I mustelidi: animali dalla pregiata pelliccia, ma dall'odore sgradevole

Molte specie animali provocano un sentimento ambivalente negli esseri umani. Da un lato, la loro bellezza e la possibilità di farne uso. E d'altra parte, la fisiologia, che non sempre è apprezzata quando si tratta di animali domestici. È questo il caso dei mustelidi?
I mustelidi: animali dalla pregiata pelliccia, ma dall'odore sgradevole

Ultimo aggiornamento: 18 agosto, 2022

Esiste un gruppo di piccoli animali molto attivi, la maggior parte dei quali carnivori o spazzini. Si tratta dei mustelidi, riconosciuti e cacciati da generazioni per via della loro folta e fine pelliccia. Tuttavia, disdegnati poiché dotati di ghiandole che emanano un odore pungente.

I mustelidi più ambiti per la loro pelliccia

All’interno della famiglia dei Mustelidi si possono distinguere tre tipi di animali:

  • Quelli con la pianta dei piedi nuda, come il tasso.
  • Gli esemplari con la pianta dei piedi pelosa, come la martora.
  • Quelli con le zampe palmate, come la lontra.

Il visone americano

Neovison vison è un parente stretto della donnola, ma a differenza della donnola, è molto ambito dall’industria della pelliccia. Scava le sue tane vicino all’acqua, dove si nutre di pesci, rane, rettili e roditori. A volte attacca gli uccelli se ha molta fame, ma a differenza della donnola e della faina, uccide solo se necessario.

La sua pelle diventa bianca in inverno, come quella dell’ermellino, conferendogli un pregio ancora maggiore.

Visone americano in piedi.

Originario del Nord America, la sua area di distribuzione naturale corrisponde alla maggior parte degli Stati Uniti e del Canada. Il problema deriva dal fatto che è stato importato dagli allevamenti di pellicce nel resto dell’emisfero settentrionale. Molti esemplari sono riusciti a fuggire da questi poderi, introducendosi negli habitat naturali.

La sua presenza in Europa è indesiderabile, poiché soppianta specie autoctone di mustelidi, già gravemente minacciate, come il visone europeo.

L’ermellino

Mustela erminea è sempre stata una specie molto ambita anche per via della sua pelliccia morbida e di alta qualità, con la quale venivano realizzati cappotti. Al giorno d’oggi, la pelliccia di visone da fattoria ha in gran parte sostituito la pelliccia di ermellino.

In estate, la sua pelliccia è grigia o marrone sul dorso e biancastra sul petto e sul ventre. In inverno, in montagna e nelle regioni più fredde, diventa completamente bianco per mimetizzarsi. Ma l’estremità della lunga coda rimane di colore nero, caratteristica che lo rende più semplice da identificare.

Ermellino: uno dei mustelidi più ambiti

Martora

Martes martes è una specie comune in quasi tutta l’Europa, così come in alcune zone del Medio Oriente. È caratterizzata dall’avere una pelliccia spessa e morbida di colore marrone scuro su quasi tutto il corpo, ad eccezione della parte inferiore del collo e del ventre. In queste zone la sua pelliccia è di color crema giallastro, motivo per cui la sua pelle è così apprezzata.

Lo zibellino, Martes zibellina, è una sottospecie della martora comune che attualmente è più diffusa nel continente asiatico. È una delle specie più pregiate nell’ambito della pelletteria, in particolare quando la sua pelliccia è nera.

martora

La pelliccia di zibellino di colore nero più puro viene chiamata “diamante nero”.

Perché i mustelidi non sono riusciti a conquistarsi la simpatia degli umani?

Ciò è probabilmente dovuto ai rappresentanti più “puzzolenti” di questa famiglia: le puzzole. Ad esempio, la moffetta striata, Mephitis mephitis, si distingue per la sua coda bella e folta. Ma sotto di questa si trova la sua più grande arma difensiva: le ghiandole anali più sviluppate di tutta la famiglia dei mustelidi. Grazie ad esse riesce ad espellere un liquido maleodorante, dall’odore pungente che si percepisce in un raggio di anche più di un chilometro.

Il suo odore è così forte che permea gli oggetti che raggiunge per diverse settimane. E se arriva agli occhi, è in grado di provocare cecità temporanea nell’uomo.

La puzzola maculata, Spilogale pygmaea, invece, è molto abile nel lanciare il suo liquido maleodorante. Forma una specie di linea verticale, appoggiata sugli arti anteriori, e spruzza il liquido sul suo avversario.

Nonostante la riluttanza, li abbiamo resi animali domestici

Avere un furetto come animale domestico

Il furetto, Mustela putorius furo, è una sottospecie della puzzola selvatica che è stata addomesticata migliaia di anni fa. All’inizio veniva usato per cacciare i conigli senza usare armi. Nel corso degli anni è diventato un animale domestico. E in questo caso, il cattivo odore emesso dalle sue ghiandole non è risultato essere un impedimento.

Potrebbe interessarti ...
Il furetto e il suo comportamento
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il furetto e il suo comportamento

Il furetto è entrato nelle nostre case poco tempo fa e si distingue per le sue piccole dimensioni, per essere molto socievole e divertente.