Incontinenza nei gatti: cosa bisogna sapere?

· 31 agosto 2018
Le cause di incontinenza nei gatti devono essere rilevate il prima possibile, al fine di applicare un trattamento adeguato.

Questi animali domestici occupano i primi posti nella classifica tra quelli più puliti. I gatti si preoccupano moltissimo per la loro igiene personale e lo dimostrano continuamente. Oggi vi parleremo dell’incontinenza nei gatti, spesso un sintomo di qualcosa che non va, a livello di salute. Un disagio emotivo o fisico può causare la presenza di perdite involontarie di urina.

Quando notate dei cambiamenti nella minzione del vostro amico a quattro zampe, è necessario chiedere consiglio a un veterinario. I rimproveri o le punizioni non serviranno a nulla, poiché è una situazione che l’animale non è in grado di controllare. Infatti, sicuramente il felino si sente infastidito e a disagio, quando non riesce a controllarsi e raggiungere la lettiera.

Parliamo dell’incapacità di controllare i propri bisogni fisiologici. Anche se è più comune in gatti più anziani, non è detto che gli esemplari giovani ne siano esclusi, a priori. Le cause di incontinenza nei gatti devono essere rilevate il prima possibile, al fine di applicare un trattamento adeguato.

Gatto grigio seduto su un prato

Le cause dell’incontinenza nei gatti

  • Età avanzata. I gatti più vecchi spesso iniziano ad avere perdite perché i loro tessuti sono indeboliti dall’usura del tempo.
  • Malformazione congenita. Se ci sono deformazioni nella vescica o nell’uretra, il gatto potrebbe perdere il pieno controllo del suo intestino. In questi casi la malattia inizia a manifestarsi nei primi mesi di vita.
  • Infezione urinaria. Anche se l’animale passa diversi minuti sulla lettiera, non riesce a liberarsi. Finché perde la capacità di arrivarvi in tempo.
  • Sterilizzazione. Questo processo sopprime una serie di ormoni nell’animale. L’assenza di questi può causare incontinenza.
  • Anche il sovrappeso ha un’influenza negativa.
  • Leucemia. Si perde il controllo dell’uretra, specialmente durante il sonno.
  • Cancro. La pressione esercitata da alcuni tumori, in determinate zone del corpo, può provocare incontinenza.
  • Calcoli. Piccoli corpuscoli intasano l’uretra e producono un’infiammazione della vescica. L’uscita dell’urina è parziale e iniziano a notarsi sgocciolamenti.
  • Traumi. Incidenti al bacino, fianchi o alla colonna vertebrale. Le lesioni sofferte possono influire sul controllo dell’uretra.
  • Disturbi emotivi. Cambiamenti repentini nell’ambiente, dovuti a un trasloco o all’ingresso in famiglia di un nuovo membro (animale o umano). Se il problema è emotivo, dovrete dedicare al gatto più attenzioni e tempo. Allo stesso modo, se l’incontinenza persiste, si dovrebbe cercare sempre l’aiuto di un professionista.

Cosa fare se il vostro gatto soffre di incontinenza?

L’animale sta attraversando una fase che può essere più o meno facile da superare. La cosa principale è che non lo sgridiate mai per eventuali perdite. La sua frustrazione potrebbe peggiorare la situazione.

Ciò di cui l’animale ha bisogno è di molta pazienza, amore e sostegno come ogni essere vivente malato e che soffre per colpa di un disagio fisico. Fategli capire che vi preoccupate per lui e che il problema può essere risolto. Posizionate più lettiere in casa, in modo da dare una mano concreta alle necessità del vostro animale domestico.

Micio accanto a due lettiere

Le perdite di urina causano irritazioni alla pelle dei gatti. Pertanto è necessario prevenire queste situazioni e aumentare il vostro controllo visivo sull’animale. Ogni volta che lo trovate bagnato con la sua stessa urina, dovrete lavarlo e asciugarlo.

Non fategli mancare il vostro supporto affettivo, così come le visite dal veterinario che vi permetteranno di ottenere una diagnosi accurata del problema. Rilevare la vera causa dell’incontinenza nei gatti consente di prescrivere una cura appropriata ed efficace.

Trattamenti per l’incontinenza nei gatti

Il trattamento è direttamente correlato alla causa che dà origine al problema. Nella maggior parte dei casi si ottengono buoni risultati, ma l’importante è non lasciar passare troppo tempo prima di chiedere aiuto.

  • Integratori ormonali. Di solito vengono prescritti quando il gatto è stato sterilizzato.
  • Antibiotici. Un regolare apporto di farmaci elimina le infezioni del tratto urinario e può anche controllare altre malattie che causano l’incontinenza.
  • Catetere. Nei casi più gravi, viene posizionato un catetere permanente per evacuare l’urina.
  • Intervento. Diventa indispensabile per correggere alcune deformazioni della vescica o dell’uretra. Allo stesso modo, quando ci sono calcoli che non scompaiono con i trattamenti precedenti.
  • Dieta alimentare. Per i gatti in sovrappeso si raccomanda una dieta a basso contenuto di grassi. È difficile cambiare le sue abitudini alimentari, ma ciò aiuterà l’animale ad avere una vita più sana ed igienica.
  • Iniezioni di collagene. Una nuova terapia suggerisce l’applicazione di diverse iniezioni di collagene allo stesso tempo, per rafforzare i muscoli che controllano l’uretra.

Non ci sono misure preventive per l’incontinenza nei gatti. Si tratta semplicemente di fare attenzione alla sua salute. Di fronte a un sintomo insolito, armatevi di pazienza e ricorrete al vostro veterinario di fiducia.