La divergenza evolutiva tra cane e lupo

· 13 aprile 2018

Da sempre si tende a considerare i cani come i discendenti addomesticati dei lupi. Ma quanto c’è di vero in questo? Oggi vogliamo parlarvi proprio della divergenza evolutiva tra cane e lupo, per capire meglio che tipo di legame unisce queste due antichissime specie.

La divergenza evolutiva del cane dal lupo

L’evoluzione del lupo

Ci sono prove che i primi esemplari di lupo, molto simili ai cani che conosciamo oggi, esistano da circa 800 mila anni. Tuttavia, l’habitat, i fattori ecologici, la presenza di altri predatori e ulteriori fattori hanno influenzato la struttura genetica di questi animali selvatici.

Si ritiene che la sua terra d’origine sia il Nord America, ma che alla fine i lupi si siano diffusi anche in Asia e in Sud America. Ancora oggi c’è un dibattito su questa possibilità. Alcuni pensano, contrariamente alla prima ipotesi, che la loro origine sia da cercarsi più propriamente in Asia e che, solo in seguito, questa specie abbia trovato casa anche nel continente americano. Ciò su cui tutti coincidono è l’origine: i lupi appartengono alla famiglia dei mammiferi placentati dei canidi.

lupo americano

Nel Pleistocene era conosciuta una specie di lupo gigante chiamato anche Canis dirus, per il suo aspetto e carattere. Visse in Nord America e come molti altri canidi, viveva e cacciava in branchi. Questo temibile lupo aveva dimensioni simili al lupo grigio d’Alaska, essendo leggermente più alto ma con un’enorme differenze per quanto riguarda la stazza. Studi realizzati su alcune ossa assicurano che questo lupo poteva pesare fino a 110 kg. Ovviamente, ciò era qualcosa che non lo rendeva un buon corridore. La sua virtù era però un’altra: la mascella più potente di tutti i canidi. Era così ben sviluppata che aveva la capacità di spezzare le ossa delle sue prede.

L’evoluzione del cane

Come abbiamo detto prima, nella cultura popolare si dà per scontato che i cani derivino dai lupi. Ma in che modo questo temibile predatore è diventato il miglior amico dell’uomo? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Anche se si discute ancora sull’esattezza della data, si ritiene che circa 12-15.000 anni fa un lupo venne addomesticato, in Cina. La verità è che i primi umani che abitavano quelle aree, si trovarono spesso a contatto con dei lupi di piccole dimensioni. A quanto pare, questi animali continuarono a vivere in modo selvaggio pur avvicinandosi agli accampamenti. Questo sarebbe il primo test di convivenza tra lupo e uomo.

La divergenza evolutiva tra cani e lupi non è qualcosa che può essere datata o provata con certezza. Per lo meno, è possibile sapere in che modo l’essere umano e il lupo siano riusciti a convivere. In apparenza, entrambi sviluppavano attività sociali molto simili, come la vita familiare e la difesa del branco. Questo atteggiamento condiviso, ha unito entrambe le specie, la cui sopravvivenza si basava sulla caccia.

Gli umani presto riconobbero le somiglianze tra loro e i lupi, e cercarono il loro sostegno per rendere più efficaci le loro strategie per cacciare. Sfruttavano il lavoro dei lupi per andare alla ricerca e stanare la preda. In cambio, gli offrivano i resti del pasto, garantendo loro la sussistenza.

In questo modo, i lupi accettarono il processo di domesticazione, lasciando da parte caratteristiche più ostili e aggressive, convertendosi in animali docili, affidabili e orientati a vivere con l’essere umano. I lupi diventati cani iniziarono a diventare parte fondamentale della società umana, collaborando in molte attività a parte la caccia, come la pastorizia e la difesa del territorio.

Somiglianze tra lupi e cani

Nonostante la divergenza evolutiva tra cani e lupi, ci sono molte somiglianze da considerare. Vediamo quelle più interessanti, che abbiamo riassunto nel seguente elenco:

un esemplare di cane lupo di profilo in piedi
Autore: The Pack
  • Entrambi ululano. Le due specie ululano e abbaiano (anche se i lupi latrano molto meno).
  • Hanno sensi sviluppati L’olfatto e l’udito sono sensi fondamentali per le due specie.
  • Comunicazione. Entrambi utilizzano segnali visivi, olfattivi e corporali.
  • Nascondono il loro cibo. Amano nascondere il cibo in buche scavate nel terreno, resti di carcasse e ossi, per rispondere ad esigenze future. Un istinto fortissimo che è evidente anche nei cani domestici. Si tratta di una pratica ben presente nei geni di questi animali.

Come abbiamo detto in precedenza, è impossibile stabilire una data precisa che possa individuare il momento esatto in cui il cammino di lupi e cani si è separato. E’ innegabile che la relazione tra questi due bellissimi animali continua ad affascinare l’uomo che, studiando questo importante esempio di domesticazione, trova il modo per scavare anche, e soprattutto, nel suo stesso passato di uomo primitivo.