Gluvia dorsalis: habitat e caratteristiche

La specie Gluvia dorsalis appartiene al gruppo dei ragni cammello, aracnidi molto difficili da avvistare negli habitat europei. È l'unico solifuge diffuso in Spagna, quindi vale la pena conoscerlo.
Gluvia dorsalis: habitat e caratteristiche
Samuel Sanchez

Scritto e verificato da il biologo Samuel Sanchez.

Ultimo aggiornamento: 26 dicembre, 2022

La biodiversità della penisola iberica è molto ampia, in quanto questa regione custodisce la più grande ricchezza biotica dell’Europa occidentale, con un totale di 60.000 specie diverse di animali. Esistono comunque alcuni ordini e famiglie molto poco rappresentati nell’ambiente mediterraneo, come i solifugi o i ragni cammello. Gluvia dorsalis è l’unica specie di questo gruppo tipica della Spagna.

I ragni cammello o solifugi (ordine Solifugae) sono un gruppo di aracnidi molto poco conosciuto, con solo 1.000 specie descritte distribuite in circa 153 generi. Molte delle peculiarità sulla loro ecologia e riproduzione non sono state registrate, ma sono comunque esseri affascinanti che non smettono mai di stupirci. Scoprite con noi il loro rappresentante europeo, Gluvia dorsalis.

Habitat della specie

Come abbiamo detto, Gluvia dorsalis è l’unica specie rappresentativa dell’ordine Solifugae che abita la penisola iberica. È un invertebrato di piccola taglia tipico delle zone semiaride ed è diffuso in Spagna e Portogallo, purché l’ambiente sia di tipo mediterraneo.

Sembra che si trovi in maggiore densità al centro e al sud della penisola, e che sia molto più rara (e addirittura assente) in luoghi con elevata umidità relativa. Per questo motivo non è distribuito nelle zone costiere settentrionali come la Galizia, le Asturie o la Cantabria.

Questa specie ha una predilezione per le zone sabbiose e aride, come le cave abbandonate o le zone aride costituite da arbusti bassi.

Caratteristiche fisiche

Prima di descrivere nello specifico la specie Gluvia dorsalis, ci sembra interessante rivedere brevemente la struttura generale di tutti i solifugi. Questi aracnidi hanno il corpo diviso in 2 sezioni o tagmi: un prosoma o cefalotorace (tagma anteriore) e un addome o opistosoma di 10 segmenti (tagma posteriore). Queste strutture non sono distintamente separate da un pedicello, come nel caso dei ragni.

Il prosoma contiene la testa, l’apparato digerente, la maggior parte delle strutture sensoriali, i pedipalpi e le zampe (4 paia). Nei solifugi i pedipalpi sono altamente modificati e proiettati in avanti, il che conferisce loro l’aspetto di un quinto paio di zampe. Questi vengono utilizzati per aggirare gli ostacoli, per la chemorecezione e per il corteggiamento.

La cosa più sorprendente dei solifugi è il loro paio di cheliceri cefalici, che a volte occupano quasi 1/3 della lunghezza totale dell’animale (sono più grandi del prosoma stesso). Queste strutture sono articolate in un segmento inferiore e un segmento superiore, pertanto ogni chelicero ha la funzione di una chela funzionale e ideale per disintegrare il cibo.

Da parte sua, Gluvia dorsalis è considerato un ragno cammello di medie dimensioni che raggiunge circa 3 centimetri di lunghezza nella sua fase adulta. Il suo prosoma e le estremità sono color rame, mentre l’addome è un po’ più scuro. Si distingue inoltre per avere molti peli lungo tutto il corpo, indispensabili per ricevere stimoli.

Esistono specie molto più grandi di ragni cammello che raggiungono facilmente i 12 centimetri di lunghezza.

Un esemplare di Gluvia dorsalis su sfondo bianco.

Comportamento della specie Gluvia dorsalis

Come accennato nelle righe precedenti, si sa molto poco sull’ecologia della maggior parte dei solifugi. In ogni caso, è stato possibile registrare che sono animali notturni, anche se hanno una visione sorprendentemente sofisticata, nonostante la natura basilare del loro apparato oculare. Fuggono dalle fonti di luce forte come il Sole, da cui il loro nome comune.

Secondo studi recenti, Gluvia dorsalis predilige i campi aperti con poca vegetazione, quindi è più abbondante in ecosistemi come pseudosteppe e campi coltivati. Gli esemplari adulti sono attivi durante la notte alla ricerca di cibo da maggio a novembre, ma quando arriva l’inverno tornano nelle loro tane per andare in letargo.

Questi artropodi sono molto veloci ed è comune vederli correre da un luogo all’altro nelle zone sabbiose. Gli piace anche scavare superficialmente e creare nuovi luoghi di riposo, soprattutto tra le 22:00 e le 24:00 di notte.

L’attività di Gluvia dorsalis è correlata negativamente alle precipitazioni e positivamente alla temperatura. Ciò significa che, più fa caldo e meno fa umido, più uscirà in cerca di cibo.

È una specie velenosa?

A questo punto, va specificato che né Gluvia dorsalis né alcun altro solifugo secernono veleno. I loro cheliceri sono molto forti e può essere sgradevole venire morsi, ma queste strutture non sono collegate a ghiandole che producono tossine. Pertanto, questa particolare specie è assolutamente innocua per l’uomo.

Dieta della specie Gluvia dorsalis

Da aracnidi quali sono, tutti i solifugi adottano una dieta di tipo strettamente carnivoro. Tuttavia, a causa delle sue piccole dimensioni, Gluvia dorsalis può accedere solo a determinate prede: formiche (42% della sua dieta), isopodi o cocciniglie (32%) e coleotteri (10%).

Per catturare la loro preda, i ragni cammello fanno affidamento sulla loro velocità e i forti cheliceri, poiché non hanno alcun metodo specifico di appostamento o immobilizzazione che ne facilitino la caccia. In ogni caso, osano affrontare prede quasi della loro taglia (2-2,5 centimetri).

Riproduzione

L’aspetto meno studiato finora dei ragni cammello è il loro metodo di riproduzione. È noto che sono aracnidi ovipari, che presentano un corteggiamento abbastanza aggressivo e che la fecondazione avviene attraverso la trasmissione di uno spermatoforo dal maschio alla femmina. Nella specie Gluvia dorsalis l’accoppiamento avviene solo una volta all’anno, nel mese di giugno.

Una volta fecondata, la femmina si nasconde sottoterra nella sua tana e depone in media 84 uova (da 47 a 163). Sfortunatamente, muore di stanchezza 9 giorni dopo l’ovideposizione. Le larve nascono dopo circa 56 giorni e trascorrono circa 17 giorni in una forma che non si nutre fino a quando non mutano di nuovo per diventare individui giovani.

Gluvia dorsalis è una specie biennale, cioè vive in media solo 2 anni.

Questa specie è l’esempio vivente che dobbiamo prestare molta più attenzione agli invertebrati endemici dei Paesi europei, dal momento che si sa molto poco della Gluvia dorsalis nonostante il fascino esercitato dai solifugi in generale. Senza dubbio, dobbiamo preservare e ammirare tutti gli esseri che ci circondano, ma soprattutto quelli che si possono trovare più vicino a noi.

Potrebbe interessarti ...
Di cosa è fatta la seta di ragno?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Di cosa è fatta la seta di ragno?

La seta di ragno ha più usi di quanto si possa immaginare. Sapete di cosa è fatta? Sapevate che previene il cannibalismo? Scopriamolo!



  • Hrušková-Martišová, M., Pekár, S., & Cardoso, P. (2010). Natural history of the Iberian solifuge Gluvia dorsalis (Solifuges: Daesiidae). The Journal of Arachnology, 38(3), 466-474.
  • González-Moliné, A. L., Melic, A., & Barrientos, J. A. (2008). IBÉRICO GLUVIA DORSALIS (LATREILLE, 1817)(SOLIFUGAE: DAESIIDAE). Boletin Sociedad Entomológica Aragonesa, 1(42), 385-395.
  • Rambla, M., & Barrientos, J. A. (1986). New data about Gluvia dorsalis (Latreille, 1817)(Solifugae, Daesidae).

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.