Quanti stomaci hanno le mucche?

Spesso si sente dire che le mucche hanno 4 stomaci, ma in realtà si tratta di un solo stomaco diviso in 4 diverse camere. Questo perché ottenere tutti i nutrienti dall'erba è un compito complesso.
Quanti stomaci hanno le mucche?

Ultimo aggiornamento: 14 aprile, 2021

Sicuramente avrete sentito dire che le mucche hanno 4 stomaci, ma questo non è del tutto vero. In realtà questi mammiferi hanno un solo stomaco, suddiviso in 4 diverse camere. Ciò è dovuto al loro status di ruminanti.

I ruminanti sono animali con una dieta esclusivamente erbivora che si nutrono di steli, foglie, radici e altri componenti vegetali, costituiti da cellulosa. Per digerire questo tipo di cibo, ci vuole un apparato digerente complesso, che trasforma la cellulosa in nutrienti assimilabili per l’organismo.

La mucca non è l’unico ruminante, poiché questa denominazione comprende tutti gli animali il cui processo di alimentazione consiste nell’inghiottire rapidamente tutta l’erba e, dopo averla rigurgitata, masticarla nuovamente o ruminarla successivamente. Il toro, la capra, la pecora, il cervo, l’antilope, la renna, il bisonte, il daino e molti altri mammiferi sono animali ruminanti.

Le mucche hanno 4 stomaci?

La mucca non ha 4 stomaci, ma il suo stomaco è suddiviso in 4 diversi compartimenti: il rumine, il reticolo, l’omaso e l’abomaso. Lo stomaco più simile a quello umano è l’abomaso. Vi diciamo le particolarità di ogni segmento nelle righe seguenti.

Illustrazione dello stomaco della mucca.

Il rumine o pancia

È in comunicazione diretta con l’esofago. Insieme al reticolo e all’omaso, il rumine è considerato una sorta di pre-stomaco. Il cibo passa nel rumine dopo una prima masticazione e, in esso, avviene la fermentazione e l’assorbimento di alcuni nutrienti.

Il rumine estrae le sostanze nutritive dal cibo che gli altri animali non possono digerire grazie alla fermentazione. Per questo motivo le mucche possono mangiare e metabolizzare in modo efficiente cibi vegetali come steli, foglie, rivestimenti dei semi, bucce e molti altri di cui gli esseri umani non possono nutrirsi.

Dopo questa fermentazione, il cibo ritorna dal rumine alla bocca attraverso il reticolo. In bocca si schiaccia – ora più a fondo – e ritorna nel tubo digerente, per passare all’omaso e all’abomaso.

È il compartimento più grande di tutti: il rumine di una mucca adulta ha una capacità compresa tra 100 e 150 litri.

Il reticolo

È il secondo e compartimento e il più piccolo e si trova tra il diaframma e sullo sterno. È al di sotto del rumine e infatti non c’è molta separazione tra queste prime 2 sezioni dello stomaco della mucca. Contiene un fluido proveniente dall’esofago durante la deglutizione o dal rumine.

Omaso

È il terzo compartimento e si trova sul lato destro dell’addome, vicino al fegato da un lato e al rumine dall’altro. Contiene il cibo che viene quasi digerito prima di passare nell’abomaso e assorbe l’acqua in eccesso.

L’omaso funge da filtro gigante, che trattiene le particelle vegetali solide all’interno del rumine, mentre l’acqua scorre liberamente. Grazie a questo processo di filtraggio, i batteri hanno più tempo per digerire il contenuto del cibo.

Gli stomaci delle mucche: l’abomaso

Consiste nell’ultimo compartimento dell’apparato gastrico dei ruminanti come le mucche. È considerato il “vero stomaco” perché in esso avviene la digestione chimica, attraverso la secrezione di acido cloridrico e il rilascio degli enzimi pepsina e renina per abbattere il cibo.

Una volta che il cibo attraversa i compartimenti precedenti, l’abomaso raggiunge l’intestino, dove continua la digestione e, principalmente, ad assorbire i nutrienti.

Nei vitelli la digestione è leggermente diversa dalle mucche

Durante le prime settimane di vita dei vitelli, l’esofago comunica direttamente con l’abomaso, come se fosse l’apparato digerente di qualsiasi altro animale non ruminante. Questa caratteristica anatomica è nota come perdita esofagea.

Poiché i giovani non hanno un rumine ben sviluppato e durante i primi giorni di vita l’unico alimento che consumano è il latte materno, questo condotto impedisce che il cibo vada al rumine. Pertanto, non fermenta e non ci sono complicazioni digestive, come vomito, coliche, diarrea o gonfiore, tra gli altri problemi.

Muso di una mucca in primo piano.

L’inclinazione della testa durante l’allattamento è un aspetto che facilita il movimento di questo condotto. Una volta svezzato l’animale, questa struttura perde importanza.

Conclusioni: le mucche non hanno 4 stomaci

Dopo aver letto questo articolo, avrete sicuramente appreso che le mucche non hanno 4 stomaci, ma piuttosto una complessa struttura digestiva utile per assimilare in modo efficiente una grande quantità di cibo vegetale. La salute dell’apparato digerente dei bovini è molto importante e piccoli cambiamenti nella loro dieta possono comportare delle gravi complicazioni per la loro salute.

Potrebbe interessarti ...
Il rumine: un ecosistema microbico straordinario
I Miei AnimaliLeggilo in I Miei Animali
Il rumine: un ecosistema microbico straordinario

Il rumine è un vero e proprio ecosistema formato da una grande varietà di microrganismi. Scopriamo insieme come funziona.



  •  Adam I. Orr, Ph.D., PAS. Examinando la digestión de las vacas, 2020.
  • gr.es. El rumen
  • contextoganadero.com. Funciones de la gotera esofágica en los terneros, 2017.