Cosa fare se ho finito il cibo per cani?

È importante sapere cosa fare quando avete finito il cibo per cani e non avete la possibilità di comprarlo per un breve periodo di tempo. Ecco alcuni consigli per cavarsela con ciò che si ha in casa.
Cosa fare se ho finito il cibo per cani?

Ultimo aggiornamento: 08 marzo, 2022

A tutti possono capitare degli imprevisti. Anche se controllate regolarmente quanto cibo vi è rimasto in casa, è possibile che vi ritroviate comunque nella situazione di aver finito il cibo per cani e non poterlo ricomprare subito.

Se siete in questa situazione, non preoccupatevi: i cani sono animali onnivori e opportunisti, quindi possono tranquillamente mangiare prodotti freschi per un breve periodo di tempo. In questo articolo vi mostriamo come preparare dei piatti caserecci di emergenza che non compromettano la salute del vostro amico a quattro zampe, quindi prendete nota delle prossime righe.

Che tipo di cibo posso preparare se ho finito il cibo per cani?

Come detto nell’introduzione, i cani sono animali onnivori, ma attenzione: questo non significa che possano mangiare gli stessi alimenti degli umani, quindi condividere i nostri piatti con loro non è un’opzione viabile. Tuttavia, sicuramente avrete del cibo a casa che potrete utilizzare per un po’ al posto del cibo per cani.

La prima cosa da fare è pesare il cane, perché la quantità di cibo di cui ha bisogno dipende dalla percentuale di massa corporea che presenta. Le razze grandi hanno bisogno di una razione di cibo equivalente al 3% del loro peso corporeo, mentre per le razze piccole la percentuale è del 4-5%.

Il passo successivo è conoscere le proporzioni corrette di nutrienti per il cane all’interno di ciascun gruppo alimentare. La dieta di mantenimento di un cane adulto dovrebbe includere il 26% di proteine, il 36% di carboidrati e il 38% di grassi. Il cibo, inoltre, deve fornire le vitamine e i minerali necessari per il corretto funzionamento dell’organismo.

Detto questo, non resta che trovare gli alimenti più adatti al cane e programmare la dieta per i giorni in cui non potrà mangiare il cibo per cani. Ecco le fonti nutrizionali più comuni e adatte ai cani.

I cani sono animali carnivori facoltativi. La loro principale fonte di energia sono le materie di origine animale, ma sono fonte di calorie anche altri alimenti vegetali.

Perché il mio cane non mangia se non sono con lui?

Proteine

Le proteine, oltre a rafforzare l’apparato muscolo-scheletrico, forniscono all’organismo dell’animale aminoacidi essenziali e azoto. Questi nutrienti possono essere trovati in 2 tipi di fonti diverse:

  1. Prodotti di origine animale: la carne rossa, la carne bianca e le uova sono le fonti proteiche più pulite all’interno di questo gruppo. Le viscere e altri organi degli animali tendono a contenere più grassi e sono difficili da inserire in una dieta equilibrata.
  2. Proteine vegetali: i legumi, come ceci e lenticchie, sono la migliore opzione come base proteica di una dieta vegetariana. Anche alcune farine sono ricche di questo nutriente, come il glutine di frumento, la farina di soia o il lievito di birra secco.

Ricordate che sia la carne che le uova, così come i legumi, devono essere cotti prima di essere fatti mangiare al cane. Se non lo fate, rischiano di contrarre malattie batteriche come la salmonellosi o parassiti digestivi (come l’anisakis).

Carboidrati

Anche se i cani hanno bisogno che la dieta abbia un alto contenuto proteico, anche i carboidrati sono un elemento essenziale. I più efficienti tra questo tipo di nutrienti sono gli amidi, le cui molecole impiegano più tempo a decomporsi (cioè rilasciano energia più lentamente e più a lungo).

Le migliori fonti di carboidrati sono mais, riso, frumento e avena. I primi 2 vanno cotti prima di farli mangiare al cane. Se invece avete bisogno di aggiungere fibre alla dieta, potete optare per la crusca di questi cereali.

Lipidi

Anche i grassi, in quantità controllate, sono essenziali per l’organismo. Inoltre, migliorano la consistenza e l’appetibilità del cibo, rendendolo più appetitoso per il cane.

In questo caso, potete scegliere tra grasso animale e vegetale. Molte delle carni che potete includere nella dieta del cane contengono già grassi, ma se optate per le proteine vegetali si consiglia di aggiungere un cucchiaio di olio di cocco o di aggiungere semi di soia, mais o sesamo.

Vitamine e minerali

Per assicurarvi che il cane riceva l’apporto di vitamine e minerali di cui ha bisogno, è bene includere anche un po’ di frutta e verdura nella dieta. Sia i prodotti ortofrutticoli che alcuni prodotti di origine animale (latticini, frattaglie, ecc.) in piccole quantità possono apportare questi nutrienti.

Alimenti vietati ai cani

Prima di mettervi a cercare ricette di piatti fatti in casa per cani, informatevi molto bene sugli alimenti tossici per questa specie. I 2 alimenti più tossici sono il cioccolato e l’avocado, che in quantità eccessive possono portare alla morte del cane. Altri alimenti da non somministrare al cane sono i seguenti:

  • Cipolla.
  • Cibi contenenti caffeina.
  • Aglio.
  • Noci di macadamia.
  • Uva e uvetta.
  • Alcol etilico.
  • Pasta cruda fermentata.
  • Ossa cotte.
  • Ciliegie con nocciolo.
  • Funghi.
  • Carambola.
  • Cibo ammuffito.
  • Agrumi.
  • Zucchero e sale.
  • Melanzane.
I cani possono mangiare noci.

Va sottolineato ancora una volta che il cibo casalingo può andare bene per un breve periodo di tempo, se avete finito il cibo per cani, ma non va somministrato troppo a lungo nel tempo. Se siete interessati alla dieta BARF, vi consigliamo di chiedere indicazioni al veterinario su come seguirla e su come apportare modifiche al menu in maniera sicura.

This might interest you...
Dieta BARF per il cane: quali benefici offre?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Dieta BARF per il cane: quali benefici offre?

La dieta BARF per il cane si basa sul consumo di alimenti ritenuti più naturali e adatti all'organismo dell'animale. Scopritela.