Laringite nei cani

Per questi tipi di malattie, si possono integrare al trattamento cure inalatorie o l'utilizzo di umidificatori a temperature calde. Questi strumenti ridurranno l'irritazione, facendo migliorare rapidamente la salute del cane.
Laringite nei cani

Ultimo aggiornamento: 02 dicembre, 2021

La laringe è un organo delle vie respiratorie che si trova tra la trachea e la faringe. Questa struttura è responsabile della protezione delle vie aeree, ma contiene anche le corde vocali, che producono la voce. Per via di infezioni o l’inalazione di sostanze irritanti, la laringe dei cani può infiammarsi, causando una condizione nota come laringite.

L’abbaio è prodotto dalle corde vocali nella laringe del cane, quindi un’infiammazione di questo organo tende a causare la scomparsa delle sue vocalizzazioni. Inoltre, se questa condizione non viene trattata correttamente, potrebbe iniziare a ostruire le vie aeree dell’animale. Continuate a leggere questo articolo per saperne di più sulla laringite nei cani.

Cos’è la laringe?

La laringe è una struttura che agisce come una valvola e impedisce il passaggio di corpi estranei nelle vie aeree. Inoltre, contiene una serie di cartilagini che le permettono di muoversi o riorganizzarsi a seconda delle esigenze del corpo. Questi cambiamenti sono necessari anche affinché il cane possa abbaiare. Per questo motivo questo organo svolge 2 funzioni principali: la protezione delle vie aeree e la vocalizzazione.

La laringe si trova tra la faringe e la trachea, e si occupa di bloccare l’accesso ai polmoni a tutto ciò che non è aria. Per questo motivo, il ruolo di questo organo è più complesso di quello di una semplice valvola che impedisce l’ostruzione delle vie aeree.

Padrone accarezza il suo cane.

Cos’è la laringite nei cani?

Laringite è il termine usato per riferirsi all’infiammazione della mucosa o della cartilagine della laringe. Il problema principale in questa patologia è l’affezione delle vie respiratorie, poiché il gonfiore impedisce al cane di respirare bene. Inoltre, poiché l’aria entra ed esce costantemente, se non viene esercitata cautela questa zona finirà per irritarsi ancora di più.

Quali sono i sintomi della laringite nei cani?

Questa patologia ha solitamente sintomi molto evidenti e riconoscibili per il padrone, poiché la laringite colpisce una delle regioni più importanti per la vita del cane. Alcuni dei segni clinici che si possono riscontrare sono i seguenti:

  1. Perdita o cambiamento del tono dell’abbaio: i movimenti della laringe sono ciò da cui dipende la produzione dell’abbaio, quindi un’infiammazione può impedire al cane di vocalizzare o modificare il tono della sua voce.
  2. Tosse: essendo coinvolta nell’entrata e uscita dell’aria, la laringe viene costantemente irritata, provocando una tosse secca.
  3. Difficoltà respiratorie: se l’infiammazione aumenta troppo, le vie aeree finiscono per bloccarsi, causando difficoltà nel respiro del cane.
  4. Rumori durante la respirazione: una leggera ostruzione delle vie aeree può causare strani rumori durante la respirazione del cane.
  5. Ansimi: i cani sentono fastidio alla gola (come se avessero qualcosa di “bloccato” al suo interno), per questo motivo ansimeranno spesso nel tentativo di eliminarne la causa.
  6. Perdita di appetito: la patologia può anche causare difficoltà nel passaggio del cibo attraverso l’esofago. Di conseguenza, l’animale mangerà di meno o lo eviterà del tutto.
  7. Febbre: si verifica quando la laringite è provocata da un’infezione.
  8. Muco: questa malattia è solitamente accompagnata da altre patologie come il cimurro, a causa del quale si osserverà del muco molto acquoso o di colore diverso dal normale.
  9. Letargia: il fastidio continuo e la cattiva alimentazione fanno sì che l’animale si senta stanco o senza energia.
  10. Mucose di colore violaceo: è un segno di una mancanza di ossigenazione nei casi gravi di infiammazione della laringe.

Quali sono le cause della laringite?

Le cause della laringite sono generalmente facili da trattare a breve termine. Tuttavia, occorre prestare attenzione per evitare di complicare la situazione, motivo per cui è necessario agire per tempo. Alcuni dei fattori che possono causare l’infiammazione della laringe sono i seguenti:

  • Abbaio eccessivo o molto espansivo.
  • Inalazione di sostanze irritanti (fumo, polvere o gas irritanti).
  • Trauma (colpi o eccessivi strattoni col collare).
  • Esposizione all’aria fredda.
  • Danni diretti alla laringe (ad esempio un tentativo di dare delle pillole al cane o un pasto troppo abbondante).
  • Ingestione di oggetti estranei.
  • Infezione (virus o batteri).

Sebbene la maggior parte delle volte la laringite sia causata da fattori esterni, in alcuni casi è causata da alcune patologie preesistenti. Pertanto, sono un effetto collaterale di altre malattie o interventi clinici. I fattori scatenanti più comuni sono i seguenti:

  • Allergie.
  • Tracheobronchite.
  • Cimurro.
  • Interventi chirurgici (lesioni da intubazione).
  • Obesità (per via della respirazione affannosa).
  • Paralisi laringea.
  • Infezioni del tratto respiratorio superiore (faringe, bocca o naso).

Come se non bastasse, alcune razze di cani come i carlini (che sono brachicefali) hanno una maggiore probabilità di avere la laringite. Ciò è dovuto alla forma del cranio, poiché ostruisce il passaggio dell’aria e rende difficile la respirazione. Di conseguenza, se il cane respira troppo velocemente si verifica un’irritazione costante.

Come viene diagnosticata la laringite?

La diagnosi provvisoria può essere fatta sulla base dei sintomi clinici. Tuttavia, per essere certo, il veterinario potrebbe eseguire un’endoscopia, in modo da esaminare la laringe del cane. In questo modo, si può confermare o escludere la laringite. A questo punto, se l’infiammazione in questa zona ostruisce completamente le vie aeree, il veterinario eseguirà un’intubazione di emergenza.

È importante notare che la diagnosi ha anche lo scopo di identificare la causa dell’infiammazione. Ciò si ottiene attraverso l’analisi della storia clinica e test complementari. Sarà comunque il veterinario a richiedere gli esami rilevanti a seconda del caso.

Qual è il trattamento della laringite nel cane?

Il trattamento della laringite si concentra sul miglioramento della respirazione del cane. Ciò si ottiene attraverso farmaci antinfiammatori (corticosteroidi), sebbene nei casi più gravi possa essere necessaria una tracheostomia immediata. Inoltre, se il cane ha un’ossigenazione troppo bassa, di solito si consiglia di sottoporlo a ossigenoterapia.

Una volta che il cane si è ripreso dai sintomi iniziali, si procede ad affrontare le malattie secondarie che potrebbero essere alla base della laringite. Secondo un articolo scientifico del Bulgarian Journal of Veterinay Medicine, le cause più comuni di questa condizione sono le infezioni opportunistiche da batteri. Nella maggior parte dei casi, sarà necessario un ciclo di antibiotici.

Un veterinario esamina un cane.

La laringite è pericolosa per il mio cane?

La laringite è generalmente un disturbo lieve e da sola non provoca la morte dell’animale. Tuttavia, ciò dipende dall’agente eziologico che lo ha causato, poiché in alcuni casi il pericolo risiede nella patologia secondaria. Ad esempio, l’infiammazione da sola non può causare il soffocamento dell’animale, ma può farlo se si presenta insieme alla paralisi laringea.

Come potete vedere, la laringite è una patologia comune, le cui complicazioni si possono evitare facendo attenzione. Ciò non significa che non si debba andare dal veterinario, poiché è necessaria una valutazione professionale. Senza un parere esperto, mettereste a serio rischio il vostro animale domestico, perché non potrete conoscere le cause della malattia. Ricordate che una diagnosi tempestiva può salvare la vita del vostro cane.

Potrebbe interessarti ...
Soffocamento nei cani: 7 possibili cause
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Soffocamento nei cani: 7 possibili cause

Molti oggetti e situazione impreviste possono provocare il soffocamento nei cani. Oggi vi diremo come intervenire in caso di soffocamento.



  • Uzunova, K. I., & Koleva, K. A. (2005). Importance of microclimate, floor type and floor bedding for the incidence of catarrhal rhinitis and laryngitis in dogs. Bulgarian Journal of Veterinary Medicine, 8(2), 135-139.
  • ITOH, T., NISHI, A., KUSHIMA, K., UCHIDA, K., CHAMBERS, J., & SHII, H. (2016). Obstructive Pyogranulomatous Laryngitis in A Dog Treated with Permanent Tracheostomy. Jpn J Vet Anesth Surg, 47(1), 1-5.
  • Aravena, L. A., Rico, B., Flores, E., & Cattaneo, G. (2004). Laringe canina y humana: um estudio para establecer homologia. Arquivos de Ciências Veterinárias e Zoologia da UNIPAR, 7(2).
  • Mateo, A. G., Silva, L. B., & Sánchez, H. L. (2016). Anatomía e histología de las articulaciones de la laringe canina. Un modelo experimental. Revista Argentina de Anatomía Online, 7(2), 64-69.
  • Pérez, B., Gómez, M., Mieres, M., Galecio, J. S., Yefi, C., & Aburto, P. (2010). Tomografía computarizada de la laringe en perros mesocefálicos. Archivos de medicina veterinaria, 42(1), 91-99.
  • Eguren Silva, J. M. (2019). Síndrome del perro braquicefálico: actualización en su fisiopatología, diagnóstico y tratamiento.
  • Baschar, H. A. (2017) CAPÍTULO 4: Laringoscopía y faringoscopía en Aprea, A. y Giordano, A., (Eds) Manual de endoscopía veterinaria, 46. Universidad Nacional de La Plata.