Cosa mangiano i fenicotteri?

I fenicotteri si nutrono di varie prede, generalmente microscopiche, che incorporano grazie al filtro presente nel becco e alla loro lingua carnosa.
Cosa mangiano i fenicotteri?

Ultimo aggiornamento: 27 settembre, 2021

I fenicotteri si adattano in modo affascinante agli ambienti in cui vivono, soprattutto quando si tratta delle caratteristiche della loro dieta. Sicuramente, in qualche occasione siete rimasti stupiti dal loro aspetto elegante e snello. Ad ogni modo, vi siete mai chiesti cosa mangiano i fenicotteri?

In questo articolo vi portiamo tutti i dettagli relativi all’alimentazione di questi uccelli: il loro modo particolare di mangiare, il rapporto tra il cibo che mangiano e la colorazione rosa brillante delle loro piume e altre peculiarità della loro dieta. Continuate a leggere se volete saperne di più sull’argomento.

Caratteristiche dei fenicotteri

Prima di sapere cosa mangiano i fenicotteri, partiamo da alcuni aspetti generali. In primo luogo, va notato che sono l’unico tipo di uccello della famiglia Phoenicopteridae, che raggruppa 6 specie distribuite in 3 generi (solo 2 viventi), con esemplari in America, Europa, Asia e Africa.

Questi organismi si distinguono per le loro grandi dimensioni, l’aspetto elegante, il collo e le zampe lunghi e il caratteristico becco, nonché un colore del piumaggio che va dal rosa al rosso, con variazioni di intensità. Sono uccelli coloniali che possono percorrere determinate distanze in base alle loro esigenze riproduttive e nutrizionali.

I fenicotteri hanno diversi habitat, tra cui laghi, stagni, zone umide e zone costiere con acque poco profonde alcaline o saline. Inoltre, sono dotati di ghiandole del sale nella testa che consentono loro di espellere gli eccessi di questo minerale e, quindi, resistere a questi ambienti estremi per altri esseri viventi.

Un fenicottero in cerca di cibo.

Cosa mangiano i fenicotteri?

Questi animali hanno una dieta molto varia che comprende sia vegetali che animali, motivo per cui sono onnivori. In realtà sono esemplari non selettivi per quanto riguarda la dieta. Approfittano di ciò che trovano nell’ambiente e, se necessario, viaggiano alla ricerca di sostanze nutritive.

I fenicotteri includono nella dieta alimenti che fanno parte del fitoplancton e dello zooplancton. Tra questi ci sono alghe, diatomee, piccoli crostacei, copepodi, molluschi, larve di insetti e vermi. Inoltre, si nutrono anche di alcuni semi, di vegetazione acquatica e piccoli pesci.

Le diverse specie di fenicotteri mangiano cibo leggermente più grande o più piccolo a seconda delle dimensioni del loro becco e delle loro strutture interne. Per questo motivo, ci sono alcuni esemplari con una dieta specializzata che possono consumare solo prede più piccole, mentre altri hanno maggiori opzioni in questo senso.

Un esempio è il Phoenicopterus jamesi o fenicottero di James, che all’interno del gruppo si nutre della preda più piccola (che non supera i 60 micron). Sorprendentemente, la loro dieta comprende solo cose microscopiche, di solito alghe e microbi.

Come mangiano?

Tutti i tipi di fenicotteri sono filtratori, quindi ottengono cibo direttamente dall’acqua o dal fango negli ambienti acquatici in cui vivono. Inoltre, hanno un avanzato sistema di filtrazione presente nel becco: è largo, curvo e adatto a questa attività.

Questi animali hanno abitudini alimentari interessanti nelle quali intervengono anche le zampe, poiché esse li aiutano a smuovere il fango e il substrato per rovistare nell’acqua.

Per catturare la preda, i fenicotteri immergono il becco nell’acqua in modo da capovolgerla e lo muovono. Durante il processo, pompano il liquido verso l’interno con la lingua per filtrarlo e verso l’esterno per espellere i detriti. In questo modo il cibo viene intrappolato nella parte interna dell’apparato orale dell’animale.

Maggiori dettagli sul becco

Per capire meglio cosa mangiano i fenicotteri (e il modo in cui cacciano), è necessario conoscere bene la parte del corpo che utilizzano per catturare e filtrare la loro preda: il becco. Questo ha un aspetto curvo e, inoltre, ha una mascella inferiore più larga di quella superiore.

All’interno questa struttura presenta una serie di lamelle sui bordi che compongono il sistema di filtrazione, dove viene intrappolato il cibo. Queste combaciano con alcune pieghe che si trovano sulla lingua dei fenicotteri e che contribuiscono a questo sofisticato sistema.

Le caratteristiche delle lamelle (disposizione, quantità e se sono morbide o dure) determinano le dimensioni del cibo che possono mangiare questi uccelli.

Queste caratteristiche variano tra le diverse specie. Nell’esempio citato del fenicottero di James, le lamelle interne del becco sono più numerose e compatte che in altri esemplari. Questa struttura consente la selezione delle prede più piccole.

Cosa mangiano i piccoli di fenicottero?

Durante i primi mesi di vita, i cuccioli di fenicottero non hanno il becco completamente sviluppato. In questo periodo di tempo non possono nutrirsi da soli, quindi dipendono dai genitori.

I genitori nutrono i loro bambini con una secrezione prodotta dal gozzo, che rigurgitano direttamente tramite il becco. Questa sostanza viene spesso paragonata al latte dei mammiferi, ma non è corretto interpretarla in questo modo, poiché si tratta di liquidi molto diversi.

Gli studi dimostrano che la composizione di questa secrezione comprende varie molecole: grassi, proteine e stimolanti immunitari e intestinali, tra gli altri. Include anche pigmenti rosa, quindi assomiglia al sangue se visto da lontano.

Curiosità sui fenicotteri

È importante menzionare come fatto curioso la relazione tra l’alimentazione di questi uccelli e il colore delle loro piume e zampe. In questo caso si verifica una correlazione diretta: i toni accesi e appariscenti dei fenicotteri sono determinati dai pigmenti carotenoidi che ingeriscono insieme al cibo.

Questi pigmenti vengono prodotti dalle alghe, dalle piante o dai batteri, non dal corpo dei fenicotteri. Ciò significa che questi uccelli acquatici li acquisiscono attraverso il cibo.

Un fenicottero che mangia.

Nonostante siano animali di grossa taglia, i fenicotteri hanno una dieta onnivora che include piccole prede. Inoltre, ora sapete che il loro modo di nutrirsi prevede un intricato sistema di filtraggio. Indubbiamente, questi uccelli nascondono molti segreti sotto le loro piume rossastre e il loro aspetto pacifico.

Potrebbe interessarti ...
5 esemplari di animali palustri tutti da scoprire
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
5 esemplari di animali palustri tutti da scoprire

Rettili insetti, anfibi e volatili sono tutti rappresentanti degli animali palustri. Approfittano dell'acqua di queste aree per vivere e riprodursi...



  • Kieronczyk, B., Rawski, M., Dlugosz, J., Swiatkiewicz, S., & Jozefiak, D. (2016). Avian crop function. A review. Annals of Animal Science, 16(3), 653-678.
  • Phoenicopterus jamesi. Animal Diversity Web (ADW). Recuperado a 20 de septiembre en: https://animaldiversity.org/accounts/Phoenicoparrus_jamesi/
  • Polla, W., Di Pascuale, V., Rasuk, M., Barberis, I., Romano, M., Manzo, R., Paggi, J., Farías, M., Contreras, M., & Devercelli, M. (2018). Diet and feeding selectivity of the andean flamingo Phoenicoparrus andinus and chilean flamingo Phoenicopterus chilensis in lowland wintering areas. Wildfowl, 68, 3-9.
  • Tobar, C., Rau, J., Santibáñez, A., Fuentes, N., Cursach, J., Vilugrón, J., Magro, A., & Pérez-Schultheiss, J. (2017). Variación interanual en la dieta invernal del flamenco chileno Phoenicopterus chilensis (Aves: Phoenicopteriformes) en el humedal marino de Bahía Caulín, Chiloé, sur de Chile. Revista de Biología MArina y Oceanografía, 52(3), 1-6.