Come curare le ferite ai polpastrelli dei cani

20 Dicembre 2018
Sebbene la cosa migliore sia prevenire le lesioni, se osservate tracce di sangue o qualsiasi altro segno di lesione è fondamentale ricorrere a un trattamento.

Le ferite ai polpastrelli dei cani possono essere dovute a traumatismi, bruciature o erosione. Immaginate di camminare sempre scalzi, senza scarpe né calzini, in giro per strada… Dovreste curare particolarmente i vostri piedi!

Lo stesso succede con gli animali in generale e con i cani in particolare. In questo articolo vi spiegheremo come curare le ferite ai polpastrelli nei cani.

Perché i cani si feriscono i polpastrelli?

Molti proprietari si preoccupano delle condizioni e della salute delle zampe del proprio animale, chiedendosi anche da cosa possono derivare le ferite ai polpastrelli.

Sebbene la cosa migliore sia prevenire le lesioni, se osservate tracce di sangue o qualsiasi altro segno di lesione è fondamentale ricorrere a un trattamento.

Per farlo, bisogna innanzitutto scoprire qualcosa in più sui polpastrelli dei cani, che svolgono più o meno la funzione delle nostre scarpe. 

Questa è infatti la parte del corpo che entra in contatto con diverse superfici e aiuta a prevenire problemi ossei o articolari, ammortizzando i passi e aiutando il cane a camminare con maggior leggerezza.

Nonostante sia una zona resistente, può subire danni facilmente. Le ferite sui polpastrelli sono più frequenti di quel che crediamo, poiché molto spesso l’animale non percepisce questo pericolo e non si rende conto che può farsi del male.

Polpastrelli dei cani

Le lesioni ai polpastrelli dei cani possono essere così raggruppate:

1. Ferite ai polpastrelli per erosione

Si verificano in tutti gli animali a causa del consumo della pianta dei piedi, soprattutto per il contatto con il cemento o altre superfici dure.

Inoltre, sia l’eccesso che la mancanza di esercizio possono provocare questo tipo di lesione. Sebbene non siano gravi, sono i casi di lesione ai polpastrelli più frequenti.

2. Ferite ai polpastrelli per bruciatura

Quando fa molto caldo e c’è il sole è raccomandabile non portare a spasso il cane. Oltre al problema della disidratazione (che può colpire soprattutto razze brachicefale o animali obesi) i polpastrelli possono bruciarsi al contatto con l’asfalto bollente.

La stessa cosa succede quando fa freddo e nevica, o quando il cane cammina su superfici congelate.

Anche con le razze adatte a queste condizioni climatiche, come l’Alaskan Malamute o l’Husky, bisogna fare molta attenzione quando camminano su superfici innevate.

3. Ferite ai polpastrelli dovute a traumatismi

Questo gruppo include le lesioni provocate da oggetti appuntiti o pericolosi che possono conficcarsi nella zampa dell’animale: bastoncini, rami, metallo, pezzi di vetro e via dicendo.

Questo tipo di traumatismi comporta ferite di maggior considerazione, che possono far sanguinare l’animale e fargli molto male. Se non vengono trattate per tempo, possono generare infezioni.

Come trattare le ferite ai polpastrelli

È molto importante evitare qualsiasi situazione che possa generare una ferita ai polpastrelli del vostro cane, ma se questo accade bisogna saper trattare il problema.

Nel caso di una lesione lieve si possono mettere in atto rimedi casalinghi, ma se si tratta di un traumatismo o se l’animale non riesce a camminare per il dolore, sarà meglio portarlo da un veterinario.

Polpastrelli feriti

Una volta identificato il tipo di ferita o se vi siete accorti che i polpastrelli si sono induriti o screpolati, i punti da seguire sono:

1. Lavare con acqua pulita

Molte volte è meglio pulire il polpastrello per evitare maggiori inconvenienti. Fate sdraiare il vostro cane di lato e lavate le sue zampe con acqua tiepida, per rimuovere le impurità e favorire la cicatrizzazione. Questo procedimento servirà anche per calmare l’animale in caso di bruciature e per farlo rilassare.

2. Tagliate i peli intorno alla zona

Anche se i peli funzionano da “protezione” contro i corpi estranei che potrebbero conficcarsi nei polpastrelli, nel caso di ferite possono favorire le infezioni.

Una volta pulita la zona, pertanto, è raccomandabile tagliare i peli di troppo onde evitare che si accumuli maggiore sporcizia.

3. Lavate con acqua ossigenata

Non appena la zona è pulita e rasata, se trovate una ferita anche superficiale, è importante disinfettarla con dell’acqua ossigenata.

Inumidite una garza e passatela delicatamente sulla zona: non farà male all’animale e non comporta effetti collaterali.

4. Somministrate medicinali adatti

Potete domandare al veterinario se è il caso di proseguire con altri medicamenti, come lo iodio diluito o la clorexidina digluconato per uso animale. Sono disponibili in spray e si applicano facilmente.

Nel caso di lesioni dovute a bruciature, esistono creme o gel per decongestionare l’area. Potreste anche bendare i polpastrelli per non spargere il medicinale una volta applicato.

Non trascurate le ferite ai polpastrelli del vostro cane: possono rivelarsi molto dolorose e impedirgli di camminare bene.