La mia tartaruga non mangia: perché?

L'alimentazione è un fattore di grande importanza per la salute delle tartarughe, quindi è necessario agire per tempo di fronte alla perdita di appetito in questi tipi di animali domestici.
La mia tartaruga non mangia: perché?

Ultimo aggiornamento: 07 novembre, 2021

Le tartarughe sono uno dei tipi di rettili più comuni come animali domestici, poiché in genere si pensa che occuparsi di loro sia semplice. Tuttavia, per garantire che la loro salute si mantenga nel tempo, è necessario avere delle conoscenze specifiche. In caso contrario, inizieranno a presentare problemi come la perdita di appetito (la tartaruga non mangia per diversi giorni).

Bisogna prestare attenzione ai segnali sottili manifestati dall’animale domestico, in modo da evitare situazioni nefaste. Nel caso in cui il rettile smetta di mangiare, molto probabilmente c’è qualcosa che non va nel suo habitat o nella sua salute. Se siete curiosi di sapere quali siano i motivi per cui una tartaruga non mangia, continuate a leggere questo articolo.

Cosa mangia una tartaruga?

Il tipo di cibo che mangia una tartaruga dipende dalla specie e dall’età. La maggior parte di questi rettili è onnivora e si nutre di insetti, piante, crostacei e pesci, tuttavia, al fine di fornire un tipo di alimentazione adeguata all’animale domestico, prima di portarlo a casa sarà necessario studiare qual è la dieta più adatta ad ogni specie.

Le tartarughe giovani mangiano una volta al giorno, mentre quelle adulte 3-4 volte a settimana. Se il vostro animale ha smesso di mangiare per 3 giorni o più, è un chiaro segno che qualcosa non va a livello fisiologico o emotivo.

Una tartaruga che mangia lattuga.

Quali sono i motivi per cui una tartaruga non mangia?

Quando una tartaruga smette di mangiare è necessario fare attenzione alle tempistiche, poiché è normale che gli esemplari adulti non mangino per 2 o 3 giorni. Tuttavia, negli esemplari giovani un solo giorno senza cibo rappresenta un grande rischio per la loro salute, poiché potrebbe portare a malnutrizione acuta o cronica.

Le ragioni alla base di questo problema possono essere diverse, ma principalmente hanno a che fare con l’habitat o la salute dell’esemplare. Ecco alcuni dei motivi più comuni per cui la tartaruga domestica può perdere l’appetito.

Ora del giorno

Le tartarughe sono generalmente animali diurni attivi al mattino. Quindi, se provate a dar loro da mangiare di notte, probabilmente non mostreranno interesse. La soluzione è dargli da mangiare nelle prime ore del giorno, in quanto ciò assicura che il rettile sia disposto a provare il cibo che gli viene offerto.

Questo è forse il caso più semplice da risolvere, poiché la soluzione è quasi immediata e non presenta complicazioni. Se notate ancora che il vostro animale domestico non si nutre, prendete in considerazione l’eventualità di portarlo in un centro veterinario per animali esotici per un controllo.

Stress

Quando la tartaruga arriva per la prima volta a casa del suo proprietario, è probabile che provi stress per via del cambiamento di habitat. In queste occasioni, mentre si adattano alla loro nuova casa i rettili mostrano riluttanza nel mangiare. Man mano che si abituano al loro nuovo spazio, il loro appetito tornerà gradualmente.

Altri fattori importanti da considerare sono la qualità dell’acqua e la luce nell’habitat, poiché entrambi possono causare stress al rettile. Per evitarlo, assicuratevi che l’acqua sia pulita e che il fotoperiodo non superi le 14 ore, altrimenti la tartaruga sarà riluttante a mangiare.

Infine, ricordate che le tartarughe non sono animali da maneggiare per un periodo troppo lungo. Dal momento che si tratta di esemplari che prediligono ambienti abbastanza tranquilli, evitate di tirarle fuori o toccarle troppo, poiché questo le fa sentire a disagio e stressate, il che fa perdere loro l’appetito, compromettendone la salute.

Temperatura e luce UV

Come ogni altro rettile, le tartarughe hanno bisogno della luce di una lampada speciale per riscaldarsi e ricevere i raggi UV. Questo perché sono organismi ectotermi, ossia necessitano di queste condizioni per poter regolare la digestione e il metabolismo del loro corpo. Quando il suo habitat non soddisfa questi requisiti, il cibo viene processato lentamente e la tartaruga perde l’appetito.

La temperatura corretta per una tartaruga è compresa tra i 26 e 32 °C, anche se l’intervallo può variare a seconda della specie in questione. Inoltre, è necessario assicurarsi che la lampada emetta raggi UV (UVA e UVB), in quanto essenziali per la sua pelle. Ricordate che per salvaguardare la salute del rettile avranno bisogno dalle 12 alle 14 ore di luce al giorno al massimo.

Dieta poco varia

Dal momento che come animali domestici sono diffusi, si crede spesso che le tartarughe abbiano bisogno soltanto di cibo processato (pellet) per sopravvivere. In realtà non è così, perché in natura la loro dieta è molto più varia. Alcune tartarughe si stancano del cibo processato, e per questo motivo smettono di mangiare pellet commerciali.

Per risolvere non resta che offrire all’animale una dieta più varia che includa frutta, piante, insetti, pesci e semi adatti ad ognuna specie. Ricordate che, anche se le tartarughe più comuni sono onnivore, è meglio informarsi sulla loro dieta naturale in modo da potergli offrire i cibi più adatti a loro.

Se è questa la causa della perdita dell’appetito, offrendogli un altro tipo di dieta la tartaruga dovrebbe riprendere a mangiare. Altrimenti, risparmiate altri giorni di digiuno al vostro animale domestico e andate da un veterinario specializzato.

Carenza di vitamine o calcio

Se la dieta della tartaruga è composta interamente di pellet commerciali, alcune tartarughe mostreranno carenze nutrizionali. Questa situazione può far sì che l’animale domestico perda l’appetito, si mostri stanco e la colorazione sul suo guscio sbiadisca. Il modo migliore per contrastare questo problema è integrare nella dieta cibi freschi e vari.

In casi critici è anche possibile aggiungere integratori vitaminici o di calcio per compensare le carenze di cui soffre la tartaruga. Tuttavia, ricordate che in questo caso dovrà essere monitorata da un veterinario, poiché solo così potrete assicurarvi che la salute del vostro animale domestico non ne risentirà.

Malattie

Come tutti gli animali domestici, le tartarughe sono suscettibili a varie malattie se si trascura la loro salute. I sintomi possono includere cambiamenti nel colore della pelle, naso che cola, stanchezza e perdita di appetito.

Anche se sembrano facili da trattare, molte malattie possono risultare fatali per il vostro animale domestico. Ecco alcuni segnali d’allarme che potrebbero indicare la presenza di una patologia nell’animale domestico:

  • Vomito o rigurgito.
  • Perdita di peso.
  • Letargia (stanchezza).
  • Respirazione affannosa.
  • Ritenzione delle feci.
  • Feci con vermi.

Come posso evitare che la mia tartaruga smetta di mangiare?

Il modo migliore per prevenire la perdita di appetito nelle tartarughe è rispondere ai bisogni primari della specie. Ciò include temperatura, umidità, illuminazione e una dieta varia. Oltre a questo, si consiglia anche di pulire frequentemente l’habitat per evitare qualsiasi tipo di infezione e stress nell’animale.

Una tartaruga della Florida su una roccia.

Il motivo alla base della perdita di appetito di una tartaruga può essere grave, quindi alla minima indicazione è bene chiedere aiuto a un veterinario. Ricordate che gli animali domestici non possono comunicare verbalmente il loro disagio, quindi è necessario tenerli d’occhio e rilevare eventuali cambiamenti nel loro comportamento.

Potrebbe interessarti ...
I 3 problemi di salute più comuni nelle tartarughe domestiche
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
I 3 problemi di salute più comuni nelle tartarughe domestiche

Le tartarughe sono uno degli animali esotici più comuni come animali domestici. Ma quali sono i problemi di salute più comuni delle tartarughe dome...



  • Rawski, M., Mans, C., Kierończyk, B., Świątkiewicz, S., Barc, A., & Józefiak, D. (2018). Freshwater turtle nutrition-a review of scientific and practical knowledge. Annals of Animal Science, 18(1), 17.
  • Donoghue, S. (1998, July). Nutrition of pet amphibians and reptiles. In Seminars in Avian and Exotic Pet Medicine (Vol. 7, No. 3, pp. 148-153). WB Saunders.
  • Norton, T. M. (2005, April). Chelonian emergency and critical care. In Seminars in avian and exotic pet medicine (Vol. 14, No. 2, pp. 106-130). WB Saunders.
  • Köchli, B. (2018). Turtles as a patient. Svensk Veterinärtidning, 70(9), 10-12.
  • Donoghue, S., & Langenberg, J. (1994). Clinical nutrition of exotic pets. Australian veterinary journal, 71(10), 337-341.