Displasia dell’anca nel cane e cure

25 Luglio 2019
La displasia dell'anca nel cane è una malattia genetica, ma è relazionata anche ad altri fattori come l'età e il sovrappeso. 

Di certo avrete già sentito parlare della displasia dell’anca nel cane. Ma sapete davvero di cosa si tratta, quali sono le sue cause e quali i trattamenti più indicati? Se volete sapere di più su questa malattia, in questo articolo trovate tutti i dettagli.

Cos’è la displasia dell’anca nel cane?

Parliamo di una malattia che colpisce l’anca e le sue articolazioni. Si produce in seguito all’unione difettosa della testa del femore con la sua cavità corrispondente nell’anca. Quando ciò si verifica, i tessuti si degradano e il cane inizia ad avvertire malessere quando cammina, cosa che lo porta a zoppicare.

La displasia dell’anca nel cane è solita comparire a 4 o 5 mesi di età e tende a peggiorare con il tempo, a mano a mano che il bacino cresce. Esistono diversi gradi di displasia, che secondo la Orthopedic Foundation for Animals (OFA) variano in quanto a diagnosi e trattamento.

Cause principali

Non ci sono dubbi sull’esistenza di un fattore genetico alla base di questa patologia. Ve ne sono, però, anche altri; per esempio:

  • Alimentazione scorretta: mancanza di nutrienti o eccesso di proteine.
  • Sovrappeso.
  • Esercizio fisico o carente.
  • Taglia: è molto più frequente nei cani di taglia media e grande.
  • Razze di cani specifiche: vi sono certe razze, come il Pastore Tedesco, il Mastino Napoletano o il Golden Retriever, che presentano una maggiore predisposizione a soffrire di questa malattia.

Cane nel prato

Come si diagnostica la displasia dell’anca nel cane?

Vi sono determinati sintomi che possono indicare la displasia dell’anca nel cane. Tra questi, i più frequenti sono un’evidente zoppia, difficoltà ad alzarsi o persino a stare in piedi. Se osserviamo uno di questi sintomi, dobbiamo rivolgerci al veterinario, che sicuramente realizzerà una radiografia per confermare la patologia.

Trattamenti e cure

Come già esposto, esistono diversi trattamenti in funzione del grado di sviluppo della malattia. In genere, la maggior parte dei trattamenti sono rivolti a ridurre gli effetti o a palliare i futuri sintomi.

Nonostante tutto, la chiave del successo di molti trattamenti risiede in una diagnosi precoce: sarà più facile trattare la malattia se viene rilevata il prima possibile.

In linea di massima, possiamo parlare di un trattamento preventivo o conservatore, che include la fisioterapia canina, l’uso di sedie a rotelle o di supporti per l’anca. Questi dispositivi sono muniti di meccanismi che stabilizzano l’anca e al tempo stesso evitano l’atrofia stimolando l’attività muscolare della zona articolare interessata.

Cane con sedia a rotelle

Esiste, inoltre, un trattamento che potremmo denominare come medico o farmacologico, particolarmente indicato per gli animali anziani che presentano displasia in stato avanzato e per i quali il rischio di intervento chirurgico è maggiore.

In questi casi, si somministrano degli antinfiammatori per ridurre il dolore. È frequente combinare questi farmaci con i condroprotettori, integratori alimentari che favoriscono l’idratazione della cartilagine e ritardano la comparsa di diversi sintomi.

Infine, si può ricorrere anche al trattamento chirurgico, che prevede diverse procedure destinate a migliorare la zona colpita.

Un’opzione altrettanto valida può essere la sostituzione totale dell’articolazione con una protesi dell’anca. Questa opzione è definitiva, ma è anche quella che presenta costi più elevati.

Come raccomandiamo sempre, le decisioni relative alla diagnosi e un possibile trattamento devono essere valutati dal veterinario di fiducia.

Tra le cure che noi possiamo offrire in caso di displasia dell’anca nel cane, la più importante è vigilare il peso dell’animale con una dieta controllata al fine di evitare di caricare troppo le articolazioni in questione.

Dobbiamo controllare anche l’attività fisica, che deve essere moderata e regolare nel tempo. Grazie a questi consigli, forse non riusciremo a debellare la malattia, ma aiuteremo i nostri cani a vivere meglio, nonostante tutto.

  • Witsberger, T. H., Villamil, J. A., Schultz, L. G., Hahn, A. W., & Cook, J. L. (2008). Prevalence of and risk factors for hip dysplasia and cranial cruciate ligament deficiency in dogs. Journal of the American Veterinary Medical Association232(12), 1818-1824.

 

  • Morgan, J. P., Wind, A., Davidson, A. P., & Audell, L. (2000). Hereditary bone and joint diseases in the dog: osteochondroses, hip dysplasia, elbow dysplasia. Schlütersche.

 

  • Leighton, E. A. (1997). Genetics of canine hip dysplasia. Journal of the American Veterinary Medical Association210(10), 1474-1479.