L'alimentazione del tucano

All'inizio si credeva che i tucani fossero animali pacifici e poco ostili, poiché non era mai stato registrato alcun episodio aggressivo. Tuttavia, alcuni ricercatori hanno riferito di aver visto questi uccelli attaccarsi a vicenda con il becco, poiché nei loro territori competono per vari motivi, compreso il cibo.
L'alimentazione del tucano

Ultimo aggiornamento: 20 novembre, 2021

I tucani hanno un bel becco allungato e colori vistosi. Queste caratteristiche li hanno resi popolari in diversi paesi, sebbene la loro diffusione sia limitata all’ecosistema climatico tropicale del continente americano. L’aspetto tipico del tucano costituisce un adattamento al cibo di cui si nutre: le sue caratteristiche particolari dunque non servono solo ad essere messe in mostra.

Questi uccelli appartengono al gruppo dei ranfastidi (Ramphastidae), che è costituito da diverse specie. Alcuni di loro vivono in foreste tropicali dove abbondano vegetazione, frutti e insetti, quindi la loro dieta in genere si adatta al loro stile di vita. Continuate a leggere e scoprite di più sull’alimentazione del tucano.

Caratteristiche del tucano

Questi uccelli raggiungono delle dimensioni che vanno dai 30 ai 65 centimetri di altezza, e i loro grandi becchi raggiungono i 20 centimetri di lunghezza. Inoltre, hanno un piumaggio colorato e luminoso che presenta i toni del blu, giallo, rosso e verde, su un’elegante base color nero. Inoltre, in alcune specie gli occhi si distinguono perché sono cerchiati da colori accesi.

Il gruppo dei tucani non si è molto adattato al volo costante, per questo motivo le loro ali sono piccole e arrotondate. Al contrario, hanno delle gambe molto più forti e trascorrono la maggior parte della loro vita sugli alberi. Anche in questo caso, infatti, le dita svolgono un ruolo importante, poiché per metà sono rivolte in avanti e per metà all’indietro, il che li aiuta ad agganciarsi meglio ai rami.

Il tucano è un animale bipede.

Cosa mangia il tucano?

Le foreste tropicali hanno spesso grandi quantità di risorse alimentari, e i tucani hanno perciò molte prede tra cui scegliere. Tuttavia, questi uccelli preferiscono consumare frutta per via del loro alto contenuto di acqua e zucchero. Ciò non significa che siano completamente frugivori, poiché consumano anche un’ampia varietà di artropodi, uova, piccoli di altri uccelli e persino alcuni serpenti.

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista scientifica The Condor, la maggior parte delle specie di tucani consuma solo frutta. Per questo motivo sono classificati come animali frugivori, anche se alcuni mangiano anche prede più ricche di proteine. Questa strategia sembra sia un adattamento atto a soddisfare la necessità di energia durante la stagione riproduttiva.

L’alimentazione del tucano cambia in base al livello del mare

I tucani sono in grado di vivere a diverse altitudini, dalle catene montuose alle giungle che si trovano al livello del mare. Per questo motivo è comune che l’alimentazione del tucano cambi a seconda del posto in cui vive. Tuttavia, sembra che questi cambi siano un po’ più particolareggiati di quanto si possa pensare.

In una ricerca condotta dalla Paulista State University è stato osservato che i tucani che vivono vicino al livello del mare hanno un’alimentazione basata quasi interamente sulla frutta. Al contrario, quelli che abitano le montagne tendono a nutrirsi di insetti, piante e frutti.

Questo sembra essere legato alla scarsità di frutta nelle foreste d’alta quota, portando l’uccello ad adattare la sua dieta per compensare i nutrienti che non può trarre dalla frutta.

Vista in un altro modo, la flessibilità dell’alimentazione del tucano gli consente di compensare le carenze nutrizionali nei suoi habitat. Per questo motivo, sono in grado di vivere in diversi posti e di resistere a condizioni avverse.

I benefici del tucano nell’ecosistema

Il ruolo del tucano nell’ecosistema è molto importante, poiché è responsabile della dispersione dei semi che si trovano all’interno dei frutti che mangia. Inoltre, il suo stomaco piccolo e il suo metabolismo veloce fanno sì che sia in grado di processare il cibo in una sola ora.

Di conseguenza, il tucano ha bisogno di mangiare più volte al giorno per acquisire i nutrienti necessari, il che fa sì che possa disperdere i semi in modo efficace.

Il becco del tucano

Le dimensioni del becco del tucano gli consentono di trattenere e mangiare quasi tutti i tipi di frutta. Questo non è dovuto solo alla lunghezza, ma anche alla leggera dentatura che utilizza per tagliare o macinare il cibo. Questa struttura infatti non è né ruvida né pesante, poiché ha una forma particolare che facilita la leggerezza.

La funzione del becco non finisce qui, poiché funge da termoregolatore del corpo dei tucani. Funziona in modo simile alla lingua di un cane: il sangue lo attraversa per raffreddarlo con l’aria. In questo modo, l’uccello riesce a mantenere la temperatura corporea stabile senza spendere molta energia.

Si può avere un tucano come animale domestico?

Penserete che questi uccelli siano un’ottima scelta come animale domestico. Tuttavia, nella maggior parte dei paesi è illegale tenere questi esemplari, il che li rende impossibili da ottenere. Ciò non è dovuto solo al fatto che alcune specie sono a rischio di estinzione, ma anche perché hanno delle necessità molto specifiche e pochi padroni sono in grado di dargli davvero tutti ciò di cui hanno bisogno.

Un tucano che mangia i semi.

I tucani nascondono diversi segreti dietro il loro aspetto colorato. Tra di essi, vi è la grande capacità di adattarsi alle risorse del suo ambiente, così come il modo di sfruttare le caratteristiche del suo habitat per poter sopravvivere. Tuttavia, ciò non è sempre sufficiente per combattere problemi come la caccia illegale e la deforestazione del loro habitat.

Potrebbe interessarti ...
Conosciamo insieme il tucano e il suo becco colorato
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Conosciamo insieme il tucano e il suo becco colorato

Quella di cui vi parliamo oggi è una specie molto colorata e caratterizzata da un becco grande ed imponente: ecco a voi il tucano.



  • Ragusa-Netto, J. (2008). Toco toucan feeding ecology and local abundance in a habitat mosaic in the Brazilian cerrado. Ornitol. Neotrop, 19, 345-359.
  • Galetti, M., Laps, R., & Pizo, M. A. (2000). Frugivory by Toucans (Ramphastidae) at Two Altitudes in the Atlantic Forest of Brazil 1. Biotropica, 32(4b), 842-850.
  • Remsen Jr, J. V., Hyde, M. A., & Chapman, A. (1993). The diets of Neotropical trogons, motmots, barbets and toucans. The Condor, 95(1), 178-192.
  • McNab, B. K., & Bosque, C. (2001). Energetics of toucans, a barbet, and a hornbill: implications for avian frugivory. The Auk, 118(4), 916-933.
  • Ragusa-Netto, J. (2006). Abundance and frugivory of the toco toucan (Ramphastos toco) in a gallery forest in Brazil’s Southern Pantanal. Brazilian Journal of Biology, 66, 133-142.
  • Short, L., Horne, J., & Horne, J. F. (2001). Toucans, barbets, and honeyguides: Ramphastidae, Capitonidae and Indicatoridae (Vol. 8). Oxford University Press.
  • Matinata, B. S., & Perrella, D. F. (2020). First record of geophagy by a Ramphastidae species (Piciformes). Ornithology Research, 28(3), 174-177.
  • Arteaga-Chávez, W. A., & Togán-Murillo, D. P. (2020). DEPREDACIÓN DEL TUCÁN ANDINO PIQUILAMINADO Andigena laminirostris (RAMPHASTIDAE) A UNA SERPIENTE DEL GÉNERO Chironius (COLUBRIDAE). Revista Ecuatoriana de Ornitología, (6), 62-66.
  • Holbrook, K. M. (2011). Home range and movement patterns of toucans: implications for seed dispersal. Biotropica, 43(3), 357-364.
  • de Guaraldo, A. C., Antqueves, L. M. C., & Manica, L. T. (2019). Beyond a feeding and thermoregulatory structure: toucan’s bill as a sword and pincer. Revista Brasileira de Ornitologia, 27(3), 145-148.
  • dos Santos, A. A., & Ragusa-Netto, J. (2013). Toco-toucan (Ramphastos toco) feeding habits at an urban area in Central Brazil. Ornitología Neotropical, 24, 1-13.
  • Cove, M. V., Fernandez, C. M., Alvarez, M. V., Bird, S., Jones, D. W., & Fagan, M. E. (2017). Toucans descend to the forest floor to consume the eggs of ground-nesting birds. Food Webs, 10, 2-4.
  • Silva, P. A. (2019). Flower eating by the Toco Toucan (Ramphastos toco) in an anthropogenic landscape during the dry season. Ornitologia Neotropical, 30, 51-55.
  • Alarcón-Nieto, G. (2009). Amplitud y traslape de la dieta de los tucanes y barbudos. Estación biológica Mosiro Itajura-Caparú: Biodiversidad en el territorio Yagojé-Apaporis. Bogotá, Colombia: Conservación Internacional Colombia.