagli incisivi centrali inferiori.
  • Da 3 a 5 anni: continua l’usura degli incisivi, sia superiori che inferiori.
  • Dall’età di 6 anni: anche le zanne subiscono l’usura, quindi cambiano la loro forma appuntita in una smussata. Può comparire anche il tartaro dentale.

Segni di invecchiamento nel cane anziano

Nel caso dei cani più anziani, i denti sono più danneggiati e usurati, come previsto, appare più tartaro o addirittura alcuni pezzi possono essere persi. Anche le malattie dentali sono comuni in questa fase.

Allo stesso modo, ci sono altri segni che sono evidenti nei cani anziani e che non hanno a che fare con i loro denti. Tra questi, è rilevante menzionare i problemi oftalmologici. A questa età può verificarsi l’invecchiamento del cristallino (sclerosi lenticolare), in cui gli occhi diventano torbidi o bluastri.

Possono anche soffrire di cataratta. L’American Kennel Club Association specifica che il 50% dei cani di età superiore ai 9 anni e quasi tutti quelli di età superiore ai 13 anni soffre di queste malattie degli occhi, una o entrambe.

Quindi le visite oculistiche sono utili per sapere se siamo in presenza di cani di questa età.

Allo stesso modo, i cani anziani perdono il tono muscolare e hanno debolezza nelle zampe posteriori. Generalmente hanno un basso livello di energia e amano dormire meglio. L’ingrigimento appare anche nella loro pelliccia, dapprima vicino alla bocca, ma in seguito si diffonde spesso ad altre zone del viso e del corpo.

L’età di un cane in anni umani

Un cane e un uomo faccia a faccia.
Sebbene i cani giovani invecchino più velocemente degli umani, dopo i 7 anni, l’invecchiamento canino rallenta. Credito: ArtPhoto_studio/Freepik.

C’è una credenza popolare che 1 anno di età di un cane equivalga a 7 anni umani. Pertanto, se un cane ha 3 anni, è paragonabile a una persona di 21 anni. Tuttavia, oggi si sa che questo non è vero.

Gli esperti hanno cercato di trovare il modo migliore per fare questo confronto. Pertanto, hanno determinato che i cani e gli esseri umani non invecchiano alla stessa velocità, quindi è impossibile eseguire quella somiglianza lineare con 7 anni.

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Università della California, in cui hanno stabilito una nuova formula di calcolo basata su alcuni cambiamenti che si verificano nel DNA del cane. In questo modo viene fornito un orologio epigenetico, con il quale si prevede con maggiore accuratezza l’età biologica dell’animale.

Approssimazioni all’età del tuo animale domestico

In accordo con quanto sopra, vediamo che è possibile conoscere l’età di un cane, non importa se non abbiamo la data di nascita. Sebbene i metodi utilizzati non siano così precisi da avere il giorno esatto, forniscono preziose approssimazioni che ci aiutano a migliorare la qualità della vita.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.