Il comportamento dello struzzo

Questi uccelli sono poco conosciuti al di fuori dell'industria delle piume e delle uova. Tuttavia, il comportamento dello struzzo in natura può essere davvero interessante.
Il comportamento dello struzzo

Ultimo aggiornamento: 03 luglio, 2021

Di tutti gli uccelli terrestri, questo non solo si distingue per le sue dimensioni, ma il comportamento dello struzzo è anche ricco di dettagli curiosi. Le piccole dimensioni del suo cervello – più piccole di quelle dei suoi occhi – gli hanno fatto guadagnare la reputazione di essere poco intelligente. Si tratta comunque di un animale che si è adattato perfettamente al suo ambiente.

Se vuoi conoscerlo un po’ meglio, sei nel posto giusto. Come ogni altra specie, man mano che si approfondisce sul suo conto, suscita sempre più simpatia.

Le caratteristiche dello struzzo

Gli struzzi (Struthio Camelus) appartengono all’ordine Struthiniformes e alla famiglia Struthionidae. Quest’ultimo raggruppamento è composto da diversi generi e specie ormai estinti, poiché lo Struthio è l’unico genere sopravvissuto fino ad oggi. Attualmente esistono infatti solo 2 specie di struzzi: Struthio Camelus o struzzo comune, e Struthio Molybdophanes o struzzo somalo.

Può raggiungere quasi 3 metri di altezza e 150 chili di peso, il che lo rende il più grande uccello incapace di volare al mondo. La sua dieta è erbivora e si compone principalmente di erbe, steli duri, semi, fiori e frutti. Nonostante ciò, consuma occasionalmente anche carogne, insetti e piccoli vertebrati. Inoltre, gli capita di divorare anche pietre e altre sostanze dure per favorire la digestione.

Fino alla metà del XX secolo, gli struzzi venivano sfruttati nelle fattorie dell’Asia sudoccidentale, della penisola arabica e dell’Africa. Quando il mercato delle loro penne è stato svalutato, c’è stata una carneficina che ha portato alla situazione attuale: gli struzzi si trovano solo nell’Africa sub-sahariana e in parte del Sudafrica. 

Conosci il comportamento degli struzzi?

Il carattere dello struzzo

La natura degli struzzi è spaventosa, poiché le loro grandi dimensioni li tengono al sicuro da piccoli predatori, ma non da altri come leoni, ghepardi o iene. In queste occasioni, il loro primo istinto è quello di correre, ma se messi all’angolo possono dare calci e beccate davvero pericolosi. 

Una curiosità: agli struzzi piace molto fare il bagno. Ogni volta che ne hanno la possibilità, sguazzano.

Sono animali gregari che vivono in gruppi fino a 50 esemplari, in cui vi è un maschio e una femmina dominanti. Dopo la stagione riproduttiva, possono emergere piccoli sottogruppi che alla fine si separano e diventano un’altra famiglia indipendente.

Il comportamento dello struzzo

Sebbene possa essere pericoloso in combattimento, nel comportamento dello struzzo c’è più attrazione per la fuga che per la lotta. Una delle più curiose è quella di restare attaccati al suolo, con il collo e la testa distesi in superficie. Questo è ciò che viene comunemente confuso con “seppellire la testa sottoterra”.

Gli struzzi attuano questo comportamento quando notano un predatore in lontananza, per mimetizzarsi, come se fossero un cumulo di sabbia. È anche usato come segno di sottomissione a un altro struzzo dominante.

Gli struzzi in realtà non mettono la testa sottoterra. Si limitano a non dare nell’occhio.

Corteggiamento e accoppiamento

Durante la stagione degli amori, il maschio e la femmina dominanti si accoppieranno. Il resto dei maschi dovrà competere per le femmine riproduttive, mettendo in atto diversi comportamenti di esibizionismo. Vediamo quali.

Il corteggiamento avviene attraverso una danza in cui il maschio assume una posizione bassa e allarga le ali, per poi dondolarle e scuoterle. Il tutto accompagnato da vocalizzazioni di corteggiamento simili a fischi.

Da parte loro, le femmine rimaste disponibili iniziano a sbattere le ali verso il suolo e chinano il capo. Se il corteggiamento ha successo, la femmina si sdraia a terra e il maschio si arrampica in cima per l’accoppiamento.

Comportamento riproduttivo

Dopo la fase di accoppiamento, le femmine costruiscono un unico nido, in cui la dominante deporrà le uova al centro – posizione privilegiata contro gli attacchi dei predatori – e il resto intorno. Durante i 40 giorni necessari alla schiusa delle uova, le femmine saranno responsabili dell’incubazione e della protezione.

Quando i piccoli nascono, sia i maschi che le femmine si prendono cura di loro. Sebbene gli struzzi mostrino un’impronta, i genitori non sono in grado di riconoscere i propri pulcini, quindi tutti gli adulti si prendono cura del gruppo di piccoli.

Poiché i maschi sono di colore più scuro delle femmine, si prenderanno cura delle veglie notturne. Essendo marroni, si mimetizzano meglio con la sabbia durante il giorno.

Comportamento dello struzzo a riposo

Il comportamento dello struzzo durante il riposo consiste in 2 posizioni in cui l’uccello non svolge alcuna attività, ma non dorme neanche. Di solito riposano eretti, rilassati, e durante la sera possono sdraiarsi a terra per riposare meglio. Tuttavia, non perdono completamente il loro atteggiamento di sorveglianza.

Durante questo riposo gli struzzi mostrano comportamenti di toelettatura o di termoregolazione, aprendo le ali o sbattendole. Lo scopo principale è quello di mantenere il piumaggio in buone condizioni per il corteggiamento ed eliminare eventuali parassiti. Inoltre “si aprono a ventaglio” per dissipare il calore immagazzinato nei loro nuclei corporei.

Per liberarsi dagli agenti patogeni, questi uccelli fanno un bagno di polvere, sdraiandosi a terra e sbattendo le ali per sollevare nuvole di sabbia. Successivamente, si alzano e la scrollano di dosso, togliendo con lei anche gli ospiti indesiderati.

La pulizia delle piume, così come la toelettatura, hanno una forte componente sociale. È comune vedere come uno struzzo inizia ad aggiustarsi le penne e gli altri, se si sentono tranquillo, lo seguono. La stessa cosa accade con i bagni, in cui questi uccelli finiscono per sollevare grandi nuvole di polvere che si vedono in lontananza.

Il corteggiamento di uno struzzo.

Attualmente, lo struzzo è in uno stato di conservazione di Least Concern, ma la sua popolazione sta diminuendo anno dopo anno. Molte organizzazioni si appellano a considerarlo in uno stato di maggiore pericolo, in quanto fa parte del programma di recupero della savana africana, quella polverosa dimora di animali giganti e ancestrali.

Potrebbe interessarti ...
Differenze tra struzzo, emù e nandú
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Differenze tra struzzo, emù e nandú

Vedendo uno struzzo, un emù ed un nandù, probabilmente molti non sarebbero in grado di distinguerli. Presentano però alcune differenze.