Come fanno le balene a dormire senza annegare?

09 dicembre, 2019
Le balene respirano attraverso il buco che hanno nella parte superiore della testa quando si alzano sulla superficie dell'acqua. Ciò significa che la balena deve essere sveglia per respirare. Quindi come fa a dormire senza annegare?
 

Il modo di respirare dei cetacei in generale e delle balene in particolare è volontario. Ciò significa che ogni volta che prendono fiato lo fanno consapevolmente, poiché devono uscire dall’acqua per prendere l’aria all’esterno. Quindi come possono dormire se hanno bisogno di uscire fuori per respirare? Come fanno le balene a dormire senza annegare?

Da un lato, le balene devono tenere l’orifizio sotto controllo per non respirare in acqua e non affogare. Ma devono anche essere in grado di sollevarsi in superficie e prendere aria per evitare di annegare a causa della mancanza di ossigeno. Vediamo insieme come fanno le balene a dormire senza annegare.

La respirazione dei mammiferi marini

I mammiferi marini hanno un grande vantaggio rispetto ai mammiferi terrestri: possono prendere più aria ad ogni respiro poiché i loro polmoni sono di dimensioni più grandi. Inoltre, scambiano più aria con ogni inspirazione ed espirazione e anche i loro globuli rossi trasportano più ossigeno.

Durante l’immersione, il sangue dei mammiferi marini viaggia solo verso le parti del corpo che hanno bisogno di ossigeno: il cuore, il cervello e i muscoli che servono per nuotare. La digestione e qualsiasi altro processo devono attendere.

D’altra parte, questi animali hanno una maggiore tolleranza al biossido di carbonio. Il loro cervello non attiva una risposta respiratoria fino a quando i livelli di CO2 non sono molto più alti di quelli che i  mammiferi terrestri possono tollerare. Questi meccanismi sono indispensabili per sopravvivere in un ambiente acquatico e aiutano durante il sonno.

 
Balena bianca

Pertanto, i cetacei riducono la quantità di respiri che fanno durante i periodi di riposo. Ma questo non chiarisce la domanda perché, per quanto sia lungo l’intervallo tra una respirazione e l’altra, non è sufficiente dormire. In effetti, alcuni ricercatori ritengono che una balena possa utilizzare fino al 90% della sua aria quando inala, mentre gli esseri umani possono utilizzare solo circa il 15% dell’aria che respirano.

Ecco come dormono le balene

Gli umani respirano involontariamente. Questo significa che respiriamo senza pensarci. Abbiamo un riflesso respiratorio che inizia quando dormiamo o siamo incoscienti. Possiamo dimenticarci di respirare, quindi non smettiamo di respirare quando dormiamo. Con le balene accade l’esatto contrario.

Il sonno dei cetacei è caratterizzato da una quantità insignificante o dalla completa assenza di sonno mediante rapidi movimenti oculari. Inoltre, presenta un diverso grado di movimento durante il sonno associato alle dimensioni del corpo e a uno stato oculare asimmetrico.

In realtà, il modo in cui dormono le balene è sorprendente. Quando un umano dorme, tutto il suo cervello è occupato a dormire. A differenza degli umani, le balene dormono riposando metà del loro cervello.

Pertanto, mentre metà del cervello rimane sveglia per garantire la respirazione e rimane attenta a qualsiasi pericolo presente nell’ambiente, l’altra metà del cervello dorme. Questo processo si chiama sonno uniemisferico ad onde lente.

 

Questo stato fisiologico consente alle balene di continuare a muoversi mentre dormono, mantenendo la posizione rispetto agli altri e rimanendo vigili nel caso in cui compaiano i predatori. Il movimento li aiuta anche a mantenere la temperatura corporea costante.

Respirazione delle balene

Le balene sono mammiferi che regolano la temperatura del loro corpo per mantenerla costante in un intervallo specifico. In acqua, un corpo perde calore 90 volte di più rispetto alla superficie. L’attività muscolare aiuta a mantenere caldo il corpo. Se una balena smette di nuotare, il suo corpo perde calore troppo rapidamente.

D’altra parte, il luogo in cui dormono i cetacei varia a seconda della specie. Alcuni riposano in superficie, altri nuotano costantemente e altri addirittura riposano ben al di sotto della superficie dell’acqua.

Le grandi balene di solito riposano in superficie in periodi di mezz’ora. Queste balene fanno respiri lenti che sono meno frequenti di quando sono sveglie. Rimangono così, relativamente immobili sulla superficie e sembrano tronchi giganti che galleggiano nell’acqua. Tuttavia, non possono riposare troppo a lungo in una volta, poiché possono perdere troppo calore corporeo mentre sono inattive.

Conclusioni

Le balene dormono. Tuttavia, non si addormentano come fanno gli umani e gli altri animali, perché devono rimanere consapevoli di soddisfare le loro esigenze di ossigeno mentre vivono nell’oceano. Inoltre, devono rimanere attente ad eventuali minacce e pericoli.

 

Quando riposano, le balene rimangono parzialmente coscienti in modo da poter reagire al pericolo e ottenere più aria quando necessario. Il loro corpo è progettato per permettere loro di trattenere il respiro per lunghi periodi di tempo, riducendo al minimo la quantità di energia che usano durante il nuoto.

Inoltre, il corpo delle balene consente loro di rimanere a galla quando si trovano sulla superficie dell’acqua o in prossimità di essa, potendo così riposare senza utilizzare alcuna energia per rimanere a galla.

 

LYAMIN, O., MANGER, P., RIDGWAY, S., MUKHAMETOV, L., & SIEGEL, J. (2008). Cetacean sleep: An unusual form of mammalian sleep. Neuroscience & Biobehavioral Reviews32(8), 1451-1484. doi: 10.1016/j.neubiorev.2008.05.023

Lyamin, O., Mukhametov, L., Siegel, J., Nazarenko, E., Polyakova, I., & Shpak, O. (2002). Unihemispheric slow wave sleep and the state of the eyes in a white whale. Behavioural Brain Research129(1-2), 125-129. doi: 10.1016/s0166-4328(01)00346-1

Mead, J., & Gold, J. (2002). Whales and dolphins in question. Washington, DC: Smithsonian Institution Press.