Come nascono gli squali?

I tempi di gestazione degli squali sono tra i più lunghi che esistano, perché sebbene alcuni durino mesi, altri possono arrivare a più di un anno.
Come nascono gli squali?

Ultimo aggiornamento: 26 settembre, 2021

Gli squali sono un gruppo di organismi acquatici dall’aspetto spaventoso e dalle enormi mascelle. Come tutti gli esseri viventi, queste specie hanno diversi tipi di riproduzione e ne condividono alcuni aspetti con i mammiferi. Questo fa sì che, a prima vista, sia difficile intuire come nascono gli squali (o se vi è qualche differenza con gli altri animali).

Tutte le specie sono diverse, ma ci sono alcuni meccanismi riproduttivi comuni alla maggior parte dei gruppi biologici. In questo articolo spieghiamo come nascono gli squali e le loro caratteristiche distintive. Continuate a leggere per saperne di più sull’argomento.

Cosa sono gli squali?

Nonostante la somiglianza che hanno con alcuni mammiferi marini, gli squali non fanno parte dello stesso gruppo. Una delle caratteristiche principali degli squali è il loro scheletro cartilagineo, che è molto diverso dalle ossa che si trovano nelle balene o nei delfini. Per questo motivo gli squali fanno parte del gruppo dei condritti.

La caratteristica principale dei mammiferi (le ghiandole mammarie femminili) non si trova in nessun tipo di squalo. Allo stesso modo, gli squali non presentano il tipico pelo di questa categoria, che può essere trovato anche sulle balene.

Tuttavia, entrambi i gruppi sono in qualche modo simili per quanto riguarda la riproduzione. Sebbene i mammiferi siano generalmente vivipari, gli squali possono presentare tutti e 3 i tipi di gestazione esistenti.

Uno degli animali più veloci dell'oceano.

Come nascono gli squali?

A differenza della maggior parte dei pesci, gli squali non hanno fecondazione esterna e le loro pinne pelviche si sono adattate per la riproduzione. Gli squali hanno un contatto fisico diretto (accoppiamento) tra loro per dare origine alla loro prole.

In questo senso, gli squali esibiscono organi riproduttivi sia nelle femmine che nei maschi. Tramite l’uso di questi organi, viene eseguita una copulazione interna (accoppiamento) per ottenere la fecondazione della femmina. È qui, però, che tutto si complica: contrariamente a quanto accade con i mammiferi, questi animali possono presentare tutte e 3 tipi di riproduzione che esistono.

Grazie a questo (e a seconda della specie), si possono trovare esemplari ovipari, ovovivipari o vivipari. Il meccanismo con cui nascono gli squali dipende dalla storia evolutiva della specie e dai vincoli ambientali.

Squali ovipari

Le specie che presentano questo tipo di riproduzione producono uova, che sono in realtà ovuli fecondati ricoperti da uno strato corneo. Da parte sua, l’embrione ha un sacco vitellino che fornirà i nutrienti necessari per il suo sviluppo, quindi ha bisogno solo di un luogo adatto per essere incubato.

Infatti, la maggior parte degli esemplari ovipari non tengono d’occhio le proprie uova dopo averle deposte.

Questo meccanismo ha diversi punti a suo favore, poiché permette alla femmina di correre meno rischi (non dovendo portare il peso extra della prole). Inoltre, continua ad essere indipendente per cercare cibo, accoppiarsi di nuovo o addirittura migrare. Tuttavia, rilasciare un uovo a metà processo è molto meno sicuro che tenerlo a sicuro nell’utero.

Squali vivipari

Questi esemplari hanno un diverso processo di incubazione, poiché la femmina mantiene i piccoli all’interno del suo corpo, nutrendoli attraverso la placenta. Grazie a questo processo, la madre si assicura che il suo piccolo sopravviva alla gravidanza, poiché lo protegge durante i mesi in cui lo porta in grembo.

Il vantaggio che hanno questi organismi è la possibilità di assicurare la sopravvivenza della prole, poiché rimangono sempre vicini alla madre. Tuttavia, anche questo processo ha i suoi rischi, dal momento che la sopravvivenza del piccolo è legato alla vita della madre, quindi se muore anche suo figlio perderà la vita.

Inoltre, questo meccanismo consuma molte delle energie della femmina e la sua salute ne risente.

Squali ovovivipari

Questo tipo di riproduzione è un punto intermedio tra i precedenti, poiché ci sono le uova, ma i piccoli nascono in un tipico parto viviparo. Il processo è semplice: la madre produce un uovo che non rilascia l’ambiente, ma lo trattiene nel grembo fino al parto. Pertanto, gli animali ovovivipari sembrano vivipari, ma hanno anche caratteristiche ovipari.

La differenza radicale tra vivipari e ovovivipari è che i piccoli non si nutrono attraverso la placenta della madre, ma piuttosto tramite il vitello all’interno del proprio uovo. Per questo, nonostante la madre li tenga sempre in grembo, non vi è contatto diretto con lei. Poco prima del parto, la capsula che circonda il piccolo si rompe e quasi subito quest’ultimo viene rilasciato all’esterno.

Si ritiene che questo peculiare meccanismo sia un passaggio intermedio tra l’uovo e la placenta. Vista in un altro modo, gli ovipari sono comparsi per primi e, qualche tempo dopo, alcuni di loro iniziarono a trattenere le uova nell’utero. Nel corso degli anni questa caratteristica è migliorata fino a formare una placenta al posto della capsula, con l’emergere per la prima volta di cellule vivipare.

Come sono le uova di squalo?

Le capsule o uova prodotte dagli squali sono strutture cornee che contengono ovociti fecondati. Infatti la membrana che protegge i piccoli è diversa da quella che si vede solitamente in altri animali come gli uccelli. Il materiale che la compone sono cellule opache semitrasparenti, che formano una struttura rettangolare da cui emergono ganci in ognuno degli angoli.

La struttura traslucida fornisce mimetismo alle uova e gli uncini ne consentono l’ancoraggio al substrato e alla vegetazione. Inoltre, a differenza degli uccelli, gli embrioni non hanno bisogno di essere protetti dall’essiccazione, quindi l’uovo può “permettersi” di avere una struttura morbida per facilitare lo scambio di sostanze con l’ambiente.

Cannibalismo tra i piccoli

Questo evento non si verifica in tutte le specie, ma è un atto particolare degli squali vivipari e ovovivipari. Come accennato, i piccoli che crescono all’interno della madre possono scegliere di mangiare i propri fratelli prima del parto. In realtà, questo non vale solo per gli embrioni in via di sviluppo, poiché possono anche nutrirsi di uova non fecondate.

Prima di pensare che sia una cosa negativa, ricordatevi che gli animali non sono guidati dalla moralità, ma dai loro istinti di sopravvivenza. Questo meccanismo è un adattamento evolutivo che assicura i nutrienti alla prole più forte, assicurando che cresca sana e resistente. Riduce anche lo sforzo della madre, dal momento che la cura si concentrerà ora sui piccoli rimasti.

Un uovo di squalo.
Un uovo di squalo.

Sebbene a prima vista sembrino esseri semplici, c’è molto da dire sugli squali a livello riproduttivo. Vivono in un ambiente inclemente ed esigente, e per questo motivo hanno dovuto sviluppare strategie di gestazione molto diverse.



  • Mabragaña, E., Figueroa, D. E., Scenna, L. B., Díaz de Astarloa, J. M., Colonello, J. H., & Massa, A. M. (2009). Clave de identificación de cápsulas de huevos de condrictios del Mar Argentino.
  • Hoyos Padilla, E. M. (2003). Biología reproductiva del tiburón piloto Carcharhinus falciformis (Bibron, 1838) de Baja California Sur (Doctoral dissertation, Instituto Politécnico Nacional. Centro Interdisciplinario de Ciencias Marinas.).
  • Gatica, C., & Acuña, E. (2011). Biología reproductiva de los tiburones de profundidad Aculeola nigra De Buen, 1959, y Centroscyllium nigrum Garman, 1899 (Chondrichthyes: Etmopteridae), centro-norte de Chile. Gayana (Concepción)75(1), 1-16.
  • Fernández, M. C. (2014). TIBURONES Y RAYAS EN LA MIRA: LA IMPORTANCIA DE LOS ESTUDIOS DE REPRODUCCIÓN. Hippocampus3, 28-33.
  • Wourms, J. P., & Demski, L. S. (1993). The reproduction and development of sharks, skates, rays and ratfishes: introduction, history, overview, and future prospects. In The reproduction and development of sharks, skates, rays and ratfishes (pp. 7-21). Springer, Dordrecht.