I pappagalli possono mangiare la carne?

I pappagalli possono mangiare carne o questo tipo di alimentazione non è adatto a loro? Ecco quello che dovreste sapere su questo argomento.
I pappagalli possono mangiare la carne?

Ultimo aggiornamento: 29 settembre, 2021

Sebbene i pappagalli siano onnivori, i loro sistemi digestivi non elaborano bene i cibi animali, quindi non possono mangiare carne. Le proteine di cui hanno bisogno vengono estratte da alimenti vegetali (come i legumi), quindi non hanno bisogno di ricorrere alla caccia di altri esseri viventi.

Essendo animali che non hanno subito un processo di addomesticamento, averli in casa implica dover emulare il più fedelmente possibile le loro condizioni di vita e la loro alimentazione in natura. Di seguito sono riportate le considerazioni sulla dieta dei pappagalli a questo proposito, nonché i motivi per cui non possono mangiare carne. Non lasciatevelo sfuggire!

Perché il pappagallo non può mangiare la carne?

Come detto nell’introduzione, i pappagalli hanno una dieta di tipo onnivoro. Tuttavia, in natura non sono cacciatori, ma opportunisti: la maggior parte della loro giornata consiste nel cercare cibo tra i rami degli alberi, al riparo dai predatori. Se assumono proteine animali, proverranno da un insetto o da un altro invertebrato.

Pertanto, il consumo di carne (così come quello di altri prodotti di origine animale) può causare danni all’organismo dei pappagalli. Alcuni dei pericoli di questa pratica sono i seguenti:

  1. La carne contiene troppi grassi saturi e colesterolo per un pappagallo. Se questo cibo viene somministrato all’animale, possono insorgere problemi al cuore e al fegato (come il fegato grasso).
  2. Un eccesso di proteine nella dieta del pappagallo può portare a problemi ai reni.
  3. La carne cruda può trasportare una varietà di agenti patogeni interni e parassiti, come il toxoplasma gondii.
Beccare gli uccelli è comune.

Alimentazione dei pappagalli selvatici

Le abitudini opportunistiche degli uccelli esotici selvatici rendono la loro dieta altamente determinata dalla disponibilità di cibo nel loro ambiente. Ecco perché la loro dieta non è affatto regolamentata e, sebbene non sia la norma, possono verificarsi squilibri nutrizionali anche in natura.

L’elenco degli alimenti più comuni consumati dai pappagalli selvatici è il seguente:

  • Frutta di alberi.
  • Bacche e noci.
  • Foglie di alberi e cespugli.
  • Semi trovati sul terreno.
  • Corteccia di alberi.
  • Di tanto in tanto, insetti che gli capitano vicini.

Come potete vedere, i pappagalli non hanno bisogno di mangiare carne per rimanere in salute quando vivono allo stato brado. In cattività è esattamente lo stesso, ma può verificarsi uno squilibrio nutrizionale se la loro dieta naturale non viene imitata adeguatamente.

Per fare ciò, ecco alcune linee guida generali sull’alimentazione dei pappagalli. Va notato che la dieta specifica di ciascuno di loro dipenderà dalla specie, dallo stato di salute e dall’esemplare, quindi consultare uno specialista sarà la cosa migliore.

Come nutrire un pappagallo domestico?

Controllare l’alimentazione di un pappagallo domestico è essenziale per evitare problemi di salute. Non è solo una questione nutrizionale, poiché questi uccelli sono molto selettivi riguardo al cibo e sceglieranno sempre il più appetitoso, quindi la scelta della loro dieta è anche una questione di educazione.

Ci sono 2 modi principali per nutrire i pappagalli domestici evitando di fargli mangiare carne: la dieta casalinga e i mangimi estrusi. Nelle prossime righe, vi diremo nel dettaglio in cosa consiste ciascuna scelta nutrizionale.

Cibo fatto in casa

Questo sistema mira a imitare l’alimentazione del pappagallo in natura, in modo che acquisisca tutti i nutrienti di cui ha bisogno anche se non mangia lo stesso cibo che otterrebbe nel suo ambiente naturale. Questa dieta consiste in quanto segue:

  1. Miscela di semi: dovrebbe costituire circa il 60% del cibo totale che mangia l’uccello a fine giornata. Un buon mix contiene un minimo di 10-12 semi diversi, mentre i semi di girasole dovrebbero essere riservati come premio.
  2. Frutta, legumi e verdura: il restante 40% del menù sarà composto da macedonia, legumi in ammollo e verdure fresche. Scoprite quali verdure può consumare il vostro pappagallo, poiché alcune di esse possono essere tossiche.
  3. Noci: forniscono minerali e grassi vegetali che sono benefici per il vostro pappagallo, ma devono essere somministrati come premio e occasionalmente.

La cosa migliore da fare è suddividere questa dieta in 2 assunzioni, una al mattino e una al pomeriggio. In questo modo vengono imitate le abitudini dei pappagalli selvatici, che di solito si nutrono di prima mattina e prima del tramonto.

Mangime misto

Un altro modo per offrire un’alimentazione equilibrata al nostro animale è attraverso il mangime estruso. Questi sono commercializzati sotto forma di pellet e contengono tutti i nutrienti necessari per l’uccello.

I mangimi sono particolarmente utili per gli uccelli molto selettivi quando si tratta di nutrirsi, ma alcuni di loro richiedono tempo per abituarsi e all’inizio li rifiutano. Costituiscono inoltre un metodo più comodo per il padrone di controllare l’alimentazione del pappagallo.

Nonostante i produttori lo presentino come unico alimento, è bene integrare il mangime con frutta, verdura e legumi. Inoltre, nella stagione della muta o della riproduzione, in caso di necessità si possono dare integratori vitaminici.

I pappagalli possono mangiare le uova?

La dieta degli animali che vivono con noi (non solo quella dei pappagalli) è fondamentale per risolvere e prevenire problemi di salute e risparmiare sulle visite dal veterinario. Nel caso delle specie esotiche occorre prestare particolare attenzione, in quanto non sono fatte per vivere in cattività e soffrono molto più facilmente di squilibri.

Potrebbe interessarti ...
8 curiosità sull’ara giacinto, il pappagallo blu cobalto
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
8 curiosità sull’ara giacinto, il pappagallo blu cobalto

L'ara giacinto è un uccello molto intelligente, una specie che si distingue per avere dei tratti molto caratteristici, come le piume cobalto.



  • Galetti, M. (1993). Diet of the scaly-headed parrot (Pionus maximiliani) in a semideciduous forest in southeastern Brazil. Biotropica, 419-425.
  • Ragusa-Netto, J., & Fecchio, A. (2006). Plant food resources and the diet of a parrot community in a gallery forest of the southern Pantanal (Brazil). Brazilian Journal of Biology66, 1021-1032.
  • Brightsmith, D. J. (2012). Nutritional levels of diets fed to captive Amazon parrots: does mixing seed, produce, and pellets provide a healthy diet?. Journal of avian medicine and surgery26(3), 149-160.