La convivenza tra il gatto e il criceto: è possibile?

La convivenza tra il gatto e il criceto è possibile, purché vengano seguiti alcuni passi specifici. Ve ne parliamo in questo articolo.
La convivenza tra il gatto e il criceto: è possibile?

Ultimo aggiornamento: 08 novembre, 2021

L’amore che si professa per gli animali domestici non comprende le specie. Tuttavia, è anche necessario valutare la compatibilità tra animali domestici, poiché alcuni potrebbero non andare d’accordo. È il caso della convivenza tra il gatto e il criceto, sebbene ciò sia perfettamente possibile in determinate circostanze.

È importante non dimenticare la natura di entrambe le specie, poiché il gatto ha un istinto di caccia e il criceto il “ruolo” di preda. Qui vi raccontiamo i segreti per fare in modo che entrambi gli animali possano avere una convivenza serena e senza stress.

Gatto e criceto vanno d’accordo?

La risposta più ovvia è no. Non si tratta però di un antagonismo come quello che potrebbero avere un gatto e un cane, poiché questi ultimi sarebbero in natura concorrenti: entrambi carnivori, entrambi cacciatori, con prede simili e una spiccata territorialità.

Nel caso di gatti e criceti, il rapporto che hanno è diverso, poiché il felino vedrà il roditore come una preda. Non possono andare d’accordo perché il primo vorrà mangiare il secondo e il secondo ovviamente non vuole essere mangiato. Su questa base, la convivenza tra il gatto e il criceto non è possibile per natura.

Un criceto nelle mani del suo guardiano.

Il gatto gioca con i roditori, ma non li uccide

Per i felini, la caccia e il gioco sono strettamente correlati. Poiché sono in grado di muoversi da soli, la madre addestra i cuccioli a cacciare, mostrando loro come catturare prede vive. Quindi, anche se un gatto domestico non ha intenzione di uccidere un roditore, i giochi che pratica con esso possono essere pericolosi.

Un gatto che ha accesso all’aria aperta avrà maggiori probabilità di vedere il criceto come preda, poiché mentre è fuori senza supervisione sarà in grado di dare libero sfogo al suo istinto di caccia. Un esempio illustrativo di tutto ciò è riportato in uno studio realizzato nel 2013: i gatti domestici in natura uccidono da 1.300 a 4.000 milioni di uccelli e da 6.300 a 22.300 milioni di mammiferi all’anno negli Stati Uniti.

È possibile raggiungere la convivenza tra gatto e criceto?

Sebbene sia altamente improbabile che entrambi gli animali diventino migliori amici, è possibile farli vivere insieme pacificamente in una casa. Per fare questo bisogna lavorare con i 2 animali: con il gatto, in modo che non veda il criceto come una preda, e con il roditore in modo che possa stare vicino al felino senza stress. Ecco alcuni suggerimenti utili per farlo.

Tenete al sicuro il criceto

Soprattutto all’inizio della relazione, l’ambiente del criceto dovrebbe essere sicuro per lui. Se possibile, è meglio che il gatto non abbia accesso alla stanza e che il roditore non trovi possibilità di fuga da essa.

Pensate che anche se il gatto non riesce a far uscire il criceto dalla gabbia, il solo fatto di averlo vicino metterà il roditore sotto molto stress.

Una volta che il criceto si è abituato alla presenza del gatto (cosa che potete ottenere con le istruzioni nella sezione successiva), dovrete solo supervisionare le loro interazioni e tenere la gabbia del criceto in un luogo dove il gatto non può capovolgerla o lanciarla via. Una buona opzione è metterla in alto e contro un angolo.

Fate una buona presentazione

Presentare correttamente i 2 animali è la chiave per aiutare a rendere più facile la convivenza. Per fare ciò, procedete come segue:

  1. Lasciate che il gatto si avvicini alla gabbia: sempre sotto controllo, lasciate che entrambi gli animali si vedano attraverso le sbarre. In questo modo potranno annusare e gradualmente abituarsi alla presenza dell’altro.
  2. Presentate il criceto: prendete il criceto tra le mani e presentatelo al gatto. Dovreste chiedere a qualcun altro di aiutarvi a tenere il gatto nel caso si avventasse sul roditore. Usate un tono gentile, accarezzate il criceto per rassicurarlo e non forzate mai i tempi di esposizione.
  3. Addestrate il gatto: durante i 2 passaggi precedenti, ogni volta che il gatto tenta di trattare il criceto come una preda, rispondete con un no deciso e terminate l’interazione. Al contrario, finché agisce pacificamente (annusandolo, ignorandolo, ecc.), ricompensatelo.
  4. Ripetete questi passaggi tutte le volte necessarie: le personalità di entrambi gli animali possono rendere il processo più breve o più lungo, ma ciò non significa che sia impossibile.

Monitorate sempre il tempo che trascorrono nella stessa stanza

La convivenza tra il gatto e il criceto, anche con una buona presentazione, non è mai esente da rischi. Pertanto, finché entrambi gli animali si trovano nello stesso spazio, dovete essere presenti e prestare attenzione. Altrimenti, potrebbe verificarsi un incidente (anche se il gatto non ha intenzione di cacciare il criceto) e potrebbe essere troppo tardi per porvi rimedio.

E se non si ottiene una buona convivenza tra gatto e criceto?

In tal caso, non avrete altra scelta che tenerli in stanze separate. L’ideale sarebbe non dare al gatto l’accesso alla stanza in cui vive il criceto. In tale stessa stanza dovrete preparare uno spazio affinché il roditore possa fare le sue uscite quotidiane e assicurarvi che non possa sfuggire sotto la porta o qualche altro varco.

Alcune persone usano palline di plastica rotolanti come metodo “sicuro” per consentire al criceto di camminare per casa, perché in questo modo gli altri animali non hanno la possibilità di attaccarlo. Tuttavia, vi scoraggiamo il suo uso, poiché è una delle principali fonti di stress nel roditore, così come colpi di calore e altri problemi associati.

Un gatto e un criceto su uno sfondo bianco.

In ogni caso, se non riuscite a far tollerare entrambi gli animali, non disperate: è un’incompatibilità che è il risultato delle tendenze naturali di entrambe le specie, non delle vostre prestazioni. L’importante è che sia il gatto che il criceto vivano felici e in salute condividendo del tempo di qualità con voi (e non necessariamente tra loro).

Potrebbe interessarti ...
Animali domestici: l’importanza di essere dei padroni responsabili
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Animali domestici: l’importanza di essere dei padroni responsabili

Gli animali domestici contribuiscono al benessere degli esseri umani. Non trovate che sia arrivato il momento di ricambiare il favore?



  • McDonald, J. L., Maclean, M., Evans, M. R., & Hodgson, D. J. (2015). Reconciling actual and perceived rates of predation by domestic cats. Ecology and Evolution5(14), 2745-2753.
  • Loss, S. R., Will, T., & Marra, P. P. (2013). The impact of free-ranging domestic cats on wildlife of the United States. Nature communications4(1), 1-8.
  • Langley, W. M. (1985). Relative importance of distance senses in hamster predatory behavior. Behavioural processes10(3), 229-239.