Effetti degli squilibri elettrolitici negli animali domestici

Spesso non sappiamo perché una malattia del nostro animale che a priori non sembrava così problematica, improvvisamente peggiora. A volte la causa possono essere gli squilibri elettrolitici.
Effetti degli squilibri elettrolitici negli animali domestici

Ultimo aggiornamento: 11 maggio, 2021

Gli squilibri elettrolitici negli animali indicano che c’è qualcosa che non va nel corpo. Di solito sono accompagnati dai sintomi della maggior parte delle malattie o ne sono una conseguenza diretta.

A volte questi squilibri innescano complicazioni e aggravano le condizioni dell’animale. Pertanto, sapere come misurare i loro livelli e rilevare la perdita di equilibrio è essenziale per gli animali malati. Molte volte, questo parametro fornisce dei preziosi indizi ai veterinari quando si effettua una diagnosi o si decide un trattamento.

Il problema è che i parametri possono cambiare inaspettatamente con il progredire della malattia. Pertanto, è essenziale che i proprietari sappiano in modo che possano misurarli a casa. Vediamo insieme quali sono i principali effetti degli squilibri elettrolitici negli animali domestici.

Principali squilibri elettrolitici negli animali ed effetti sulla salute

Successivamente, parleremo dell’importanza fisiologica e clinica dei cambiamenti nei seguenti elettroliti: sodio, potassio, cloro, calcio e magnesio.

Effetti delle variazioni di sodio

Il sodio è una parte essenziale dell’equilibrio osmotico tra le cellule e il fluido extracellulare in cui si trova. La regolazione della concentrazione di sodio nel corpo influenza direttamente l’equilibrio idrico del corpo. I reni sono gli organi in cui questo rapporto sodio-acqua diventa efficace.

Per mantenere in equilibrio la quantità di acqua – e sodio – che il corpo dell’animale elimina, sono necessari una serie di meccanismi ormonali. L’ormone antidiuretico —vasopressina—, aumentando, stimola la sete dell’animale per ristabilire l’aumento dell’acqua all’interno del corpo.

  • Ipernatriemia

Il termine ipernatriemia indica un eccesso nella concentrazione di sodio nel sangue. Ciò può accadere o perché c’è davvero un eccesso di questa componente nel fluido extracellulare o perché c’è un deficit di acqua e l’equilibrio subisce una variazione.

Un animale disidratato può mostrare i sintomi legati all’eccesso di sodio, per non parlare di un animale domestico che consuma del cibo – o qualsiasi altro alimento inadeguato – ricco di sale.

Test squilibrio elettrolitico

Gli squilibri elettrolitici possono essere gravi per la salute ​​degli animali domestici.

  • Iponatriemia

Qui troviamo il caso opposto, una riduzione del sodio nel sangue. È un disturbo clinico comune ed è spesso accompagnato da edema, noto comunemente come “ritenzione idrica”. Le malattie renali o epatiche e l’insufficienza cardiaca spesso si presentano con questo fastidioso sintomo.

Squilibri elettrolitici: effetti delle variazioni del potassio

Il potassio è l’altra faccia della medaglia, lo ione opposto al sodio, per così dire. Se il sodio è abbondante nel fluido extracellulare, il potassio si trova all’interno della cellula. Insieme regolano la suddetta osmosi. Il potassio in eccesso viene escreto attraverso le urine e l’aldosterone è il principale ormone che ne influenza l’eliminazione.

  • Iperkaliemia

Come abbiamo già detto, il potassio si trova, per la maggior parte, all’interno delle cellule. Pertanto, l’aumento della sua concentrazione nel sangue è un sintomo di squilibrio fisiologico nell’animale.

Livelli di potassio molto elevati, infatti, costituiscono un’emergenza veterinaria a causa del rischio di insufficienza cardiaca. Dobbiamo tenere sotto controllo le malattie che riducono l’escrezione di questo ione nelle urine, come nel caso del morbo di Addison.

  • Ipopotassiemia

L’ipopotassiemia va spesso di pari passo con l’ipernatriemia. Per questo motivo deve essere sempre tenuta sotto controllo, soprattutto in caso di disidratazione, diarrea abbondante e uso di lassativi, tra le altre malattie.

Effetti delle variazioni di cloro

Il cloro accompagna il sodio come ione extracellulare e i suoi livelli ematici tendono a cambiare in modo simile. In effetti, il trattamento degli squilibri di sodio risolve gli squilibri del cloro in molti casi.

Il cloro e i cloruri nel sangue svolgono un ruolo molto importante nel mantenimento dell’equilibrio acido-base. Questo equilibrio acido-base è l’insieme dei processi attraverso i quali il corpo mantiene il suo pH stabile. Senza questa costante, il corpo dell’animale risulta destabilizzato e i problemi peggiorano.

Squilibri elettrolitici: effetti delle variazioni del calcio

Il calcio è importante sia all’interno che all’esterno delle cellule, oltre ad essere una componente fondamentale dello scheletro. Questo elettrolita viene consumato attraverso una dieta equilibrata e, in caso di eccesso, viene eliminato attraverso l’urina. Ci sono tre meccanismi ormonali coinvolti nell’equilibrio del calcio:

  • Ormone paratiroideo e calcitrolo, che aumentano il calcio nel sangue riducendone l’eliminazione a livello renale e migliorandone l’arrivo nelle ossa.
  • Calcitonina, contrariamente alle precedenti, inibisce l’ingresso del calcio nelle ossa.

L’aumento o la diminuzione del calcio in eccesso nel sangue – rispettivamente ipercalcemia o ipocalcemia – può far alterare gravemente il ritmo cardiaco dell’animale. Un animale con carenza di vitamina D o rachitismo soffre di mancanza di calcio, che minaccia l’integrità dello scheletro.

Gatto a cui stanno facendo una puntura.

Effetti delle variazioni di magnesio

Il magnesio viene misurato negli animali meno frequentemente rispetto agli altri elettroliti. Tuttavia, alcuni studi dimostrano che le sue anomalie sono presenti in un gran numero di cani e gatti gravemente malati.

Negli esseri umani, invece, l’ipomagnesemia è uno degli squilibri elettrolitici più comuni nei pazienti critici. Il magnesio svolge un ruolo importante in molti processi all’interno della cellula, inclusa la sintesi e la degradazione del DNA. È anche importante per il funzionamento del cuore.

Come abbiamo potuto constatare in questo articolo, sono molte le patologie che possono causare uno squilibrio elettrolitico negli animali domestici. Sebbene sia difficile diagnosticare questo quadro clinico da casa, i veterinari lo usano per conoscere la prognosi dell’animale prima di una malattia, tra molte altre cose.

Potrebbe interessarti ...
Quando bisogna portare il cane dal veterinario?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Quando bisogna portare il cane dal veterinario?

Prendersi cura dei propri animali domestici fa parte delle responsabilità di ogni buon padrone. Vediamo allora quando serve portare il cane dal vet...