Cosa mangia l'axolotl?

Gli axolotl sono esseri affascinanti sotto ogni punto di vista. Imparare tutto sulla loro dieta è essenziale per preservarli in cattività e in natura.
Cosa mangia l'axolotl?

Ultimo aggiornamento: 10 ottobre, 2021

L’axolotl (Ambystoma mexicanum) è uno degli anfibi più affascinanti al mondo. Questo bellissimo urodelo è caratterizzato dalle branchie esterne e dal fatto che rimane in uno stadio “larvale” permanente, ma ha molte caratteristiche interessanti oltre al suo aspetto fisico. Ad esempio, sapete cosa mangia l’axolotl?

Rispondere a questa domanda non è necessario solo a fini conoscitivi, ma soprattutto per salvare la specie in generale. Sebbene sia molto comune trovarlo nelle case in tutto il mondo, l’axolotl si trova in uno stato critico nel suo ambiente naturale. Se volte saperne di più sulle scelte alimentari di questo animale, vi consigliamo di continuare a leggere.

Cos’è un axolotl?

Prima di esplorare le scelte nutrizionali dell’axolotl, troviamo interessante inquadrarlo da un punto di vista tassonomico. Prima di tutto, va notato che questo organismo è nella classe Amphibia, in particolare nell’ordine Urodela. A differenza delle rane e dei rospi, i membri di questo ordine hanno un corpo cilindrico e una lunga coda.

Da parte sua, l’axolotl è un anfibio totalmente acquatico che varia da 15 a 45 centimetri di lunghezza nella sua fase adulta. Ha le caratteristiche tipiche delle larve di tutte le salamandre: una coda molto grande e appiattita lateralmente per nuotare, branchie esterne per l’ossigeno e una pinna caudale che si estende su tutto il corpo.

Sebbene mantengano uno stadio simile a quello di una larva di salamandra, è necessario sottolineare che gli axolotl attraversano un processo di sviluppo. Il suo adattamento vitale è la pedomorfosi, cioè il mantenimento dei tratti giovanili negli individui adulti riproduttivi.

Gli axolotl non sintetizzano la tireotropina o TSH, generalmente nota come ormone stimolante la tiroide. Se questo organo ghiandolare non viene stimolato, non viene prodotta nemmeno la tiroxina necessaria per effettuare la metamorfosi. Pertanto, questi anfibi crescono con una serie di caratteristiche giovanili (branchie e pinna caudale, tra gli altri) e non lasciano mai l’acqua.

Nonostante sembrino larve, gli axolotl adulti si riproducono come qualsiasi altro urodelo quando raggiungono la maturità sessuale.

Le curiosità dell'axolotl sono molteplici.

Il cavo orale degli axolotl

Gli axolotl hanno delle teste grandi, appiattite e con un paio di occhi senza palpebre. Attirano l’attenzione anche a causa delle dimensioni della loro bocca, poiché sembra sproporzionata rispetto al resto del corpo dell’animale. Comunque, ogni cosa ha il suo motivo di esistere nel mondo animale.

Gli axolotl hanno denti rudimentali (tipici in altre salamandre dopo la metamorfosi) nello stadio adulto, ma questi non si rivelano utili quando si tratta di procurarsi il cibo. Grazie alla loro grande bocca, questi anfibi sono in grado di creare una pompa aspirante. Aprono improvvisamente il cavo orale e, a causa della differenza di pressione, l’acqua entra nella bocca e intrappola la preda.

Gli axolotl “trascinano” la loro preda inghiottendo l’acqua circostante.

Cosa mangiano gli axolotl?

Vi abbiamo già dato alcuni indizi su cosa mangia l’axolotl in questo articolo. Nelle righe seguenti, esploriamo le loro scelte alimentari in base all’ambiente in cui si trovano. Continuate a leggere!

Cosa mangiano gli axolotl in natura?

Come tutti gli anfibi adulti, gli axolotl sono esclusivamente carnivori. Nonostante la loro goffaggine quando si tratta di muoversi e il loro aspetto innocuo, questi animali sono in grado di aprire la bocca molto velocemente e di aspirare la preda. Come indica il portale del National Geographic, le loro vittime comuni sono molluschi, vermi, larve di insetti e piccoli pesci.

Gli axolotl sono abituati ad essere nel vertice della piramide alimentare nel loro ambiente naturale (lago Xochimilco, Messico). Sfortunatamente, l’introduzione di grandi pesci esotici nelle acque di questo ecosistema ha causato un preoccupante declino della loro popolazione. Anche l’inquinamento delle acque e il cambiamento climatico ne favoriscono la scomparsa.

La popolazione di axolotl è diminuita di 60 volte rispetto al numero originario negli ultimi decenni. Si stima che ci siano tra i 700 e i 1200 esemplari in natura in tutto il mondo.

Cosa mangia l’axolotl in cattività?

La situazione dell’axolotl è ironica, dal momento che ci sono molti più esemplari in cattività che in libertà. Elenchiamo le loro esigenze nutrizionali nell’ambiente domestico di seguito:

  • Insetti vivi: gli axolotl accettano volentieri qualsiasi organismo vivente che si adatti alla loro bocca, come grilli, tenebrioni, zophobas e scarafaggi. Attenzione alla somministrazione eccessiva di larve di coleottero, poiché hanno un’alta percentuale di grasso.
  • Larve di zanzara congelate: questa è la base della dieta degli axolotl giovanili. È un alimento molto conveniente, in quanto può essere acquistato sotto forma di cubetti di ghiaccio e può essere conservato a tempo indeterminato nel congelatore.
  • Pesci vivi: la somministrazione di pesci vivi è sconsigliata, in quanto questi possono contenere parassiti e far ammalare l’axolotl. Inoltre, potrebbe farsi male durante la caccia.
  • Cibo per pesci: nonostante lo mangino, il cibo secco per pesce non è una buona scelta per gli axolotl. Non è per niente naturale e può contenere sostanze nutritive che l’animale non è in grado di assimilare.
  • Proteine morte: gli axolotl sporadicamente mangiano anche pezzi di gamberetti, pollo, pesce o carne magra. Ovviamente, assicuratevi di aver congelato tutta la carne che date al vostro animale domestico molto prima.

Inoltre, bisogna stare molto attenti al substrato dell’acquario. Poiché gli axolotl usano una pompa di aspirazione per mangiare, probabilmente finiranno per aspirare la sabbia con la bocca (e morire per l’assunzione a lungo termine). Per questo motivo si raccomanda che l’ambiente dell’axolotl sia composto da pietre molto grandi che può sputare in caso di ingestione accidentale.

L'axolotl è un anfibio in via di estinzione.

Come potete vedere, la risposta a ciò che mangia l’axolotl varia notevolmente a seconda dell’ambiente in cui si trova. Sfortunatamente, presto potrebbero non esserci più esemplari in natura e gli axolotl domestici sono l’unica prova vivente che questa specie sia esistita una volta. Per questo prendersi cura di loro è più importante che mai.

Potrebbe interessarti ...
Si può tenere l’assolotto in un acquario?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Si può tenere l’assolotto in un acquario?

Cerchiamo di capire se si può tenere l'assolotto in un acquario. Si tratta di un anfibio dalle abitudini molto particolari.