Cosa mangiano le scimmie?

Nelle caricature, sembra che le scimmie mangino soltanto banane. Tuttavia, sono animali onnivori con una dieta molto varia. In questo articolo potrete scoprirlo.
Cosa mangiano le scimmie?

Ultimo aggiornamento: 14 novembre, 2021

I primati, conosciuti nel linguaggio popolare come scimmie, sono gli animali più simili all’uomo, dal punto di vista genetico ed evolutivo. Pertanto, ci si aspetta che ciò che mangiano le scimmie si avvicini a ciò che compone la nostra dieta.

Esistono però molte specie di primati nel regno animale e ognuna di esse si nutre in base al proprio habitat e alle proprie esigenze specifiche. In questo articolo troverete informazioni dettagliate sulla dieta di ognuna delle famiglie tassonomiche: non perdetevelo.

Caratteristiche delle scimmie

Vengono chiamate scimmie in genere tutti i vertebrati mammiferi placentati dell’ordine dei primati. All’interno di questo taxon vi sono 2 famiglie principali:

  1. Strepsirrini: gruppo che riunisce le proscimmie (come lemuri e lori) e le scimmie del Nuovo Mondo. Queste ultime sono di piccole dimensioni, hanno una coda e uno scheletro più primitivo rispetto alle altre scimmie. Prendono il nome dal fatto che le loro narici sono separate da un ampio setto membranoso.
  2. Aplorrini: più vicini all’essere umano, presentano un naso secco e semplice. In questo sottordine troviamo i tarsi, le grandi scimmie e gli esseri umani, tra gli altri.

Ci sono circa 260 specie di scimmie sul pianeta, la stragrande maggioranza delle quali sono arboree. Rispetto ad altri mammiferi, i primati hanno un cervello grande rispetto alle dimensioni del corpo e una maggiore acuità visiva. Tuttavia, il loro senso dell’olfatto si è atrofizzato durante lo sviluppo evolutivo.

Il comportamento dei primati è molto complesso.

Comportamento della scimmia

Le scimmie sono animali socievoli organizzati gerarchicamente all’interno di gruppi. Sono generalmente patriarcali (con poche eccezioni, come i bonobo), anche se nella pratica le relazioni tra di loro sono flessibili e le regole vengono spesso infrante.

Essendo animali cognitivamente simili agli umani, è stato facile dimostrare processi superiori come autocoscienza, empatia, senso dell’umorismo e altri in questi primati. Non solo, ma è stata documentata l’esistenza di culture e guerre all’interno delle società di grandi scimmie in libertà.

La maggior parte dei gruppi di primati segue le dinamiche di fusione-fissione, in cui vengono scambiati i membri tra gruppi della stessa specie. In questo modo, la variabilità genetica viene preservata e gli esemplari avranno una certa flessibilità quando cercheranno di scalare la gerarchia.

Durata della vita della scimmia

L’aspettativa di vita di una scimmia dipende dalla sua specie. La durata generale è di 10-50 anni, a seconda delle dimensioni e delle condizioni di vita. Il primate non umano più vecchio del mondo era la famosa Cheeta, uno scimpanzé che ha recitato nel film di Tarzan. È morto all’età di 80 anni nel 2011.

Riproduzione

Anche la dinamica della specie determina questo fattore, per cui non è possibile stabilire criteri comuni in tutti i primati per quanto riguarda la riproduzione. In ogni caso, vi presentiamo alcuni dati generali:

  • Maturità sessuale: da 18 mesi a 8 anni.
  • Gestazione: 4-8 mesi.
  • Numero di figli: in generale, le femmine di primate danno alla luce un solo piccolo, sebbene ci siano casi di gemelli anche tra primati in gravidanza.

A seconda del loro taxon, esistono anche primati poligami (sia poligami che poliandri) e monogami.

Cosa mangiano le scimmie?

I primati sono animali onnivori. Tuttavia, per rispondere con precisione alla domanda “cosa mangiano le scimmie?”, è necessario prestare attenzione all’ecosistema in cui vivono e alle abitudini di ciascuna specie. Pertanto, nelle sezioni seguenti troverete una ripartizione della dieta di ciascuna famiglia dell’ordine dei primati.

Dieta della famiglia Cebidae

Questo gruppo corrisponde ai platirrini, meglio conosciuti come scimmie del Nuovo Mondo. Caratterizzato dall’avere le narici separate da un ampio setto membranoso, questo taxon comprende specie come le scimmie cappuccine (Cebus apella), i saimiri o scimmie scoiattolo (Saimiri sciureus) e gli uistitì (sottofamiglia Callitrichidae).

Le loro abitudini alimentari sono principalmente frugivore, ma questi primati si nutrono anche di noci, fiori e nettare, uova, insetti e piccoli vertebrati. Non cacciano a meno che non sia strettamente necessario, e se lo fanno sono veloci e agili.

Scimmie cappuccine.

Cosa mangiano le scimmie della famiglia dei Cercopithecidae?

Questa famiglia raggruppa le catarrine, le scimmie del Vecchio Mondo. In questa famiglia si trovano specie come i babbuini (genere Papio), i macachi (genere Macaca) e i colobus (genere Colobus). Le due sottofamiglie che compongono il gruppo, Cercopithecinae e Colobinae, hanno abitudini alimentari molto diverse:

  1. Cercopithecinae: queste scimmie includono molte più proteine animali nella loro dieta rispetto ad altre scimmie della loro famiglia. Si nutrono principalmente di insetti, uova e piccoli vertebrati. A questi aggiungono radici, foglie, funghi e tuberi.
  2. Colobinae: questa sottofamiglia si nutre principalmente di foglie e semi. I suoi membri mangiano anche frutta, fiori e licheni.
Un macaco che guarda una pianta.

Dieta della famiglia Hylobatidae

Questi piccoli ominidi con lunghe braccia e abitudini arboree sono conosciuti come gibboni o scimmie urlatrici per via dei loro potenti versi. La loro dieta è costituita da frutta, foglie, germogli e fiori, ai quali aggiungono una piccola percentuale di proteine animali sotto forma di invertebrati.

Cosa mangiano le scimmie?

Cosa mangiano le scimmie della famiglia Pongidae?

All’interno di questa famiglia troviamo le grandi scimmie: oranghi, gorilla, bonobo e scimpanzé. La dieta di ciascuno di questi primati differisce in modo significativo, pertanto le vediamo di seguito separatamente:

  • Oranghi (genere Pongo): consumano frutta, foglie e steli, ma anche insetti, uova e pesce. Sono famosi per conoscere le piante medicinali presenti nel loro ambiente e per utilizzarle allo scopo di alleviare diversi stati di disagio.
  • Gorilla (genere Gorilla): seguono una dieta con meno proteine animali rispetto al resto delle specie di pongidi. Sebbene occasionalmente si nutrano di insetti, la loro dieta si basa su frutta, foglie e germogli.
  • Scimpanzé (Pan troglodytes): la loro dieta è quella più varia tra le grandi scimmie, in quanto contiene una quantità equilibrata di materia vegetale (frutta, foglie, rami, noci) e proteine animali (uova, invertebrati, piccoli animali e persino carcasse). I bonobo hanno una dieta molto simile a quella degli scimpanzé.
Cosa mangiano i gorilla?

Sebbene la scimmia sia comunemente rappresentata con una banana in mano, la verità è che questo preconcetto è molto lontano dalla realtà. L’alimentazione di questo ordine di mammiferi non è altro che un riflesso della loro incredibile diversità e complessità di abitudini.

Potrebbe interessarti ...
Alcune scimmie adottano un piccolo ferito di un altro gruppo
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Alcune scimmie adottano un piccolo ferito di un altro gruppo

Alcuni video virali su internet sembrano farci credere che le scimmie adottano spesso altri animali. In realtà è tutt'altro che comune.



  • Hemingway, C. A., & Bynum, N. (2005). The influence of seasonality on primate diet and ranging. Cambridge studies in biological and evolutionary anthropology44, 57.
  • Brugiere, D., Gautier, J. P., Moungazi, A., & Gautier-Hion, A. (2002). Primate diet and biomass in relation to vegetation composition and fruiting phenology in a rain forest in Gabon. International Journal of Primatology23(5), 999-1024.
  • Morrogh-Bernard, H. C., Husson, S. J., Knott, C. D., Wich, S. A., van Schaik, C. P., van Noordwijk, M. A., … & bin Sakong, R. (2009). Orangutan activity budgets and diet. Orangutans: Geographic variation in behavioral ecology and conservation, 119-133.